Da quando frequento Internet, ed ormai è da un po’, ogni sei mesi circa tutti i media italiani ripetono a pappagallo le medesime due notizie che riguardano l’universo digitale. Le ricopiano da comunicati stampa improbabili, senza porsi mai troppi dubbi e senza alcuna curiosità. Le due notizie sono:

1- La pedopornografia su Internet è in aumento.
2- I pirati su Internet sono in aumento.

Se queste due notizie molto italiane (all’estero in genere se ne parla da sempre assai meno) fossero vere ormai sulla Internet italiana dovrebbero essere rimasti solo pedopornografi e pirati. Tutti gli altri sarebbero morti di paura o di noia.

Simili notizie si basano in genere su “ricerche” che hanno due enormi difetti. Il primo è che sono costantemente prodotte da soggetti interessati (in Italia qualcosa come PEW non esiste). Nel caso del pedoporno sono le varie diversissime associazioni che si occupano di adolescenti i cui modelli di business si basano sulla diffusione del pericolo. Nel caso della pirateria si tratta invece delle organizzazioni e associazioni pagate dall’industria dell’intrattenimento.
Il secondo difetto è che nessun giornale controlla mai la fondatezza di simili studi (se lo facessero l’80% di questa roba promozionale non arriverebbe sui giornali) e li pubblica sulla fiducia.

Così evidentemente il semestre usuale deve essere scaduto perché ieri i giornali erano pieni di articoli sull’ultimo usuale allarme sulla pirateria informatica della FAPAV (Federazione per la Tutela dei Contenuti Audiovisivi e Multimediali) (qui per esempio quello su Repubblica). Particolarmente divertente e anche un po’ tranquillizzante il caso di una forma di pirateria particolarmente odiosa che lo studio definisce PIRATERIA INDIRETTA vale a dire l’atto di prestare i propri DVD ad un conoscente, fortunatamente ridotta rispetto al passato del 50% (poiché la notizia era parecchio ridicola è stata successivamente eliminata dal pezzo di Repubblica ma è rintracciabile in molti altri articoli-velina simili come quello de La Stampa).

Mentre oggi invece doveva essere il turno del pedoporno visto che il Garante della Privacy nella sua usuale relazione annuale ha riempito i titoli dei giornali di domani con due affermazioni perentorie:

1) il pedoporno – secondo recenti studi – è in aumento vertiginoso
2) Genitori non mettete le foto dei vostri figli sui social perché le prendono i pedofili.

Entrambe queste notizie non sono nuove, sono spesso ripetute da molte fra le associazioni italiane che affermano di aver effettuato studi in materia nonché della Polizia postale sui propri profili social ufficiali ma non hanno mai avuto fino ad ora (e sono anni ormai) uno straccio di fonte decente.

Il Garante dovrebbe essere una fonte terza rispetto ai molti soggetti interessati, il fatto che si presti al gioco della usuale descrizione della Internet pericolosa per i nostri figli è piuttosto deprimente. In caso contrario ci dica quali sono i recenti studi sull’incremento del pedoporno nel web. Li leggeremo con attenzione, se esistono. A meno che non si tratti delle solite 4 cose messe assieme da soggetti come l’Associazione Meter del mitico e improbabilissimo don Fortunato di Noto, che cavalca simili argomenti almeno dai tempi in cui io iniziai a chiedere spiegazioni al riguardo. Sono passati vent’anni e i media italiani continuano a pubblicarlo senza il minimo imbarazzo.


p.s. oggi ho chiesto su Twitter al Capo Ufficio Stampa del Garante quali siano i “recenti studi” citati da Antonello Soro ma al momento in cui scrivo non mi ha ancora risposto.

9 commenti a “La solita rete italiana di pirati e pedopornografi”

  1. Carlo dice:

    Genitori, non mettete le foto dei vostri figli sui social perché la Legge non ve lo consente! (vedi link e altre fonti affidabili)

  2. Il Gigante dice:

    Io comunque starei molto attento anche al giro di prestiti di cassette Betamax.

  3. Giò dice:

    Moooolto più pericoloso quello delle Video2000…..

  4. rico dice:

    Questo è fuori dal mondo. Ma è lo stesso garante che ha imposto il banner sui cookies a millemila siti?

  5. Mix dice:

    Forse citava *questa* ricerca:
    http://www.missingkids.com/en_US/documents/2016_Crimes_Against_Children_Research_Center_-_Sextortion_Research.PDF

    Ci vorrebbe un po’ più di umiltà prima di liquidare tutto come fantasie…

  6. Stefano dice:

    Il notiziario di RMC ha rilanciato la notizia. E chi hanno intervistato? Esatto: di Noto. Un caso? Una coincidenza? Non credo…

  7. danny dice:

    Deve essere per questo che c’è un’intera sezione sui pericoli dello ‘sharenting’ sul sito della UK national crime agency… perché la pedopornografia online è un’illusione italiana per colpire internette.

    https://www.thinkuknow.co.uk/parents/articles/Sharing-pictures-of-your-children/

  8. massimo mantellini dice:

    @danny indicami dove sta scritto che se condividi le foto dei tuoi figli se le prendono i pedofili

  9. Visto nel Web – 291 | Ok, panico dice:

    […] La solita rete italiana di pirati e pedopornografi #:media #:Web, Internet ::: manteblog […]

Lascia un commento