Nei giorni scorsi ignoti hanno sabotato una postazione wifi gratuita del Comune di Cesena lasciando sul luogo un cartello di rivendicazione: “Meno Wifi + parcheggi”.

(via romagnaoggi)

12 commenti a “La banda dei SUV”

  1. Fabrizio dice:

    …- internet + cabernet, non è male.

  2. Mat dice:

    Okkio che gli Anonimous vi vengono a fare DDOS alle auto con le molotov…
    Poi il posto si trova sicuro

  3. francesco dice:

    il gesto deprecabile sottolinea una realtà piuttosto sottovalutata: i comuni e le municipalità stanno spendendo i nostri soldi cercando di dare del wi-fi (spesso di bassa qualità e praticamente inutilizzabile) gratis.

    francamente dalla mia provincia (nel caso specifico Roma) mi aspetterei maggiori investimenti nella viabilità pubblica piuttosto che in isolati hot spot wi-fi di cui francamente faccio volentieri a meno visto che se ho necessità di internet me la procuro come piace a me e senza illudermi che sia gratis…

  4. gian dice:

    preferisco il sangiovese

  5. fab dice:

    @francesco per quanto io ne sappia, il Comune di Cesena non ha tirato fuori una lira per fare il WIFI, ha messo a disposizione dei realizzatori, la Fibra Ottica, le Antenne e la gestione del portale … l’Italia brulica di Fibra Ottica stesa da anni che non viene utilizzata dalla rete privata a causa di speculazioni commerciali delle varie compagnie telefoniche… questo è uno spreco.

  6. Santiago dice:

    ahhahaha dai, quoto fabrizio, lo slogan è bello :D

  7. why fi dice:

    “maggiori investimenti nella viabilità pubblica piuttosto che in isolati hot spot wi-fi di cui francamente faccio volentieri a meno”

    quindi siccome tu non sai che fartene allora non serve a nessuno, stiamo pure dove siamo tanto comunque in italia siamo molto avanti…
    certo anche che con gli “investimenti” per un punto wifi ci fai grandi lavori nella viabilità
    probabilmente neanche un metro di guard rail riesci a mettere… non credo che sia il costo di qualche banale servizio a impedire gli altri lavori :)

  8. francesco dice:

    @fab il fatto che il comune di Cesena non abbia fatto investimenti mi sembra strano, puoi indicarmi la fonte? Qualcuno che sviluppa, gestisce e manutiene il servizio ci sarà pure. Poi non ho capito che cosa centrano ora le compagnie telefoniche…

    @why fi non ho detto “stiamo pure dove siamo”, ma sto dicendo “investiamo dove ce ne è necessità”. francamente che i comuni continuino ad investire in qualcosa di anacronistico come il wi-fi mi sembra il più classico degli specchietti per le allodole, se si vuole sviluppare internet in Italia si devono fare corsi a chi non sa usare il PC (il 45% delle famiglie) e non mettere a disposizione più modalità di accesso per chi lo sa già usare (modalità di accesso per altro scomoda e di scarsa qualità). Per quanto mi riguarda se tutto l’impegno della provincia di Roma (non solo economico ma anche sociale e di comunicazione) per il wi-fi fosse stato messo per promuovere e sviluppare i mezzi di trasporto pubblici sarebbe stato meglio.

    Dobbiamo toglierci dalla testa fantasie come “internet gratis per tutti”, perché non esisterà mai e quando lo fanno i comuni e le municipalità di fatto stanno sottraendo soldi ad altre cose che io -nella mia umile opinione- ritengo sicuramente più importanti (acqua pubblica, viabilità, servizi sociali e altro)

  9. *ernet « Smile dice:

    […] E come fai a non ripubblicare questa ! (Via Mantellini) […]

  10. fab dice:

    @francesco, scusami.. il comune ha speso 1.000 euri. http://cesenacinquestelle.wordpress.com/2011/03/25/cesena-diventa-capitale-del-wi-fi-gratuito-e-senza-limiti/
    Chi lavora allo sviluppo del servizio non è stato pagato in denaro ma ha un accordo di gestione di publicità e sponsor sul portale https://hotspot.cesenawifi.it chi come me ha contribuito in minima parte lo ha fatto a titolo di Sponsor per dare il proprio contributo alla Comunità.
    Le infrastrutture erano già presenti da tempo(fibra ottica)… sono state solo attivate e non lasciate inutilizzate.
    Per quanto riguarda le compagnie telefoniche penso che dovrebbero offrire un servizio più veloce perché i mezzi ci sono ma non vengono utilizzati.
    Magari quello di Cesena può essere uno dei tanti esempi per iniziare a utilizzare questi mezzi su larga scala.

    PS: non so nella tua provincia .. ma a Cesena grossi problemi di traffico ad oggi non ce ne sono.

  11. francesco dice:

    @fab che si tratti di iniziativa a capitale praticamente privato è una buona notizia (anche se non ho chiaro chi paga la banda, non basta avere della fibra, deve essere collegata a qualcosa) e mi ha fatto ricredere sulla mia idea “investiamo dove serve”. Se non sono stati spesi soldi non vedo perchè non farlo (anche se fra qualche mese sarebbe bello sapere quante persone hanno utilizzato il servizio)

    Il fatto che il wi-fi aiuti a diffondere la cultura di internet in italia per me rimane un’idea scollegata dalla realtà, il problema di internet è solo in minima parte collegata all’accesso (non credo che in centro a Cesena non arrivino altri tipi di collegamento internet).

    Per le compagnie telefoniche non so che dirti, sento spesso dire che devono offrire un “servizio più veloce” ma -pur condividendo questa aspirazione totalmente generica- non riesco a capire come un collegamento in fibra dovrebbe convincere una persona che oggi non si installa nemmeno un’adsl ad iniziare ad utilizzare internet.

  12. Luci dice:

    Uno degli aspetti per me più agghiaccianti della vicenda, oltretutto completamente ignorato dai quotidiani locali, è che questo slogan non è frutto della mente malata dei vandali, ma il mantra che ripetono a spada tratta gli speaker di Radio Centrale, radio che nelle ultime settimane si è impegnata a screditare l’introduzione del wifi nella città. Sull’onda della protesta dei commercianti locali che manifestano contro il sindaco per problemi legati a parcheggi e ztl. Non so quale genio della lampada all’interno della radio può aver pensato a questa associazione, ma di certo deve esserci qualcuno dietro (probabilmente dell’opposizione all’amministrazione comunale) che ha sborsato fior di quattrini.