Io non seguo gli account twitter dei politici. Con alcune eccezioni (Matteo Renzi da prima che diventasse Premier, Beppe Grillo da quando ho scoperto che si potevano disabilitare i retweet e pochissimi altri). Così le cagnare e le diatribe internettiane che riguardano la politica mi arrivano sempre di rimbalzo, rimandate da qualcun altro. E non è che non mi interessino, tutt’altro, ma visto che mi arrivano lo stesso indirettamente preferisco così. Così ieri sera dopo lo scontro a fuoco a OttoeMezzo fra Alessandra Moretti del PD e Luigi Di Maio del M5S (uno spettacolo deprecabile fra bambini dell’asilo nido) mi sono dovuto ricordare di una cosa che tendo a dimenticare. C’è una rete a noi sconosciuta là fuori che occupa il 99% dello spazio. Per esempio io – per grazia di dio – non leggo mai i tweet degli attivisti grillini e ne conosco sintassi e profondità solo per sentito dire. Ieri sera, dopo che la Moretti ha retwittato questa cosa che avevo scritto:




mi sono ricordato che fuori dalla mia Internet, come da quella di ognuno di noi, c’è un mondo.










Non oso immaginare cosa arrivi ogni santo giorno nella timeline di Alessandra Moretti per la quale ovviamente Internet sembrerà tutto l’opposto di quello che sembra a me.

37 commenti a “C’è tutto un mondo intorno”

  1. mORA dice:

    MANTE 6 KASTA!1!!!!111!1

  2. enrico dice:

    Un tempo c’erano olio di ricino e manganello, poi la spranga, poi sono arrivati quelli che spargevano urina di maiale.
    Ora ci sono questi.
    Cambiano solo gli strumenti.

  3. Daniele Minotti dice:

    Quereliamo quello che ti ha urlato *Documentati!*?

  4. Pier Luigi Tolardo dice:

    Sarà sempre più così, sempre più lontana dall’Internet dei primordi, sarà sempre più fatta da persone che se la cantano e se la suonano tra di loro, nei loro siti e nei loro forum democratici, grillini, neonazisti, supergay, superantigay, anticattolici, ipercattolici , salvo uscire ogni tanto, lanciare qualche insulto e tornare nel loro mondo….

  5. frank dice:

    Massimo, dai rimbalzi non si comprende quale sia la questione sollevata da Moretti e Di Maio .. (e sai che non siamo esperti di reverse engineering : – )

    detto questo, l’uso spregiudicato del mezzo televisivo, RAI e Mediaset, da parte di Berlusconi e PD, è non solo concorrenza sleale, ma un abuso di posizione dominante, un metodo profondamente antidemocratico. Il fatto sconcertante è che quasi nessun intellettuale è disposto ad ammetterlo, e questa disonestà intellettuale è la cifra di un regime. Non basta lamentarsi. L’incapacità da parte dell’istituzione pubblica di regolare il monopolio di un medium di massa, per renderlo così indipendente da poteri di natura lobbistica, è un fortissimo limite alla democrazia, al pluralismo, alla libertà e alla sovranità. E per principio non voto chi vince barando spacciando il sacro verbo della ‘meritocrazia’ (..sgrunf)

  6. frank dice:

    Lo hanno fatto più di una volta, se ti riferisci agli attacchi informatici. Forse siamo venuti a conoscenza di alcuni attacchi proprio grazie ad enti terzi, certificatori

    [..] La cellula operante e’ stata momentaneamente esclusa dall’amministrazione del blog, fino a quando l’intera comunita’ (quindi anche chi ha commentato i post dell’attacco) potra’ decidere la legittimita’ dell’attacco con un sondaggio. Mendax”.

    Leggi tutto: http://www.pianetatech.it/internet/attualita/anonymous-hacker-beppegrillo-it-polemiche-rivendicazione-foto.html?cp
    Diventa fan: http://www.facebook.com/Pianetatech

    poi ci sono state delle indagini e credo degli arresti

    e non si capisce, a proposito di ricino e manganello: in Italia gli Anonymous votano PD? Prima attaccano e poi fanno un sondaggio sulla legittimità dell’attacco?

    Qualcosa

  7. frank dice:

    Qualcosa mi sfugge

  8. frank dice:

    @enrico

    tenendo per ‘buono’ quel che scrivi

    com’è possibile dare letture così diverse della realtà?

