Io trovo che questa cosa di Michele Santoro parlamentare europeo di fresca nomina, gia’ pronto a lasciare l’incarico per tornarsene in RAI sia una leggera presa per i fondelli dei poveretti che lo hanno votato. Non so, mi sbagliero’.

Faccio mia la regola aurea di Paolo Valdemarin: Se hai un blog e non hai niente da dire, chiudilo.

Crisi Respiratore per il Pontefice: Navarro: “Servono altri accertamenti”. Al momento dell’ingresso al Gemelli era “cosciente e piuttosto disteso“. (repubblica.it)

Comments Off

Maurizio Benzi mi chiede un parere su cosa caratterizzi un blog. Una questione sulla quale discutevamo qualche anno fa. Ho idea che possano esistere pareri assai discordanti in materia: come accade in questi casi la cosa migliore e’ forse che ognuno si tenga i propri. Pero’ mi presto volentieri (anche in relazione a una certa […]

Oggi Libero ha rivoluzionato al sua homepage creando fra l’altro una sezione blog che fara’ discutere. Un motore di ricerca piu’ un simil-aggregatore di post all’interno del quale si evidenzia una sezione “blog piu’ popolari” linkati in alto ed un gruppo di post aggregati per argomenti piu’ in basso. L’iniziativa ha per conto mio una […]

Raimondo mi segnala questa incredibile ultimora di Repubblica.

Beppe segnala questo bell’articolo di Portel sui giochetti di Tiscali che minaccia di rescindere il contratto ai clienti che generano troppo traffico sulle loro utenze flat. Quant’e’ questo limite, oltrepassato pare dall’1% della clientela? Non si sa. Nel contratto non c’e’ scritto. Ma Tiscali intende far valere una generica condizione che recita: 9. Limitazione – […]

22
Feb

E’ mezzanotte giusto ora. E nevica proprio per bene.

Molto divertente questo articolo sull’International Herald Tribune su Dagospia. Un po’ perche’ fa tenerezza D’Agostino che si spaccia per blogger, un po’ per certe esagerazioni agiografiche a lui riferite del tipo: “ William Ward, a British journalist who has known D’Agostino for two decades, said: “He’s like Andy Warhol or Tom Wolfe.“

Contrappunti, su Punto Informatico di domani. Può una società  che si occupa di monitorare il traffico su Internet, divulgando studi statistici poi ripresi da tutta la stampa nazionale, non avere un sito sul web? Fosse anche solo una semplice vetrina? Altrove certamente no, in Italia invece è possibile (continua)