Schermata 2015-07-19 alle 23.20.55


(World Happiness Report, via Fabrizio Goria su TW)

10 commenti a “Chiedimi se sono felice”

  1. diamonds dice:

    Forse, molto semplicemente, i campioni sono stati raccolti prima dell`Era Renzi

    http://youtu.be/IHKl63d-TfM

  2. bv dice:

    Io sono felice, anche qua in Italia. Davvero. E devo dire che non penso lo sarei così tanto in quasi nessuno dei paesi nelle prime venti posizioni. So’ gusti…

  3. Atos dice:

    A parte il Canada, che m’attizza assai, nei primi 10 ci sono troppi posti dove si mangia renna affumicata, mi sale la tristezza dopo due giorni.

  4. unAlberto dice:

    I gusti son gusti propri e personali.
    Le classifiche i sondaggi e le statistiche ricavate, sono spesso opinioni guidate anche involontariamente.
    Io sto bene qui, se qualcuno se ne va, lascia un po’ di spazio in più.
    Che si ricordi di inviarci una cartolina o meglio un selfie…

  5. andrea61 dice:

    Giusto pochi giorni fa un ricercatore mi mostrava i risultati di alcuni studi internazionali condotti sul tema della percezione della felicità individuale.
    Pare che il 50% dipenda dal DNA per cui immodificabile, il 40% dall’attitudine personale di per sè addestrabile e solo il 10% dipenda effettivamente dall’ambiente esterno e da ciò che ci accade.
    Se fosse così quella figura più che un dato sui paesi sarebbe la fotografia delle differenti culture ed in effetti un popolo che ama piangersi addosso e magnficare le supposte virtù straniere difficilmente potrebbe trovarsi nella parte alta della classifica.

  6. bv dice:

    A me, inoltre, non mi è chiara la legenda sottostante: la percezione della corruzione in che modo influisce sulla mia felicità?

  7. diamonds dice:

    A nessuno che venga in mente che forse si ha la sensazione di vivere nel migliore dei mondi possibili solo perche` non ha sperimentato le alternative?(p.s. non sono un uomo di mondo)

  8. Roby10 dice:

    Questo grafico conferma una delle mie personali teorie… le temperature influiscono molto sullo status di un paese… di norma nei paesi freddi le cose funzionano meglio che in quelli caldi, perchè al di la di retaggi culturali e situazioni più complesse, qualunque tipo di lavoro è influenzato negativamente da un clima caldo.

  9. Paolo dice:

    Questo grafico conferma una delle mie personali teorie… le temperature influiscono molto sullo status di un paese… di norma nei paesi freddi le cose funzionano meglio che in quelli caldi

    mi suiciderei, ma felice. Felice di suicidarmi.

    @Roby10

    :-) :-) :-D

    PS
    sul ‘funzionare meglio’.. Se fossimo sotto Berlusconi forse qui leggeresti solo lamentele, e invece a parità di slogan e politica (“meno tasse per tutti”), conta molto la squadra del cuore e il riflesso mediatico e questo potrebbe polarizzare le percezioni.

    una delle mie personali teorie: il rapporto col calcio e gli integratori in genere

  10. dmitri dice:

    http://meccanic13.blogspot.it/2013/09/il-culo-di-nascere-in-oman.html?m=1