Schermata 2014-04-01 alle 22.40.53

5 commenti a “Le matte risate”

  1. Luigi dice:

  2. Momin dice:

    Lo scemo del villaggio non mi ha mai fatto ridere

  3. frank dice:

    dal cappio al pesce: la storia del Titolo V

    Renzi: “Con riforma Titolo V avremo un Paese più semplice” “Chi è contro esca allo scoperto”

    “mettere finalmente a punto un sistema di federalismo fiscale” che “assegni ai livelli regionali e locali la necessaria autonomia finanziaria e le conseguenti responsabilità nella gestione delle risorse” (R. Prodi, intervento al Senato)

    “per la stessa solidità della ripresa abbiamo bisogno di maturare il senso dell’autonomia, della forza e dell’autogestione degli enti locali, a cominciare dalle regioni” (R. Prodi, intervento alla Camera)

    infine un colloquio riservato di tre quarti d’ora con Calderoli, e le successive dichiarazioni di Maroni a “La Repubblica” del 4 marzo: la disponibilità della Lega a trattare sulle proposte di “riforma” costituzionale ed elettorale di Prodi. Alla domanda se anche a costo di “smarcarvi dalla coalizione di centrodestra”, Maroni ha risponde: “Se necessario, sì. Il nostro obiettivo è il federalismo. Chiunque ce lo proponga seriamente trattiamo. Come ho sempre detto: facciamo patti anche col diavolo”.

    [..] nel 2001, poco prima delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, l’esecutivo di centrosinistra (presieduto nell’ordine da Prodi, D’Alema e Amato) modificò a maggioranza il Titolo V della Costituzione e conferì alle Regioni una serie di attribuzioni dello Stato. [..] A giudicare dai risultati finanziari, fu un tragico errore. Difatti la spesa regionale in un decennio è cresciuta da 89 a 200 miliardi. Più che raddoppiata, pur tenendo conto dell’inflazione.
    Contestualmente, la spesa nazionale, anziché calare per effetto del trasferimento dal centro alla periferia di tante competenze, è a sua volta aumentata di quasi il 18 per cento. Va da sé che se il centrosinistra non avesse commesso lo sbaglio di ritoccare la Costituzione in modo dissennato, oggi il nostro debito pubblico sarebbe entro limiti accettabili e tale da non farci correre alcun rischio da indurci a chiedere agli italiani ulteriori sacrifici fiscali.

    la ragione di questa revisione costituzionale è esclusivamente tattica, come spiegherà anche Prodi (“uno sbaglio”): una concessione alla Lega nel tentativo di allargare ulteriormente a destra il sostegno alla sua sempre precaria maggioranza.

  4. diamonds dice:

    in questi anni strani, se mi si passa l’aufemismo, tra le altre cose, si sono fregati pure l`asticella che segnava il limite tra le cose ascrivibili allo humor e le parole spese a vanvera

  5. dnano dice:

    “La spigola, dov’e’ la mia spigola?
    Ditemi chi s’e’ fregato la spigola che mi hanno sequestrato!”

    Beh, alla fine sono innocui e prevedibili.

    Come il “Carro Armato”: ma l’hai visto? Dal ricco distretto industriale del nord-est ci si sarebbe aspettato qualcosa di meglio :-)
    Quella misera ruspa con due lamiere posticce sopra era davvero poco minacciosa (sono finiti i tempi di A-Team…)