Da un lato lo spiritualismo come scienza affonda le radici nel lavoro di due pensatori settecenteschi come Emanuel Swedenborg e Franz Mesmer. il primo, scienziato e autore considerato tra i maggiori mistici occidentali, aveva sostenuto di poter comunicare con il mondo dei morti, mentre il secondo era l’inventore dell’ipnosi moderna, una tecnica che avrebbe giocato un ruolo di fondamentale importanza nella nascita della psicanalisi. Dall’altro lato a essere investito di un sentimento religioso era lo stesso telegrafo che, mettendo in comunicazione mondi lontani, produceva una presenza laddove avrebbe dovuto esserci un’assenza.
Gli spiritualisti erano convinti che la stessa energia che permetteva a due persone di parlare a distanza avrebbe reso possibile la comunicazione fra il mondo dei vivi e quello dei morti, e a questo scopo organizzavano sedute spiritiche basate sull’idea alla base del telegrafo: i morti, per comunicare, avrebbero utilizzato la stessa alternanza di “colpi” e silenzi su cui era costruito il codice morse, diventato negli anni Trenta dell’ottocento il principale linguaggio per la comunicazione telegrafica. Come nel caso dell’ipnosi – all’epoca chiamata appunto mesmerismo – anche le sedute degli spiritualisti si servivano di un medium donna, convinti che il “polo negativo” rappresentato dal femminile fosse più adatto a connettersi con l’aldilà (e certamente non è un caso che anche la psicanalisi sia nata grazie al lavoro di Janet, Breuer e Freud sulle pazienti isteriche). Jeffrey Sconce scrive pagine interessanti su come la diffusione dello spiritualismo abbia permesso alle donne americane di esprimere pareri proibiti al loro sesso con la “scusa” della comunicazione fra mondi: a sovvertire l’ordine patriarcale non erano le medium la gli spiriti stessi.
Lo spiritismo sarebbe rimasto vitale fino agli anni Venti del Novencento, quando la nascita dei nuovi media elettrici, primo fra tutti la radio, l’avrebbe derubricato all’ambito del paranormale.



(Essere senza casa – Gianluca Didino, minimum fax 2020)

Lascia un commento