13 commenti a “Primi al mondo”

  1. Massimo dice:

    In Estonia mi pare facciano le elezioni politiche al 100% via web, e senza problemi, a dire il vero.

  2. Giancarlo dice:

    @massimo: in Estonia pare si siano attrezzati,si vota con una card a chip e un relativo lettore e software di criptografia. Ti pare la stessa cosa di Grillo? A me comunque è rimasta la curiosità di quanti siano stati i votanti alle primarie di Grillo.

  3. roberto dice:

    e soprattutto in Estonia sono in tutto meno di due milioni di abitanti.

  4. mORA dice:

    Occazzo, ma hanno fatto le elezioni e li hanno già mandati in parlamento? E io dov’ero?!

  5. nicola dice:

    Per fare brogli con i mezzi telematici bastano pochissime persone. Altro che mafia e controllo del territorio. In un colpo solo si fa fuori mafia e stato. Potremmo rimettere su la monarchia. E’ più dignitosa.

  6. Fedz dice:

    Tutto sommato trovo molto positivo il tentativo del Movimento 5 Stelle, forse tutti i critichini dovrebbero ricordarsi della cronica situazione italiana e di dove ci ha portato. Con tutti i limiti della figura di Grillo se davvero ogni partito italiano adottasse sistemi di candidatura simili credo ne potremmo trovare tutti giovamento. Certo se qualcuno si aspetta di svegliarsi un bel mattino trovandosi senza sforzi governato da una classe dirigente danese (o quello che preferite) ecco che allora il voto su internet per carità signora mia. Spero che cambierai idea Massimo, anche perché di solito sono d’accordo con te.

  7. gregor dice:

    Queste votazioni Grilline dovrebbero dimostrare una volta per tutte come la democrazia diretta faccia schifo quando applicata nella sostituzione di quella rappresentativa..

  8. roberto dice:

    “I limiti della democrazia: il tuo voto vale quanto quello di Toto Cutugno”
    Cuore – millemila anni fa [più o meno, cito a memoria]

  9. Simone dice:

    Pare che il M5S abbia raccolto 97000 voti. Sinceramente tutta sta rivoluzione del voto online, quando poi votano 4 gatti, non mi pare ‘sta gran cosa. Grillo ha criticato le primarie del centrosinistra (dopo aver cercato di parteciparci l’ultima volta), ma tre milioni di persone alle urne mi sembra per la democrazia un dato ben più rilevante di 97000 voti online. Non è che il mezzo utilizzato possa oscurare i numeri.

  10. Jack Antonio dice:

    97.000 voti da dividere per 3 (visto che ogni votante poteva esprimere 3 voti), quindi i votanti in tutto sarebbero molti di meno: circa 32.000

  11. Pier Luigi Tolardo dice:

    In pratica 36.000 iscritti al Movimento 5 Stelle (o non iscriti ma dovevano essere registrati quindi per me sono iscritti) hanno scelto i circa 80-100 deputati che il Movimento 5 Stelle con il 15% avrà, poichè si voterà con il Porcellum che dà la possibilità alle segretrie dei partiti di decidere gli eletti è un fatto di democrazia, chapeau al 5 Stelle.
    Però era 1.000 volte meglio la Prima Repubblica: ogni elettore aveva 4 preferenze, poi per evitare tante cose le abbiamo ridotte ad una, oK, quindi un deputato era scelto da almeno 25.000-30.000 elettori anche nei partiti più piccoli. Tanti quanti i 5 Stelle in tutto….
    Poi nella Dc, partito famigerato, certo c’erano tromboni in sella da 5-6 legislature ma i posti liberi venivano scelti da Comitati Provinciali formati da 30-40 persone, eletti in Congressi cui partecipavano 5.000-10.000 iscritti per Provincia, mettiamo pure che il 50% erano voti “falsi” quindi sempre 2.500/5.000 veri e così nel Pci, nel Psi, nel Pri, nel Pli, insomma c’era generalmente più partecipazione perchè se uno valeva qualcosa ed era radicato riusciva a frsi candidare e qualche volta ad essere eletto nonostante i tromboni e le nomenclature. Da questo punto di vista il sistema maggioritario oltre a non darci molta governabilità ha tappato la partecipazione…

  12. Mariano dice:

    Ho votato per le primarie del centrosinistra e non mi sono piaciute le norme che in parte ostacolavano la partecipazione.
    Qui è molto peggio: finora, non si ha nessuna informazione sulla sicurezza dei dati e e della loro integrità.
    Con qualche difficoltà, sono riuscito ad accedere alla pagina ufficiale dei risultati, dove alla graduatoria non era associato il numero dei voti presi da ciascun candidato. Come faccio a sapere se i candidati sono stati scelti democraticamente e non si tratta di una nomina dall’alto mascherata?

  13. Paolo dice:

    In pratica invece delle solite segreterie dei partiti nelle segrete stanze, i candidati li han scelti 32mila utenti online. Non male, non male. Peccato che solo M5S lo faccia.