Per usare un ampio giro di parole: la comunicazione del PD è ormai su livelli di cialtroneria imbarazzanti. È evidente che una delle pochissime lezioni che Matteo Renzi sembra essersi portato a casa dopo la sconfitta referendaria è stata quella sulla necesssità di “comunicare meglio”. Che la sconfitta si spiegava – certamente – con un errore di comunicazione. Che nel momento in cui il partito avesse imparato a “comunicare meglio” tutto sarebbe magicamente andato a posto. Per usare un ampio giro di parole: cazzate.


Schermata 2017-05-30 alle 06.36.56

Questi due pregevoli manufatti che vedete qui sopra sono stati pubblicati su pagine ufficiali* del PD nelle ultime ore. Si tratta – probabilmente – di due tentativi di comunicare meglio la linea politica del PD ai suoi elettori. Il primo suggerisce un paragone a prova di scemo fra Renzi e Totti (due grandi capitani). Il secondo quota in maniera truffaldina un articolo del New York Times sintetizzandone alcune parti e dimenticandone altre (specie quella in cui NYT scrive che la situazione di Roma si trascina immutata da un decennio). Quali sono i punti di contatto fra questi due tentativi di miglior comunicazione? Il primo è ovviamente quello di accettare un sacrificio: si banalizza il contenuto politico per raggiungere potenziali nuovi elettori (in questo caso si tratta di usare Totti domani sarà qualsiasi altra quisquilia nazionalpopolare). Il secondo è quello di ridurre il tasso di verità del proprio messaggio (una tecnica mutuata pari pari da Beppe Grillo) per renderlo più sexy ed immediato.

Tutto questo processo di riduzione offende ovviamente una quota di elettori del PD (ieri fra i miei contatti i mal di pancia per simili scelte erano evidentissimi anche fra i renziani della prima ora) ma sembra essere stato cinicamente immaginato pensando ai due piatti della bilancia. Su un piatto l’elettorato colto ed acquisito, sull’altro lo sterminato potenziale bacino di nuovi elettori sensibili a simili temi che abitano il mondo là fuori.

Se volete si tratta un po’ della medesima strategia che Renzi ha spiegato in passato sulla necessità di andare a pescare elettori da altri ambiti, liberandosi da inutili imbarazzi ideologici. Una volta erano quelli di Berlusconi, oggi sono quelli di Grillo. Le tecniche per interessare questi nuovi elettori sono però ammuffite e deprimenti e rappresentano forse il proseguimento con altri mezzi di una vecchia idea di Renzi di comunicazione: quella che lo consigliava di spiegare i provvedimenti del proprio governo in anteprima nel salotto televisivo di Barbara D’Urso o fra i plastici di Bruno Vespa.

La sostituzione di Filippo Sensi (raffinato e colto spin doctor di Renzi prima del diluvio) con Michele Anzaldi (uno dei tanti cecchini renziani che ogni giorno riempiono le agenzia di ingiunzioni contro tutto e tutti) è la miglior controprova di questa nuova linea. Dopo la sconfitta Renzi diventa pop. Sceglie di imparare dai propri errori accentuandoli. Accetta di rendersi ridicolo per una piccola quota dei suoi in nome di una promessa di futuri fugidi successi affidati a quella vasta schiera di potenziali elettori che credono a qualsiasi cosa.




update*: mi fanno notare che Matteo Renzi News, da cui proviene una delle due immagini, è una pagina FB di sostenitori renziani non ufficiale.

6 commenti a “Renzi diventa pop. Che Dio ci aiuti”

  1. stefano dice:

    Commento migliore all’immagine di Totti, trovato sul web “Il PD è l’unico partito che riesce a stare sul cazzo pure a chi lo vota.”

  2. rico dice:

    Ho letto la bio di Michele Anzaldi, ci mancava proprio un jihadista ambientale con scarsa o nulla conoscenza in materia.

  3. Se Matteo Renzi amministra davvero Matteo Renzi News – lostatosolido.it dice:

    […] la noia del lunedì pomeriggio? Tra i tanti: ne hanno scritto il Corriere.it, Massimo Mantellini su manteblog e il Movimento 5 Stelle sul blog di […]

  4. Renzi diventa pop. Che Dio ci aiuti. – hookii dice:

    […] Mantellini sul proprio blog si scaglia contro la nuova campagna di comunicazione del segretario del PD, basata sulla […]

  5. Matteo dice:

    Direi che ne hai anticipata una di grossa stavolta, mante…

  6. Non benissimo - Wittgenstein dice:

    […] del PD. – tra le reazioni di fastidio più esemplari e riprese, quelle di Enrico Sola e di Massimo Mantellini (che già ne scrisse qui) e di Alberto Infelise sulla Stampa. – questi sono invece […]

Lascia un commento