Poi dice come mai hai ricominciato a leggere la cronaca locale:

Forlì, 27 febbraio 2012 – LE BUGIE, si sa, fanno male. Possono far male al cuore di chi ama, un dolore tutto interiore che offusca la ragione, si tramuta in rabbia e sfocia in reazioni assolutamente imprevedibili. Ma di cosa è capace il cuore di una donna tradita, ferita nell’orgoglio? Atti estremi, forse persino contro-natura, come restituire quel dolore. Restituirlo fisicamente.
È IL CLASSICO triangolo: lui, lei, l’altra. Siamo a Forlimpopoli, quasi al confine con Cesena. Lui decide di incontrare l’amante, 52enne, a casa. La moglie, 46 anni e tre figli, si è assentata per un un po’, o almeno così crede lui. Poi la scena si complica e quell’incontro, che mai avrebbe dovuto verificarsi — lui, lei, l’altra tra le stesse quattro mura — si trasforma in un match. La moglie probabilmente nutre già qualche sospetto sulla relazione extraconiugale, ma vederli insieme è troppo.
E scatta la lite, violenta, violentissima: le due donne vengono alle mani, sono inseparabili. La rabbia improvvisamente trova una valvola di sfogo nelle percosse. Poi il gesto estremo, imprevedibile, la restituzione di quel dolore: la moglie afferra la mano dell’altra e digrigna i denti. Un morso feroce al pollice sinistro che improvvisamente schizza via, tranciato. Solo che poi la scena si tinge di mistero, di particolari inquietanti: quel dito non viene mai più ritrovato. All’arrivo della polizia e del 118, la ricerca è forsennata, ma niente. Come volatilizzato. Nella foga del momento, dicono gli inquirenti, la donna potrebbe averlo ingerito.
CANNIBALISMO? L’ultima parola spetterà al giudice.


11 commenti a “La restituzione del dolore”

  1. sartana dice:

    e pensare che li pagano 5 euro a pezzo…

  2. gibbo dice:

    @sartana
    C’è un perché a tutto.

  3. bara dice:

    5 euro a dito?

  4. gregor dice:

    Non dormirò più la notte finchè il dito non sarà trovato… Però l’articolo è ben scritto :P

  5. Cervello dice:

    In tempi di crisi, non si butta via niente. Credo sia addirittura in linea coi principi di dieta mediterranea.

  6. Claudio dice:

    Scrivo cronaca locale da anni.

    Un lavoro pittoresco lontano da zerbini i vari

  7. diamonds dice:

    non a caso il melò è nato da queste parti,tra pesaro e bussetto

    http://www.ghostwhisperer.us/Music/Sting/Windmills%20of%20Your%20Mind%20.mp3

  8. esaù dice:

    @gregor. Ben scrittooo? Con quell’ “inseparabili” nel senso di “irrefrenabili” e senza neppure le iniziali dei protagonisti? Mah.

  9. patrizia dice:

    sicuramente la Sig.ra era particolarmente gelosa…poteva finire peggio a lui come all’ americano famoso che perse il suo dito…

  10. emanuele dice:

    sul giornale c’era pure la foto della donna mozzicata, cosa vuoi di più dalla cronaca locale? ;-)

  11. Best of my feed #139 | Vita di un IO dice:

    […] Mantellini ripropone uno dei pezzi giornalistici peggio scritti che io abbia mai […]