Il governo tecnico legge Manteblog ed elimina dal decreto la distanza minima fra scuole e slot machine.

15 commenti a “Fattiva collaborazione”

  1. Luca dice:

    detti l’agenda, roba forte

  2. Stefano dice:

    Ecco svelato il vero potere occulto che manovra la politica italiana!
    Ormai non puoi più negarlo!

    :-)

  3. mORA dice:

    Allora, Monti bis o no?

  4. db dice:

    È un decreto open

  5. GC dice:

    mi sembra la strada giusta,continua cosi’

  6. Carlo M dice:

    oltre a mantellini, molto soddisfatte anche le aziende del settore dei giochi d’azzardo, spalleggiate del pdl.

  7. Larry dice:

    Non ti resta che diventare un amico di Gianni Letta e poi sarai la vera nuova eminenza grigia italiana.

  8. enrico dice:

    La prossima volta che Napolitano ti invita al Quirinale non fare lo schizzinoso e vacci subito, magari vuole conferirti l’incarico.
    Mante rulez

  9. farucchino dice:

    per me, doveva essere aumentata la distanza e tolta la pubblicità il pomeriggio: adesso sarà tutto come prima…è l’Italia che va…

  10. sartana dice:

    Ora abbiamo finalmente capito chi è che spinge gli spingitori di spingitori di cavalieri.

  11. Marco dice:

    Io proporrei di metterle nelle scuole e con l’obbligo di giocarci 2 ore a settimana.
    La scuola è il posto migliore per eliminare qualsiasi passione.

  12. stefano nicoletti dice:

    Tutti a preparare le merendine per reclutare gli alunni delle elementari e giocare così su dieci macchinette contemporaneamente.
    Ehehehe

  13. stefano dice:

    Ammetto che sono parte in causa (opero nel settore, sottosettore editoria e pubblicità)

    L’unica proposta intelligente che c’era nella proposta di decreto è stata tolta. E non mi riferisco alla distanza scuola-macchinette (fumo negli occhi, ma pane per i media). Bensì al divieto assoluto di fare pubblicità ai giochi di pura alea, cioè dove manca completamente la componente “skill” (capacità, bravura, strategia, chiamatela come volete)

    Quella si che era una proposta intelligente! Vuoi giocare? Fallo pure, ma fallo in giochi in cui vince il più bravo, non dove immancabilmente vince il banco!

    Piuttosto mi chiedo perché i media, preoccupati a sbandierare dati sulle malattie legate al gioco, di cui riempiono pagine e pagine, non si impegnassero a pubblicare ogni tanto anche le tabelle di vincita, dove si evincerebbe che lotto, gratta e vinci e compagnia bella sono giochi a perdere!!!

  14. Mammifero Bipede dice:

    Mi sa che era troppo complicato spostare le scuole…

  15. Dario Salvelli dice:

    Ce ne è una ogni 160 abitanti. Hanno tolto il divieto (che pare riduceva del 60% le slot) e messo un fumoso piano di localizzazione dei Monopoli. Contano solo i soldi chi se ne frega da chi arrivano.