16
Giu



Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.




Gli spot radiofonici di Internazionale non piacciono alle direzione RAI.

18 commenti a “Screwed”

  1. pietro dice:

    se hanno paura persino di un BIP sono messi davvero male.

  2. Al dice:

    The man who screwed an entire spot on the magazine that reprised the magazine that titled the man who screwed an entire country.

  3. Nicola dice:

    sì, peccato che chi abbia letto quell’articolo abbia visto che di fatto si trattava di un elogio a Berlusconi. Io sono contrario a B. ma mi fa piangere l’Italia che inneggia per i titoli contro e poi non va a leggersi quello che c’è scritto.

  4. IcoFeder dice:

    Nicola, semplicemente non bisognerebbe censurare (quasi) nulla.
    Pro o contro quello che si pensa.

  5. massimo mantellini dice:

    @Nicola, elogio a Berlusconi? Dobbiamo aver letto due articoli diversi.

  6. litsius dice:

    Sì, però, “mi si consenta”: gli inglesi hanno ragione a criticare Berlusconi e, soprattutto, a criticare noi perchè ce lo siamo sorbito come dominus per una ventina d’anni.
    Ed è sacrosanto stigmatizzare l’operato della Rai, anche perchè siamo a rischio assuefazione
    Ma pure i media inglesi non scherzano: basta che Pippa faccia uno starnuto e te la ritrovi in prima pagina…
    A ciascuno il suo.

  7. diamonds dice:

    con le stesse motivazioni probabilmente,il giovedì,i maggiorenti rai scongiuravano la redazione del secondo canale di non lanciare manco morti anno zero facendo annunciare dagli speaker che avrebbe seguito il tg2,contrariamente alla pratica comune di fomentare un certo entusiasmo impossibile per l’inguardabile fiction di turno,un macabro reality corredato di olgiatine o superficiali approfondimenti

    http://www.ghostwhisperer.us/Music/Police/Can't%20Stand%20Losing%20You.mp3

  8. giacomo dice:

    e comunque “screwed” non è proprio “fottuto”, direi anzi “incasinato” , la traduzione è un po’ libera :)

    (scusate il post scappato, I screwed ! )

  9. se-po dice:

    @Nicola che articolo hai letto?

  10. L1 dice:

    ma infatti, vorrei sapere anche io cosa intendeva nicola…

  11. trentasei! me compreso? trentasette dice:

    Infatti “Screw you!” in inglese significa proprio “Incasìnati!”
    Bravo giacomo ad avercelo fatto notare.

  12. Prometeo dice:

    In realtà, la traduzione è corretta.
    Vi rimando, per praticità, al dizionario online di Wordreference (ma potete utilizzare qualsiasi dizionario cartaceo abbiate in casa):

    http://www.wordreference.com/enit/screw :

    Il quarto significato elencato è: POP[ULAR]. (have sex with): chiavare, scopare.

    Poi, certo, va detto che è meno ‘forte’ di to fuck, per cui volendo si potrebbe tradurre come “fregare”: “L’uomo che ha fregato un intero paese”. Ma alla fine è una sfumatura. “Incasìnati”, invece, non ha proprio senso (a meno che non si intenda “vai con Casini”? Ma non credo si trovi nei dizionari… ;-) )

  13. diamonds dice:

    nell’ottocento capitava che alle opere recitate da Sarah Bernhardt all’ingresso del teatro distribuissero i libretti sbagliati e la gente si spellava ugualmente le mani per gli applausi.Forse nicola è in una situazione analoga

    http://totten.net/music/The%20Stiff%20Records%20Box%20Set/Various%20Artists%20-%20The%20Stiff%20Records%20Box%20Set%20%5BDisc%201%5D/07%20-%20Richard%20Hell%20-%20(I%20Belong%20To%20The)%20Blank%20Generation.mp3

  14. Nicola dice:

    se-po
    http://www.camilloblog.it/archivio/2011/06/10/and-yet-the-alternative-is-even-worse/

  15. Olivetti dice:

    Credo che il titolo dell’Economist giochi proprio sul fatto che può significare sia “fottuto” (nel senso sessuale) che “fregato” e “rovinato”.

  16. ArgiaSbolenfi dice:

    E’ come dice Olivetti, è un gioco di parole, l’ha confermato un redattore della rivista in un’intervista.

  17. ar5o dice:

    “La settimana”, l’editoriale di Giovanni De Mauro, dice:
    “Non si può dire che all’Economist manchi
    il tempismo. In pochi anni è la quarta
    copertina molto dura con Silvio
    Berlusconi. Ed è arrivata proprio alla
    vigilia del referendum che ha segnato una
    nuova sconitta del presidente del
    consiglio italiano. Un attacco ancora più
    duro perché viene da un settimanale che
    non può certo essere deinito di sinistra.
    Paladino del libero mercato, l’Economist
    è il giornale dell’establishment
    anglosassone, amato e letto dalle élite
    economiche e politiche di mezzo mondo.
    Il dubbio, piuttosto, è sulla parola giusta
    per tradurre screwed. “Fregato”, come
    hanno scritto molti giornali italiani che
    si sono improvvisamente scoperti
    puritani dopo aver riempito per mesi le
    loro pagine di intercettazioni telefoniche
    a base di bunga bunga ed escort? Oppure
    “sputtanato”, come ha proposto un lettore
    dell’Economist partecipando al dibattito
    lanciato proprio sul sito del settimanale
    britannico? No, la parola giusta è un’altra.
    Forse non rende tutte le sfumature
    dell’originale, però è quella che più gli si
    avvicina. Berlusconi ha fottuto l’Italia. Ma
    non è detto che debba continuare a farlo.”
    [CC BY-NC-SA 3.0]

  18. muttley dice:

    @Nicola il dramma di Rocca è che quando si è simpatici come la diarrea infestata di e.coli, è difficile essere presi in considerazione anche quando si ha ragione.