Non dirò nulla di nuovo ma davvvero non capisco come mai chi prova a vendermi prodotti online continui a trattarmi da fesso. Faccio un esempio fra i molti possibili che mi è capitato sotto gli occhi poco fa. Amazon (non montecodruzzo.it) segnala i suoi fenomenali sconti di inizio anno in homepage in una sezione apposita. Scelgo un gadget a caso, questo:





Amazon, che pensa io sia cretino, mi annuncia che questo altoparlante bluetooth posso comprarlo ora con il 42% di sconto. Lo stesso “coso” è in vendita sul sito di Comet (39,45 €), su Euronics (39,90) su Eprice (41,99). Insomma lo sconto di Amazon sul prezzo corrente è mediamente meno del 10%. E questo avviene regolarmente. Le ragioni per cui Amazon scelga di buttare alle ortiche la propria reputazione nei miei confronti raccontandomi palle (piuttosto che dirmi “guarda ce l’hanno anche gli altri ma da noi costa un po’ meno) sono attualmente misteriose. O meglio non lo sono per nulla ma non riguardano me.


update: Unieuro ha una superoccasione che scade a fine gennaio. AFFRETTATEVI! Il TV Samsung UE75MU7000T che costa 4699 euro viene via con il “fuoritutto” a soli 2499 euro con uno sconto del 46% e un bel risparmio di 2.200 euro. Lo stesso TV da Mediaworld costa 2499 euro, 500 euro di sconto rispetto ad un prezzo di mercato di 2999 euro. Cifre a caso.

12 commenti a “Ehi tu, fesso, dico a te”

  1. Antonio dice:

    Lo sconto è calcolato sul prezzo di vendita consigliato da Sony.
    E poi bisogna considerare anche le spese di spedizione: +10 € Comet (da calcolare in base al peso del prodotto), +11 € Euronics, +5 € Eprice (se non vuoi approfittare della consegna su appuntamento a soli 41 € …).
    Saluti.

  2. Antonio dice:

    Amazon vende sotto i costi industriali per ampliare quota di mercato e sostenere quotazione, finché non si uscirà da questa bolla, Amazon risulterà vincente quasi sempre. Poi a volte l’imponderabile, una Dymo venduta a meno con consegna rapidissima da una sconosciuta targetsas di paderno dugnano

  3. Mariano Giusti dice:

    Sostituisci Anazon con “gli ipermercati” (cit.)

  4. Mariano Giusti dice:

    Also:

    https://dizionario.internazionale.it/parola/prezzo-di-listino

  5. Massimo65 dice:

    Mediaworld, non Mediaword.

  6. massimo mantellini dice:

    @Massimo65 sai quante volte ho scritto mediaworl.it? grazie

  7. Daniele dice:

    Consiglio di usare l’estensione per browser Keepa che mostra nella pagina di ogni prodotto Amazon l’andamento dei prezzi in modo tale da capire qual è il reale valore di mercato dell’oggetto.

  8. Luca dice:

    Grazie

  9. Matt @ilovedoom dice:

    Mettiamo alla gogna Amazon. Va bene. Ma alla fine l’utente che non confronta i prezzi sulle piattaforme concorrenti è il fesso, come lo etichetti. Nella media molti abbracciano questa o quella tessera fedeltà al costo di qualche servizio che sentono vicino. Mettere il prezzo delle altre piattaforme sul proprio sito è out of scope, non è lo scopo di Amazon o di altri servizi. Solo un puro motore di ricerca può fare quello, come la sezione shopping di Google che tra l’altro non mostra lo sconto.

  10. Signor Smith dice:

    Quando vai a comprare il pane sotto casa.. il fornaio ti dice quanto costa all’altro forno in fondo alla strada? Od al supermercato difronte? Amazon è un negozio. Grande, (spesso) molto conveniente, e porta qualunque prodotto in qualunque posto del mondo. E si può scegliere di non usarlo.

  11. Pino Josi dice:

    quest’anno dal black friday in avanti, ho notato anch’io che si tende a veicolare la percentuale di sconto piuttosto che il prezzo finale di acquisto. Probabilmente, la politica commerciale che tende a privilegiare l’acquisto di impulso, permette di ampliare la clientela.

  12. Sean Carlos dice:

    Io mio appoggio al cammello per sapere se il prezzo è buono o meno, almeno in confronto con lo storico Amazon, es. https://it.camelcamelcamel.com/Sony…/product/B06VWXPC19

Lascia un commento