L’esperienza di Beppe Grillo con Youporn raccontata nel suo libro (insieme a Casaleggio e Dario Fo) in uscita a febbraio:


Grillo: Sulla rete c’è di tutto. Forse Dario non lo sa, ma tra i primi dieci siti più visti nel mondo ce n’è uno che si chiama YouPorn. Ecco come funziona. Tu hai voglia di avere un rapporto con una donna. Se prima andavi per le strade, ti mettevi d’accordo con una prostituta e la portavi in albergo, adesso ti colleghi al sito YouPorn, vai a vederti un filmetto porno che ti piace, due donne insieme, in tre, con un cavallo, quello che vuoi. Dopo che hai visto questo filmato gratis, sul monitor appare automaticamente il genere di donna che hai visto. Abita vicino a te, nella tua città e se vuoi si collega con te immediatamente. Lei è in casa sua che ti guarda con una webcam e tu guardi lei. Se vuoi parlarle clicchi, fai conoscenza e ti metti d’accordo per una prestazione. In questo modo il rapporto è diretto, non c’è più il magnaccia, lo sfruttatore, e non vai più per strada. La rete toglie tutte le intermediazioni, toglie anche le donne o gli uomini dalla strada. Vuol dire che tu fai pornografia in proprio, tu direttamente, ti metti in rete e ti pagano. Se non vuoi pagare la prestazione ti fai filmare in una scena sessuale con un quadratino nero sul volto così non ti si riconosce. Ti filmano e mettono il filmato sul sito, e tu non paghi niente, è tutto gratis. Insomma sesso a chilometro zero. Poi può capitare che chi ti contatta è la tua collega che si è connessa online dall’adiacente angolo del tuo ufficio… è successo davvero.



(via Il Fatto Quotidiano)

24 commenti a “Youporn for Grillo”

  1. ArgiaSbolenfi dice:

    E per il cavallo come funziona?

  2. valentinaa dice:

    Ha una mente che ormai più che iperbolica è iperuranica.

  3. cookie dice:

    Se qualcuno si fosse chiesto che razza di utonto potesse mai credere alle improbabili vicine di casa pronte a far sesso virtuale a qualsiasi ora, adesso finalmente ha la risposta…

  4. Gabriele dice:

    Ce li vedo, Grillo Fo e Casaleggio che si “documentano”…

  5. Crocotricycle dice:

    Ed io che pensavo fosse solo un luogo frequentato da onanisti…

  6. Adriano dice:

    Grillo fa il suo lavoro di comico: racconta storielle più o meno incredibili, per far ridere il suo pubblico e riempirsi le tasche. Il problema è che molte persone lo prendono sul serio e lo credono veramente informato e competente, in fatto di Rete e computer…

  7. nicola dice:

    “ti pagano”, ma chi?
    “ti filmano”, ma chi? Quando? Dove?

    Poi un suggerimento a Grillo & C.: sui siti porno si guarda il video, ci si fa le pippe e si lascia stare ogni altra cosa lampeggiante che ti dice “clicca qui”. E’ una regola di igiene informatica, valida anche per i siti normali. Come minimo si evita di farsi aprire mille finestre all’improvviso. Nei casi peggiori si evitano virus e truffe.

    Ma se uno le pippe con YP non se l’è mai fatte, perché deve atteggiarsi a maestro?

  8. Alberto dice:

    Licenziosamente OT: due post su yp in 4 giorni.
    C’è aria di Primavera ;-)

  9. se-po dice:

    Ma sono vere? e io che non ho mai cliccato sulle donnine che abitano vicino a me…

  10. claudio dice:

    Per chi apprezza…
    http://xkcd.com/713/

  11. Franca dice:

    Standing ovation per ArgiaSbolenfi :D

  12. orione dice:

    Mi pare più Grillo for YouPorn, sembra il testo di una brochure pubblicitaria… Magari è black marketing

  13. mazzetta dice:

    ArgiaSbolenfi ha vinto l’internet :D

  14. Sergio dice:

    Il problema sarà quando vorrà pagare il debito pubblico con i soldi che qualche dittatore Nigeriano gli ha promesso via email [rubata ad un commento sul fatto]

  15. Trentasei dice:

    @Alberto +1, ahaha: il richiamo della foresta.. ;-)

  16. Vanni. dice:

    Alcuni utenti non hanno ancora capito che internet non è gratis :è tutto assolutamente sponsorizzato dalla pubblicità!
    Grillo pensa che Youporn esista per beneficienza e per far concorrenza sleale ai papponi,ed è talmente abituato alla pubblicità da esserne assuefatto.

  17. dirkpitt78 dice:

    Grillo non sa che se scrive Google dentro Google si rompe l’internet.

  18. Paolo d.a. dice:

    Dai calma che tanto non supera il 15%

  19. massimo mantellini dice:

    @p.d.a. il 15% mi parrebbe una tragedia, caro ;)

  20. mfp dice:

    Che fico… quante cose ancora non so a proposito di internette… non smette mai di stupirmi.

  21. Paolo d.a. dice:

    @max
    Ce lo so :-) Ma c’è di peggio, chessò Berlu al 30. Secondo me finisce male, comunque la si guardi.

  22. ilsensocritico dice:

    Il cavallo? Oddio, e che facevano col cavallo?
    Spero che Grillo non abbia scritto il programma del Movimento Cinque Stelle mentre guardava su Youporn dei video con donne nude e un cavallo…..

  23. Pier Luigi Tolardo dice:

    “L’antifascismo non mi compete” “Noi non accettiamo riciclati di altri partiti ma
    Se un ragazzo di Casapound vuole candidarsi nel Movimento 5 Stelle non c’è problema”.
    ” I sindacati vanno eliminati” 2 In Italia ci sono 12 milioni di collusi”

    ” Perchè criticate Beppe Grillo , perchè siete vecchi, agli altri partiti non gli fate il culo, ma non c’è solo Grillo, noi siamo liberi, alla fine è tutto bello, tutto si basa sul volontariato, noi non spendiamo un euro, daremo tutto quello che guadagnamo ai poveri, non ci saranno più servi, nè padroni , nè Dio, nè Chiese, nè Imu, nemmeno banche…(mix di promesse elettorali e dichiarazioni in serie di grillini).
    E’ un mix fra il ’68 e il ’77 , anarchismo e un po’ di leaderismo, tutto molto italiano,pittoresco,

  24. Più pippe, meno pubblicità « Ilcomizietto dice:

    […] Dove secondo Cisco cliccare sui banner pubblicitari è molto più pericoloso che visitare siti porno. Forse il peggio è cliccare sui banner dei siti porno. […]