Non ho ben capito cosa sia successo a questo sito web della Direzione Territoriale del Lavoro di Modena, lo scopriremo meglio nei prossimi giorni. Nel frattempo, qualsiasi siano le reali motivazioni del Ministero del Lavoro, “provvedere alla immediata chiusura del sito Internet” è una di quelle espressioni che fa davvero ribrezzo.

7 commenti a “Barbra Streisand in arrivo”

  1. Eugenio dice:

    Un vero peccato. Il sito della DTL di Modena era, da anni, un punto di riferimento per chi si occupa di lavoro.

  2. valentinaa dice:

    Hanno solo fatto un po’ di confusione, tra rappresentazione uniforme e rappresentazione in uniforme.

  3. Emiliano dice:

    Le solite cose fatte all’italiana: diverse pagine (o meglio intere sezioni) sono ancora accessibili:

    http://www.dplmodena.it/nuovolavoro.htm

    ecc.

    Non che cambi il succo del post, ma mi sembra indicativo del livello di raffinatezza dell’intervento.

    Saluti.

  4. Daniele Minotti dice:

    C’è chi parla già di censura…

  5. lorenzodes dice:

    Una volta che una P.A. fa un servizio utile questi me lo chiudono.

    Il sito della DPL di Modena era preziosissimo per chi segue la materia giuslavorstica.

  6. francesco dice:

    E’ giusto che un singolo funzionario tenga su ARUBA un sito di servizio pubblico? Prima di evocare provvedimenti liberticidi e fascismi non sarebbe meglio fare una pacata riflessione sulle linee guida delle P.A. e sui diritti e doveri dei funzionari pubblici?

  7. ArgiaSbolenfi dice:

    Quello che dice francesco è corretto.
    Resta la sgradevole sensazione di assistere alla repressione di un’individualità di pregio. Come quando nelle aziende poco meritocratiche si tarpano le ali ai migliori perchè disturbano la mediocrità generale.
    Non si poteva almeno preparare un’alternativa di pari valore prima di procedere alla chiusura?