10
gen




Senza grandi annunci Apogeonline cambia. Uno degli storiche webmagazine della Internet italiana dopo molti anni perde ogni sua aspirazione di approfondimento culturale dei temi della cultura digitale per diventare una semplice estensione web della casa editrice. Dalla fine del 2011 Sergio Maistrello (uno dei più bravi giornalisti tecnologici italiani) non ne è più il direttore editoriale, qui le considerazioni di Roberto Venturini, uno degli editorialisti del sito. Per quanto mi riguarda, per l’affetto e l’interesse con i quali ho seguito il sito in questi anni, si tratta di un vero peccato.

11 commenti a “Apogeoffline”

  1. bernardo.parrella dice:

    si e’ un peccato perche’ sparisce un pezzo importante della storia della cultura digitale italiana, anche se il cambio era inevitabile (anzi: dovuto!) visto l’enorme ampliamento di spazi e fonti nostrane online e soprattutto le differenti scelte dell’editore in se’ (l’arrivo di feltrinelli, i cambi di AD, titoli quasi solo tecnici, etc.)

    speriamo magari tengano gli archivi del sito, dove sono stato uno dei primi a scriverci, dall’estate 98, quando anzi per un breve periodo lo curavo per intero dalla california, con rudimentali html editor e ftp text-only — ah, bei tempi…senza pero’ fare i nostalgici ;)

  2. gibbo dice:

    ci rimane solo webnews e qualche survivor blog

  3. Apogeonline, quello che siamo. « I media-mondo. La mutazione che vedo attorno a me. dice:

    [...] crescita del web nel nostro paese. Ci ha spiegato chi siamo. Oggi senza tanto rumore, come scrive Massimo,  cambia politica editoriale. Avrei preferito aspettare la comunicazione pubblica dell’editore [...]

  4. Bye Apogeo | Tiragraffi dice:

    [...] via Giovanni Boccia Artieri, Roberto Venturini, Massimo Mantellini ] [...]

  5. EmmeBi dice:

    Vero. Che peccato.

  6. Angelo dice:

    A pensarci bene, quale altra webzine italiana resterebbe da leggere ora, oltre a Punto Informatico?

  7. gibbo dice:

    @Angelo
    pi? pi è molto nerd e morta da anni, una volta l’avevo nei feed. mante lo leggo qui, ergo.. in italia i è rimasta webnews, qualche geekblog e basta.

  8. michelm dice:

    Se proprio vuoi qualcosa in italiano ci sono Hardware Upgrade e ZeusNews oltre a PI.
    Forse e’ il modello webzine che e’ in via di dimensionamento per la concorrenza di FB e G+.

  9. Lasciando Apogeonline » Sergio Maistrello dice:

    [...] per gli apprezzamenti e gli incoraggiamenti personali Massimo Mantellini, Giovanni Boccia Artieri, @40kITA, @dariobanfi, Giuseppe Granieri.  Tweet « State of [...]

  10. Apogeonline cambia « ApogeoEditore dice:

    [...] a migliorarci. Iniziamo raccogliendo, tra le altre, le considerazioni di Giovanni Boccia Artieri, Massimo Mantellini, Giuseppe Granieri, Roberto [...]

  11. Best of my feed #132 | Vita di un IO dice:

    [...] via Massimo Mantellini che ApogeOnline ha cambiato filosofia… diciamo [...]