La lettera di Nancy Spector, curatrice del Guggenheim di New York, in risposta alla Casa Bianca che chiedeva in prestito un Van Gogh per gli appartamenti privati di Donald e Melania Trump. Un piccolo capolavoro letterario.

20 commenti a “Meglio un bel water d’oro”

  1. Antonio dice:

    Geniale! :)

  2. Shylock dice:

    Continuino così e Trump rivincerà in carrozza.
    Cafoni e arroganti più di lui.

  3. Marco[n] dice:

    @Shylock Disco rotto, che esprime solo disagio e frustrazione. Fatti una risata, se Trump vince o perde a te non viene in tasca nulla. Ma purtroppo ormai è tutto assimilato a una partita di calcio, noi vinciamo – voi perdete – arbitro cornuto – non era rigore… E i “calciatori” hanno incassi milionari alla faccia dei loro tifosi.

  4. Fulvio dice:

    Dalle lettera si capisce anche che il Guggenheim di NY non ha nella sua collezione uno dei 90 barattoli di Merda d’artista di Manzoni.

  5. Umberto dice:

    Una bella gara a chi è più arrogante

  6. Shylock dice:

    @Marco[n] Frustrache? Gli argomenti ad hominem tienteli per te, cortesemente.
    Non ti sfiora il dubbio che chi osserva, proprio perché non fa parte di nessuna delle due squadre, può permettersi di osservare – molto più divertito che a disagio, semmai – come la squadra dei boriosi senza grinta, che giocano con sufficienza pensando che la vittoria gli spetti di diritto, riesca a prenderla da degli scarponi?

  7. Marco[n] dice:

    @Shylock Boh, non sembrava un commento divertito, tutt’altro. Meglio così. Quanto al commento sulla “squadra” non fa che confermare quello che ho detto io: considerare il mondo suddiviso in squadre, i “boriosi” e gli “scarponi”, in questo caso. E fare il tifo.

  8. Emanuele (l'altro) dice:

    Marco[n] stai dicendo che la massa di giornalisti e commentatori italiani che attaccano e lo sfottono Trump per qualsiasi cosa faccia o dica senza che gliene venga in tasca nulla sono tifosi?

  9. Narno dice:

    «non faccio parte di nessuna delle due squadre» is the new «non sono né di destra né di sinistra (ma soprattutto non di sinistra)»

  10. Giò dice:

    La classe non è acqua…. ;) Gran personaggio la Nancy. :)

  11. Roberto Cardoso Laynes dice:

    Io la trovo una grande risposta.

  12. Erasmo dice:

    Non capisco perché, tifoso per tifoso, dovrebbe essere frustrato quello che ha vinto il campionato.

  13. Shylock dice:

    @Marco[n]:
    “Quanto al commento sulla “squadra” non fa che confermare quello che ho detto io: considerare il mondo suddiviso in squadre”.
    Cioè, prima usi una metafora calcistica:
    “purtroppo ormai è tutto assimilato a una partita di calcio, noi vinciamo – voi perdete – arbitro cornuto – non era rigore…”
    E poi mi accusi di risponderti nello stesso modo.
    Altro che tifo, qui siamo a “specchio riflesso”.

  14. alessandro dice:

    ma non vi sfiora che piu ne parlate (male) e piu lo votano?
    20 anni di berlusconi non li avete ancora capiti?
    lo votano perche’ voi ne parlate male, ancora non ci arrivate e dubito ci arriverete

  15. Bruno Anastasi dice:

    lettera fantastica, chissà se Nancy è parente del povero, grande Phil … leggo questi commenti incazzosi ed esacerbati e mi chiedo che senso abbia consentire agli autori di firmarsi con uno pseudonimo (spesso penoso) … se l’obbligo di usare nome e cognome può apparire eccessivo, almeno un’amichevole, cortese esortazione a farlo …

  16. andrea61 dice:

    Io trovo l’ofeerta banalmente offensiva e rappresenta perfettamente l’arroganza e la presunzione degli intelletuali liberal razzisticamente convinti che esistano categorie politiche antropologicamente identificabili e giudicabili.
    Poi si meravigliano se i ceti popolari non votano lamsinistra caviale e champagne….

  17. Marco[n] dice:

    Capisco che a sintetizzare un commento in poche righe si corre il rischio di essere fraintesi, però qui mi pare proprio che il fraintendimento sia voluto: il mio primo commento mi sembra abbastanza chiaro se uno vuole capire. Se.
    Quanto a “li votano perché ne parlate male” mi sembra molto probabile che l’agricoltore dell’Ohio voti Trump perché uno sconosciuto nei commenti di un blog italiano ne parla male. In effetti mi vengono in mente due o tre cose più probabili, ma anche questa non è male.

  18. Narno dice:

    Riassumendo gli atteggiamenti da tenere verso Trump e i trumpisti, di là e di qua dall’oceano Atlantico:

    1. se li insulti sei un violento e i centri sociali e il terrorismo;
    2. se li perculeggi sei un radical chic;
    3. se li contrasti in parlamento e in campagna elettorale, non sono questi i problemi e agli americani/italiani veri non frega niente;
    4. se li quereli, è giustizia a orologeria e i giudici dovrebbero essere eletti dal popolo, se no il colpo di stato dei tribunali;
    5. se li disprezzi, è la dittatura del politically correct;
    6. se ne sottolinei l’enorme potere economico e mediatico sul Lumpenproletariat, ti abboffi di caviale e champagne.

    L’effetto di qualsiasi scelta è che i trumpisti si offendono, poveri, perciò crescono di numero e di convinzione. Come si vede, i trumpisti ragionano – se mi permettete il verbo – per frasi fatte e luoghi comuni, e sono impermeabili a qualsiasi critica, ma ops, forse neanche questo si può dire, perché si offendono anche di questo.

  19. alessandro dice:

    ahaha capire e’ dura vero
    l’agricoltore dell’ohio vota trump perche’ veda questa proporgli la tazza l’oro
    l’agricoltore della brianza non vota il pd per lo stesso motivo

    ma invece di ste stronzate un post o un commento sulle belle nomine di renzi? vi viene difficile vero? meglio parlare dei cessi offerti a trump

  20. Marco[n] dice:

Lascia un commento