Copio qui di seguito l’Amaca odierna di Michele Serra sul senatore Pillon nella speranza che Google la associ il più possibile al Senatore Pillon e se ne ricordi negli anni a venire.


Pensi all’anima sua

di Michele Serra

Il senatore leghista Simone Pillon ha provveduto a scrivere su Vittorio Zucconi le seguenti parole: «Prego per lui perché al là delle inutili e faziose celebrazioni di Repubblica si salvi l’anima. Ora, dove si trova, vede tutto molto chiaramente».
È una specie di sequestro di persona post-mortem. Non bastando, ai fondamentalisti, l’intolleranza in terra, tentano di estenderla anche laddove il sorriso allegro di Vittorio se ne va a zonzo, libero e leggero, oltre il profilo dei monti, oltre le onde del mare, in fondo al rettilineo interminabile di una Statale americana. In quell’oltre quelli come Pillon vedono solo espiazione e punizione, una specie di penitenziario retto dal Padre contro i figli; e uno spiraglio di luce solo per chi ha pagato la bolletta con le sue giaculatorie e la sua sottomissione.
Loro, di quell’oltre, si considerano i concessionari esclusivi. Lo hanno costruito loro, non certo Dio, a misura delle loro paure e delle loro necessità di controllo sociale e politico (per dire quanta spiritualità ci sia, dentro quel nero ordine: zero!) e non concedono, a noi miscredenti, nemmeno la libertà di andarcene alla nostra maniera. Che non è la loro.
Non trovo le parole per dire quanto irrispettoso, anzi quanto violento sia questo necrologio non richiesto. Di tutto hanno bisogno, le nostre anime incerte, tranne che di farsi raccomandare al creatore dal senatore Pillon. “L’anima sceglie il proprio compagno”(Emily Dickinson). Non è lei, senatore Pillon, la compagnia che Vittorio avrebbe scelto. Si taccia, per cortesia, e pensi all’anima sua, che alla nostra provvediamo da soli. Grazie.


15 commenti a “Senatore Pillon (SEO)”

  1. mauro dice:

    e Dickinson ringrazierà entrambi e Google negli anni a venire per essere stata associata a Pillon nelle memorie dei motori di ricerca

    spero s’intasino i server e inizi questa benedetta e attesa obsolescenza e inizi un po’ di silenzio, soprattutto per i defunti immersi nella natura fuori dalle città e fuori dai server

  2. Emanuele (l'altro) dice:

    Solo una nota: l’articolo di Serra si applica paro paro a categorie religiose/sociali/politiche come atei militanti, anticlericali, progressisti illuminati ecc.

  3. Gigi76 dice:

    Si chiama «fiuto politico», e da una trentina d’anni ha grande successo.

  4. egidio scrimieri dice:

    Non sappiamo se le preghiere del sen. Pillon siano sincere. Probabilmente si’: pare che il sen. Pillon sia un ultracattolico. Si’ insomma, un integralista: uno di quei cattolici che fanno sul serio. Pure quando pregano. Non e’ di questo avviso Michele Serra. Secondo Michele Serra le preghiere del sen. Pillon sono un “sequestro di persona post-mortem”.

    Chissa’ quanti cattolici ci sono tra i familiari, amici, colleghi, lettori affezionati di Vittorio Zucconi. Tanti, c’e’ da supporre. E certamente tutti hanno pregato per lui, dopo la sua morte. Si sa, i cattolici, quando uno muore, pregano. Son pure questi, tutti quanti, sequestratori post-mortem? Pare di no. Il commento di Michele Serra, su questo punto, e’ chiarissimo: l’unico colpevole di sequestro post-mortem di Vittorio Zucconi previa preghiera e’ il sen. Pillon. Tutti gli altri sono assolti.

    Come si spiega questa disparita’ di giudizio? E’ semplice: il sen. Pillon non e’ solo cattolico, ma e’ pure leghista. E allora tutto appare chiaro. La vera colpa del sen. Pillon non e’ aver sequestrato un defunto con una preghiera. La vera colpa del sen. Pillon e’ quella d’essere un leghista, ossia un nemico di cui sparlare punto e basta. Del resto, quando c’e’ da parlar male di un nemico, la morale atea della sinistra -in queste cose assai superiore a quella cattolica- non ha certo dubbi: e’ consentito passare sui cadaveri.

    Che siano poveri colleghi (fingendo d’indignarsi per una preghiera forse sincera), o siano poveri profughi annegati (fingendo d’ignorare quello che e’ stato fatto negli ultimi anni per ridurre il numero di quelle morti) la retorica dello strazio fasullo fa sempre la sua figura.

  5. Guido Gonzato dice:

    Per come la vedo io, la vera colpa del sen. Pillon è quello di aver dato larga pubblicità alla sua preghiera. Poteva farsela nel silenzio della sua cameretta, invece di sbandierarla aggiungendovi pure uno spunto polemico.
    Magari sbaglio, eh.

  6. Andy61 dice:

    Avanti così col birignao, altri voti per Salvini.
    Bravo Serra, non solo hai dato ulteriore notorietà ad uno che meriterebbe l’oblio ma hai dimostrato di non sapere nulla del mondo cattolico dando implicitamente una spiegazione della ennesima debacle elettorale che ha riportato politicamente il PD ai tempi dei DS.

  7. Davide dice:

    Grazie Massimo, non l’avevo letta.

  8. Isa dice:

    La quantità di gente che dice o scrive “birignao” senza sapere che cosa significa è inferiore solo a quella degli utilizzatori a cavolo di “radical chic”.

  9. andy61 dice:

    Qui a Milano il birignao identifica la parlata da stronzo snob. Chiedo umilmente scusa per aver usato il termine riferito ad uno scritto; evidentemente anche se non sono nè leghista nè sovranista sono di Cultura inferiore rispetto ai suoi standard.

  10. umberto dice:

    Ma un po’ di silenzio ogni tanto da parte di tutti non sarebbe meglio? Non sono stati sufficienti i risultati delle europee?

  11. vinz dice:

    Questa cosa che non si può più criticare perchè sennò gli si regalano altri voti, che leggo di continuo, mi manda ai pazzi.
    Dobbiamo esprimerci solo per convenienza, come fanno loro?
    Perderemo sempre, ok, ma lo preferisco al crollo totale di qualsiasi valore.

  12. Andy61 dice:

    Non è una critica ma una polemichetta da bar. Purtroppo Serra invecchiando non riesce più a fare altro. Sempre più lontano i tempi di Cuore.

  13. Poi ci sono quelli… | erasmodue dice:

    […] ti fanno tenerezza. Questo qui, nel blog di Mantellini, si lamenta perché gli è stato messo un nodo scorsoio sul collo. Infatti, […]

  14. Luciano dice:

    Condivido (sul blog)

  15. Massimo dice:

    Beh, Serra e tantissimi di sinistra hanno lo stesso identico atteggiamento — le regole, cosa è giusto o sbagliato, chi merita di votare e chi no perché è un cretino etc.

    Anche se devo ammettere che non lo estendono all'(eventuale) aldilà.

Lascia un commento