15
Apr




Obama ha presentato una proposta articolata per la creazione di un “single-password trusted identity system”. Le premesse sembrano quelle giuste, anche se ovviamente sono molto riferite al sistema USA: toccherà leggere.


The latest plan, which distances itself from a national ID approach, calls on the private sector to develop methods by which consumers can create a secure, online identification to enable web transactions. The plan envisions replacing today’s reality of generally having to remember passwords for dozens of sites, where consumers have already lodged their sensitive data, such as credit card numbers.


(via wired)

2 commenti a “Trust me”

  1. Gilberto "Velenux" Ficara dice:

    Riscoprono l’acqua calda?

    Questa è roba di cui si parla dai tempi in cui MSN voleva essere il “passport” digitale per la rete. C’è stato un progetto anche dell’Unione Europea, se non erro, affidato a MS o affini e basato su Passport. Poi è arrivato OpenID.

    Risultato? Tutto come prima, ma più di prima, perché volendo ora oltre ad avere 12mila account puoi usare anche OpenID :)

  2. muttley dice:

    Esistono già da tempo i certificati SSL e le certification authorities. Nulla di nuovo sotto il sole.