Schermata 2013-07-19 alle 09.10.01

5 commenti a “The times they are a-changin’”

  1. stefano nicoletti dice:

    Stati Uniti: fucina di pazzi pericolosi, di pazzi visionari, di pazzi idealisti, di pazzi armigeri, di pazzi rivoluzionari dell’esistente, di pazzi e basta.

    Ma la mentalità massimalista che ha creato i Jobs e i Gates, non è la stessa che crea anche i mostri bombaroli?

    Rolling Stones fa bene a cercare di capire, a mettere le mani nella ferita infetta.

  2. diamonds dice:

    http://archiviostorico.corriere.it/2009/agosto/17/Dylan_scambiato_per_barbone_Quando_co_8_090817030.shtml

  3. Larry dice:

    Per quelli che non seguono le polemiche irrilevanti ma sono curiosi di sapere di cosa si parla in questo post:
    http://www.huffingtonpost.it/2013/07/17/rolling-stones-in-copertina-la-foto-dellattentatore-della-maratona-di-boston_n_3611159.html

  4. Gabriele dice:

    … sulla copertina di Rolling Stones c’é stato pure Charles Manson…basta digitare “Charles Manson Rolling Stone”…

  5. Userunfriendly dice:

    Si, i tempo stan cambiando.
    Ora insieme al ciuffo ribelle si abbinano barba e pizzetto.