Schermata 2014-05-25 alle 15.55.12


Dopo il post di un paio di giorni fa il candidato sindaco del PD della mia città Davide Drei mi ha telefonato. Oggi abbiamo preso un caffé assieme e abbiamo chiacchierato una mezzoretta. L’ho guardato molto male quando mi ha detto che a Facebook e Twitter lui preferisce la politica reale fatta faccia a faccia (la politica reale si fa faccia a faccia anche in rete ovviamente) ma in ogni caso è stato un incontro molto piacevole che mi ha rassicurato su molte cose che mi stanno a cuore. Vedremo. Soprattutto non mi ha chiesto se avessi già votato e per chi avessi votato. Oggi, intanto è il Towel day, quindi come da tradizione…

12 commenti a “La politica faccia a faccia”

  1. mario dice:

    ….ma alla fine sui pini che cosa ha risposto?
    Anche io sono di Forlì e l’abbattimento mi ha sgomentato.

    (probabilmente avrà risposto qualcosa che va sul penale visto che non ne parli)

  2. massimo mantellini dice:

    Beh si tratta di un candidato sindaco nel giorno delle elezioni non è che puoi pretendere chissà che, diciamo che io gli ho manifestato tutto il mio dissenso e lui mi ha ascoltato (per il resto i giudizi privati sono privati)

  3. Pier Luigi Tolardo dice:

    Sorbole,ragassi , non è’ più’ come ai tempi di mio nonno: il Partito diceva una cosa e nessuno a Forlì’ fiatava , se non qualche vecchio bigotto a cui non dava retta nessuno…
    Son dovuto anche andare a casa di quel dottore che è’ molto famoso In Internet, una specie di Belen on Line, però’ non è’ uno di Casaleggio e anche da Roma i compagni Dell’ Organissasione mi han detto di tenermelo buono.

  4. diamonds dice:

    Quando c` e` qualche problema loro apparecchiano sempre un tavolo riscoprendosi filosofi(e comunque l`unica giustificazione decente per l`abbattimento degli alberi sono i fenomeni di trofismo delle radici. Qualsiasi cosa voglia dire)

  5. Claudio dice:

    Ma ti ha dato anche una carezza?

  6. cla van dice:

    Tipica trasposizione dell’elettore PD: non ti considerano per tutto il tempo, alla fine ti fanno una promessina e vai che si scorda tutto…

  7. Claudio dice:

    Un forlivese dice “sorbole, ragassi” solo quando deve imitare (male) un bolognese…

  8. Carlo M dice:

    beh, sto drei t’ha dato una lezione di stile. ammettilo.

  9. unit dice:

    @Diamonds

    ci possono essere diverse ragioni, per esempio un attacco fungino.

  10. massimo mantellini dice:

    @Carlo M. non ho difficoltà ad ammetterlo

    @unit le piante erano sanissime non c’e’ mai stata discussione al riguardo, quelli che le hanno abbattute meno

  11. david dice:

    ciao Massimo, la questione “pini” è una battaglia persa, a Empoli, dove sono nato, hanno abbattuto una fila di pini centenari per fare 30 metri di pista ciclabile. E quando torno sbigottito mi spiegano che “tu non capisci, stai a Milano, le radici dei pini sciupano l’asfalto”.

    Qui a Cernusco sul Naviglio, in provincia di Milano, c’è un pino ogni 3 metri e più piste ciclabili che in Svizzera, ma c’è anche un sindaco intelligente…

  12. Daniele Minotti dice:

    A me della *stretta di mano* lo menava, 10 anni fa almeno, un candidato locale cui proponevo iniziative Web da lui snobbate.
    A distanza di tempo, oggi ha scassato i maroni con tutti i mezzi possibili, specie social.