    Questione morale, l’ex responsabile giustizia del Pci: “Il M5S è l’erede di Berlinguer”

    http://temi.repubblica.it/micromega-online/questione-morale-l’ex-responsabile-giustizia-del-pci-“il-m5s-e-l’erede-di-berlinguer”/

  9. diamonds dice:

    Sono per la liberta` di espressione, ma di certo non sarei molto contento di sapere che qualche stipendiato pubblico uccide le ore lavorative facendo comizi buoni per il teatro dell`assurdo in modalita` 2.0

  10. andrea61 dice:

    Eccolo finalmente il santino della questione morale.
    Pensavo che dopo tanti anni e tanti atti processuali certe sciocchezze fossero finite nel giusto oblio.

  11. Domenico dice:

    Nella mia ignoranza, quello che io non capisco è perchè tutta st’attenzione sul blog di Grillo? ci guadagna, come chiunque altro ovviamente …. Berlusconi non si è arricchito ancora di più da quando sta in politica o no? Mediaset che casualmente va in attivo solo quando è al governo non la ricordate? e quanti altri esempi potremmo fare … il fatto è uno, non soldi pubblici!!!! e per me quello conta!!!! io sono stufo di pagare per far fare la bella vita a sta gentaglia …. ma Lusi che ha fatto sparire 20 milioni di euro di soldi pubblici? berlusconi condannato per frode fiscale? la Lega con i diamanti e soldi pubblici in Tanzania? poi sento parlare solo del blog di Grillo che prenderà pure soldi dalle pubblicità, ma almeno non li ruba agli italiani!

  12. Vittorio Zucconi dice:

    Welcome to the club, Mante.

  13. gregor dice:

    @domenico

    come sbaglia Berlusconi, sbaglia Grillo. Ma i grillini dovrebbero avere l’onestà di dire, non ci piace che grillo guadagni con la politica!

  14. gregor dice:

    @domenico

    come sbaglia Berlusconi, sbaglia Grillo. Ma i grillini dovrebbero avere l’onestà di dire, non ci piace che grillo guadagni con la politica!

  15. Dino Sani dice:

    In un Paese civile si dovrebbe poter discutere liberamente e senza reciproci insulti, ma questo stile, se così lo vogliamo chiamare, non è “della rete” ma proviene da circa un ventennio di “politica spettacolo televisivo”, che ha fatto dell’urlo e della polemica rissosa la cifra stilistica della seconda repubblica.
    Il problema é che in queste elezioni sembra di assistere a una partita falsata: M5S contro tutti (persino Tsipras fa la pubblicità comparativa contro di loro). Un clima d’odio e di assedio contro un movimento se vuoi discutibile ma certo pacifico e legalitario. Ti stupisci che poi ci sia questo clima? E poi ti ricordi che il tipo che scriveva gli insulti e le minacce sul blog di Grillo era un portavoce del Pd? Insomma, Mante, non è accettabile questo tuo metterti in mezzo, come se Pd e M5S fossero uguali e appunto ugualmente detestabili. I primi sono sempre più legati con il malaffare italiano (mafie massonerie ecc) e non hanno più nulla del vecchio partito comunista, se non la visione totalitaria della politica. I secondi un esercito di cittadini a volte ingenui, a volte fuori ritmo, spesso mono-toni, ma sempre onesti e senza pregiudicati. La differenza è enorme, da ovunque la si guardi…

  16. frank dice:

    Anche secondo me sono tutti stipendiati pubblici, gente che ruba finanziamenti pubblici nonostante referendum abrogativo. La questione morale è proprio una sciocchezza, puoi dirlo forte al mondo intero e a quell’Europa che arriva a chiedere inequivocabilmente manette agli stipendiati pubblici corrotti, o colletti bianchi. Lo diceva Berlinguer e ora anche il Papa, la corruzione è imperdonabile. Poco prima che scoppiasse l’ennesima tangentopoli al parco esposizione universale. La vetrina politica mondiale. Concordo: a distanza di 20 anni possiamo affermare che purtroppo la bicamerale non è esattamente un teatro dell’assurdo

    PS
    E dato che qualcuno ha nome e cognome, chiamarli indistintamente ‘grillini’ , persino al TGR, è un altro modo per un’altra categoria discriminatoria e una caccia al dissidente politico, solo perchè siamo tutti figli della libertà d’espressione…

