Oggi Gianfranco Giardina su Dday.it ha pubblicato i numeri del decreto sull’equo compenso firmato dal Ministro Franceschini e non ancora comparso in Gazzetta Ufficiale. Sono numeri semplicemente ingiusti, indegni di un governo che abbia minimamente a cuore l’innovazione tecnologica.

10 commenti a “La pensione di Gino Paoli”

  1. mORA dice:

    Innovazione? La DC 2.0?!

  2. Signor Smith dice:

    Mi permetto di ricordare che il vero problema non è il quanto ma il perché… io ho un archivio di oltre 30.000 foto digitalizzate e ancora non riesco a capire perché dalle memorizzazione delle mie foto (private) debba giovarsi la SIAE. Il nesso mi sfugge…

  3. riccaru dice:

    Ma allora questa è una implicita autorizzazione a scaricare, la tassa per i diritti SIAE è già pagata!!!

  4. Maurizio Camagna dice:

    Il dramma è che molti di questi che prenderanno la pensione con i backup delle mie foto io pure li conosco e so che non si meritano affatto il mio “contributo”.

  5. ArgiaSbolenfi dice:

    @riccaru: non lo è, non c’entra formalmente nulla con la copia illegale. Paghi per compensare il fatto che quando rippi un tuo CD o DVD per ascoltarlo in auto o nel media player della PlayStation non ne stai comprando un’altra copia. Ovviamente va a compensare i minori incassi da quando c’è il download illegale, ma mica te la mettono così..

  6. luzmic dice:

    Se quando compro un hd esterno da 2TB mi chiedono forzatamente 20 euro per remunerare gli aventi diritto SIAE, allora però dovrebbero darmi anche 20 euro di download legale di file musicali e video compresi nel prezzo.

  7. ArgiaSbolenfi dice:

    @luzmic: non c’entra nulla, presuppongono che userai l’HD per metterci degli MP3 o MP4 che hai realizzato a partire dai TUOI CD e DVD/BD, anzichè comprare altri CD/DVD o download digitali per usufruire dei contenuti altrove senza ricorrere ai dischi originali :-) E’ folle? Probabilmente, ma è anche il recepimento di qualche direttiva europea.

  8. Gianmarco dice:

    Secondo me questo governo ha “a cuore l’innovazione tecnologica”: la questione è che ha il cuore “troppo vicino al culo” (ops, questa è una citazione: devo pagare la SIAE?).

  9. andrea61 dice:

    @ArgiaSbolenti: non credo che sia una direttiva europea altrimenti non spiegherebbe perche’ alcuni stati non abbiano introdotto la tassa demenziale e altri, che l’hanno fatto, ci stiano ripensando.

  10. Il Bagarino delle Poste (#241) | Digitalia - Notizie di tecnologia dice:

    […] La pensione di Gino Paoli […]

Lascia un commento