Chi ha letto ieri pomeriggio le dichiarazioni del Ministro degli Esteri Frattini, nelle quali, senza alcuna logica apparente, venivano avvicinati eventi lontanissimi come le prossime rivelazioni di Wikileaks, le inchieste dei magistrati su Finmeccanica, le foto di Pompei mostrate sui media internazionali, è rimasto per un istante indeciso se attribuirle ad un delirio etilico o se semplicemente ricondurle allo spessore intellettuale del Ministro, capace da sempre di stupire ogni osservatore con salti logici stupefacenti. La tesi di un disegno internazionale per screditare l’Italia e danneggiarla economicamente ordito da forze oscure in grado di tirare fili tanto distanti, ha un numero molto ampio di possibili contestazioni delle quali una sola fondamentale. L’Italia già ora non conta praticamente nulla nel panorama internazionale e lo spessore del suo Ministro degli Esteri, nonché l’ampio circuito disinformativo che oggi sui giornali vicini a Berlusconi prende per buone queste curiose tesi complottiste, ne sono la miglior prova.

11 commenti a “Le frattaglie di Frattini”

  1. Massimo Morelli dice:

    La seconda che hai detto

  2. Daniele Minotti dice:

    Non si conoscono piu’ le stagioni… Una volta, il complottismo era una specialita’ della Sinistra…

  3. fabimas dice:

    troppe scie chimiche.
    (ehm, quelle nei cieli)

  4. albertog dice:

    Stavo guardando Rubicon grazie alla segnalazione di questo blog. Ma il ministro Frattini è ancora più entusiasmante. Unisce i puntini. Solo che il disegno che viene fuori è Berlusconi che fa le corna.

  5. alessandro dice:

    albertog mi hai fatto fare una gran risata, grazie!

    unisci i puntini dall’1 al hahaha

  6. CarloZucchi dice:

    Il ministro Frattini ha dimenticato inoltre di citare due altri eventi inquietanti che hanno ostacolato l’azione di governo:
    1) il cane mi ha masticato il quaderno dei compiti
    2) non ho potuto studiare perché avevo mal di pancia

  7. Fabrizio dice:

    Più che complotti, complottoidi. Se si mette insieme la decadenza intellettuale di certi personaggi, la superficialità, il lassismo, la noncuranza, tutto ciò può sembrare un complotto in realtà è solo un declino che si autoalimenta. Poi pretendono che nessuno ne parli?

  8. IcoFeder dice:

    Io credo che il grande complotto per affossare l’Italia esista…
    Passa per Bondi ministro, S.B. presidente del cons., Bossi ministro del programma…

  9. bonilli dice:

    Credo che una volta pubblicati i documenti delle ambasciate americane al Dipartimento di Stato si leggerà di un Berlusconi socio di Putin e che fa affari con lui, puttaniere ricattato, bugiardo, impelagato con le tangenti ai mafiosi, uno di cui non fidarsi.
    Lo sapeva già un pezzo di Italia, lo sapevano tutti i servizi segreti e ora lo saprà anche il mondo.

  10. Alessandro gilioli dice:

    Frattini è un simpatico nulla con contorno di niente. Il dramma per uno di spessore così scarso è trovarsi per sbaglio – vaso di coccio – in un casino infernale. Mi sa che a lui sta per capitare, poveraccio.

  11. valentina dice:

    Siamo in mano a un branco di cialtroni. Frattini è uno che all’Onu, Millenium Goals, è andato a dire che noi vabbe’ non diamo un euro per lo sviluppo e la cooperazione, però vuoi mettere, diamo un bel po’ di truppe. Testuale. Siamo talmente assueffatti a Berlusconi che non ci rendiamo conto, o comunque non questioniamo più di tanto, del governicchio che ha tirato su. Ci meritiamo davvero tutto?