  17. frank dice:

    Ma dato che parliamo proprio d’Europa (che viene molto prima dello sciagurato Euro) dunque l’Europa ha condannato più volte l’Italia, e l’ha condannata ripetutamente anche per il suo sistema televisivo su cui ora imperversa e spadroneggia il PD, dopo Berlusconi, (non per le pubblicità di Grillo che rinuncia al finanziamento pubblico abrogato dal referendum) lo stesso Renzi parla di informazione “agiografica”, e tutti facciamo finta di nulla, ma allo stesso tempo diciamo di essere accoratamente europeisti. E “Di Europa bisogna parlare” batte la lingua sul tamburo: “è grazie alla Comunità Economica che non ci son più guerre” e qui la propaganda non conosce la storia, ma lo stesso Obama a dire il contrario: per il presidente la pace dipende dall’esercito più potente del mondo. E la comunità economica era una federazione e non un superstato, un altro nazionalismo.

    europeismo ‘unificante’ era forse un sogno, il sogno di raggiungere un diverso grado di civiltà, mettendo appunto al centro l’Uomo, non i soldi. Invece possiamo notare che una parte d’Europa, soprattutto meridionale si sta allontanando vertiginosamente dalla civiltà, mettendo in crisi anche la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (e alla faccia delle “radici cristiane” rivendicate ferocemente da qualcuno): se non hai i soldi non vali nulla, non hai dignità. E questra è la prima pietra del neoliberismo ma anche del nazionalsocialismo, certo la prima causa è la disoccupazione ma il progetto di sterminio nasce con i malati mentali, che consideravano “parassiti” non autosufficienti, nasce con un’idea di “risparmio”, di debito

  18. Pier Luigi Tolardo dice:

    Anche il 5 Stelle e’ molto simile al Pci di una volta: il Capo ha sempre ragione,espelle chi vuole, loro sono gli unici onesti, gli altri sono tutti corrotti e mafiosi,sono peggioristi, può andare tutto alla malora basta che vincano loro, il Pci era critico sempre verso la Nato e Grillo e con Berlusconi e’il più’ comprensivo verso la politica di Putin,il Pci per molto tempo rifiutava l’ accordo con chiunque. Certo il Pci lo votavano tantissimi cittadini onesti,lavoratori,gente debole ed oppressa, lo so…ma non mi piaceva il Pci allora e non mi piace il 5 Stelle adesso…

  19. frank dice:

    “comunisti!” gridò Berlusconi al Partito dell’Odio

  20. frank dice:

    man mano che passano gli anni mi sto rendendo conto che è un problema di chiavi di lettura, un problema che riguarda certamente il massmedia più volte condannato dall’Europa (un abuso di posizione dominante inaccettabile in una democrazia), ma soprattutto la qualità degli intellettuali italiani e il loro orecchio da mercante. Tutto un altro mondo, lo stesso mondo

  21. Daniele Minotti dice:

    Mi sembra che la maggior parte dei grillini sia parecchio naif, ma certi atteggiamenti non sono una loro esclusiva.

  22. matteomenin dice:

    mute on mode

  23. Visto nel Web – 131 | Ok, panico dice:

    […] C’è tutto un mondo intorno ::: manteblog […]

  24. ale dice:

    piccolo spazio… pubblicita’
    saluti zucconi

    https://twitter.com/vittoriozucconi/status/465267152191488000/photo/1

  25. Dino Sani dice:

    Si vede che Zucconi in rete ha cercato Rolex e dentiere…eheheheheh e quanto sono buffi questi che vogliono fare i fichi non conoscendo neppure come funzionano le pubblicità in rete….. Questo tweet è la cartina al tornasole del rapporto che hanno con internet le “grandi firme” del giornalismo italiano

  26. ale dice:

    la cosa drammatica al di la del fatto che non sa come funziona la pubblicita’ su google, e’ che lui stesso condanna quello che cerca in rete… e’ triste

  27. cla van dice:

    Comunque noto che Mantellini, da buon Piddino, fa una gran cagnara sui tweet dei simpatizzanti M5s (invito comunque a leggere i commenti dei Renzini sui vari blog tra cui quello di Andrea Scanzi e di Giglioli e magari commentare anche quelli) ma ha ampiamente tralasciato il fatto che alcuni, con metodi e frasi sicuramente opinabili, gli hanno fatto presente che invece M5s ha un sito certificatore… ormai Mantellini non è più obiettivo… Grillo nemico della patria e fomentatore di peste!!!!!!

