Immagino che qualcuno lo abbia già scritto ma la questione dell’elenco dichiarato degli amici più cari, dal primo al quinto, rimanda immediatamente e con velocità supersonica ai tempi dell’asilo. In pratica questioni rilevanti della politica di questo Paese sono in questo momento nelle mani di un bambino di 4 anni. O più verosimilmente, degli adulti che lo circondano e amorevolmente lo consigliano.

Lascia un commento