Schermata 2013-05-18 alle 16.23.23


Staordinarie le foto di Repubblica Bologna del comizio di Carlo Giovanardi a Imola.


(via Repubblica.it)

11 commenti a “Un cane, una bambina e qualche passante”

  1. Padre Giacobbo da Voyager dice:

    e il canide era quello più interessato

    battute a parte qualcuno c’era tutti quelli a ridosso del muro a ripararsi dal sole

  2. un altro massimo dice:

    E non hai visto questa foto di replica del PDL imolese… LOL! https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4871585704348&set=o.153994528094423&type=1

  3. ArgiaSbolenfi dice:

    Almeno hanno avuto il buon senso di evitare le altre due piazze vicine, molto piú grandi..

  4. Luigi dice:

    Che qualcuno ora si azzardi a dire che a quel comizio non c’era neanche un cane…

  5. Shylock dice:

    Mah, son soddisfazioni miserelle: un quarto d’italiani che li voti nel segreto dell’urna, dove non li vede nessuno, si trova sempre.
    Vedremo quanti continueranno a votare i loro sodali del PD, piuttosto.

  6. Mario G. dice:

    Manco a li cani

  7. Padre Giacobbo da Voyager dice:

    il tizio su facebook dice 150 200 persone

    ma per contare quei 4 gatti e un cane basta un abaco

    poi bisogna dire che giovanardi non è che sia la persona più simpatica del mondo quindi la vera notizia sarebbe stata se la piazzetta fosse piena

  8. Marco dice:

    Secondo gli organizzatori: 150-200 persone

    Secondo la questura: -20

  9. Enrico dice:

    Si vabbè, consoliamoci così, non ci resta molto altro.

  10. diamonds dice:

    non penso sia una questione di numeri. Il problema è che quest’uomo è tra quelli a cui si può tranquillamente attribuire una bella responsabilità della mortifera franchizzazione(nel senso del generalissimo Francisco Franco y Bahamonde)della società ,fortunatamente mezzo abortita

    http://www.youtube.com/watch?v=OkFbSJptV_c

  11. eligio de marinis dice:

    Un politico di rara vuotezza, megafono di idee brandite come un maglio, rimasto ad una visione della società pre-conciliare (rispetto al Concilio di Trento, of course), chiuso in uno script di esternazioni volte a titillare l’area cattolica dell’elettorato pidiellino… ecco come si finisce.