Corrado Calabrò di fronte alla Commissione bicamerale su contraffazione e pirateria oggi:

«Quattro commissari su otto mi hanno chiesto di porre all’ordine del giorno il regolamento e, visto che la richiesta viene da più di un terzo dei componenti del Consiglio, sono obbligato, al di là della mia propensione personale, a darvi seguito. Posso quindi assicurare che prima della fine del mandato dell’Autorità il regolamento verrà messo all’ordine del giorno del Consiglio e adottato».



(via La Stampa)

3 commenti a “Povero, lo costringono”

  1. ArgiaSbolenfi dice:

    E mentre questi si riuniscono, su Youtube sono disponibili migliaia di film completi. Con neanche 90 euro si compra un media player con WiFi che permette di vederli in streaming sulla TV, rendendo sostanzialmente inutile un abbonamento ai canali digitali o l’acquisto dei DVD (almeno per tutti quelli non interessati alla massima qualità video).

  2. zerobyte dice:

    Sarebbe interessante conoscere i nomi dei 4 commissari cosi solerti a fare l’interesse di major e industria dell’intrattenimento.
    Cosi, giusto per capire eventuali conflitti di interesse tra il loro lavoro e quello del proprio conto bancario…

  3. rccs dice:

    Almeno non l’hanno presentato a sua insaputa!