  28. Dino Sani dice:

    @cla van ora però non demonizzare il buon Mantellini, che non apprezza, spesso a ragione, le derive “totalitarie” del grillismo, che attengono più ad alcuni “estremisti” che non alla reale e concreta attività del M5S. È vero che questa campagna elettorale è diventata tutti contro Grillo, è vero che i tweet di commenti non sono la verità assoluta di un movimento, è altresì vero che a volte l’uso che se ne fa è discutibile. Il tipo che lo insulta, ad es, mandandogli il link del sito certificatore, da due errori: primo insulta (perché ?) secondo: da un info incompleta. Dove sta nel sito la comunicazione che costarono hanno certificato il M5s?
    Ecco io vorrei, in casi come questi, che si rispondesse esclusivamente con le informazioni. Precise soprattutto. A meno che non si voglia considerAre chiunque critica un nemico….e allora non mi avrete mai con voi….

  29. massimo mantellini dice:

    @cla van Grillo rilascia una certificazione alle liste (http://www.beppegrillo.it/movimento/certifica-la-tua-lista.html), anche mescolando fischi e fiaschi semplicemente non c’entra nulla con la questione in discussione

  30. cla van dice:

    @mantellini infatti il punto era proprio che invece di parlare dei fatti concreti si era concentrato unicamente sui commenti sicuramente esagerati di certi simpatizzanti a 5 stelle…. invece della luna il post era concentra sul dito… per rimanere in tema la invitavo comunque a commentare post analoghi di simpatizzanti piddini che le assicura a violenza verbale non sono assolutamente da meno anzi… ed infine sa benissimo che il puntualizzare su certe cose serve unicamente a svilire l’immagine di un movimento che, nonostante il fatto che la maggioranza pd/pdl remi contro a tutte le loro proposte ha sicuramente dato una bella scossa a tutta la palude politica…

  31. cla van dice:

    @Dino Sani… sicuramente hai ragione… risulta però difficile continuare a controbattere con argomenti a questo battage anti m5s che si legge continuamente sui giornali e sui media (un solo esempio: quando Berlusconi ha dato dell’Hitler a Grillo nessuno ha commentato, quando Grillo ha detto che lui è oltre Hitler, tutti ma dico tutti, Renzi compreso, a dire che lui non si può permettere di utilizzare certi argomenti per la campagna elettorale… mah… i fatti sono questi…)

  32. massimo mantellini dice:

    @cla van, boh non ti seguo, l’unico fatto concreto è che Di Maio va in Tv a dire cose inesistenti sulle virtu’ del Movimento (poi i tweet dei grillini esagitati messi qui sopra servivano ad altro, a ricordare che ognuno di noi è dentro la propria filter bubble), quanto all’annoso tema mille volte ripetuto da molti “ah beh e gli altri invece” io, sarà un limite mio ma lo trovo molto poco interessante

  33. cla van dice:

    @mantellini giustamente trovi interessante solamente smartellare sui 5 stelle… ognuna ha il suo gusto ma sicuramente non ti si può dare della persona obiettiva…

  34. ale dice:

    pero’ e’ stato onesto, d’altronde e’ la sua visione a senso unico

  35. userunfriendly dice:

    @cla van premesso che nessuno può essere realmente obiettivo in questi argomenti, una cosa è esprimere le proprie simpatie/antipatie, una cosa è scrivere ‘contro’ qualcuno.
    Negli anni ho letto mante parlare di molte cose, a volte bene, a volte male, da qui a dipingerlo come antiM5S mi sembra tu esageri volontariamente.

  36. cla van dice:

    @userfriendly boh… sarò io che guardo sempre i post sbagliati… basta che guardi anche solamente gli ultimi… tutti sui m5s e nulla su tutte le porcate che sta facendo il PD… ma d’altronde giustamente è il SUO blig e ha diritto di dire quello che gli pare… ma anche io ho la facoltà (grazie a lui indubbiamente essendo il suo blog) di commentare…

  37. Arianna dice:

    Beh, poi ci sono anche i casi politico-anomali, leggete un po’ qua

    http://video.corriere.it/tiziano-motti-eurodeputato-rocker-canta-come-vasco/d6c73e72-ab89-11e3-a415-108350ae7b5e