Ho ascoltato Ivano Fossati – che è probabilmente l’autore italiano che ho amato di più – annunciare in TV il proprio abbandono definitivo dalle scene. Confesso che mi è un po’ sfuggita l’impellente necessità del triste annuncio.

7 commenti a “La distruzione di un amore”

  1. Pierluigi dice:

    porca miseria, prima travaglio che smette passaparola,
    poi fossati che smette di cantare

    va tutto a pezzi

    intanto godiamoci la sua canzone piu bella

    http://www.youtube.com/watch?v=ioOO40azY5c

  2. Claudio dice:

    mmmmmm fammi pensare mmmmmm si avvicina il natale….mmmmmm….. ha pronto un cd? The very very sooooo much best of Ivano Fossati?

  3. Ganascia dice:

    aaah Fossati! tanto bravo eh? però palloso… :)

  4. mORA dice:

    Un grande classico:

    http://edue.wordpress.com/2006/01/25/ipnotico-ma-non-troppo/

  5. Simone dice:

    In effetti l’Ivano da Lindbergh in poi ha fatto sempre le stesse canzoni, cambiando solo la copertina dei dischi, gran bravo musicista e bella voce. Chissà quanto prenderà di pensione…

  6. Luca dice:

    Ho pensato la stessa identica cosa.

  7. Camillo dice:

    Qualche anno fa andai ad un suo concerto all’aperto a Roma. Spettatori 12. Avendo resistito a tale colpo, ed anzi avendo assai migliorato le sue “quotazioni”… può far ciò che meglio crede. Concordando con Simone…