Un documento interno di Google, reso noto su Advertising Age mostra la spesa pubblicitaria di alcuni grandi aziende mondiali su Google. E’ interessante notare che British Petrolium dopo la catastrofe ecologica della sua piattaforma petrolifera in Lousiana sia passata da 57000 dollari e 3 milioni e 600 mila dollari in search advertising.


(via motoricerca)

4 commenti a “Le parole chiave nei disastri”

  1. Giuliano dice:

    Poi dicono che i soldi non fanno la felicità!

  2. elvetico dice:

    Scusa Mante, ma qui traspare il solito pregiudizio anti-economia che con la voglia di condannare tutto finisce per annacquarlo. Il disastro di BP è l’esplosione e la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. Quello va condannato. Cercare di ricostruirsi un’immagine dopo un disastro del genere mi sembra perfettamente legittimo per un’impresa commerciale.

  3. Dario Salvelli dice:

    Notizia un po’ vecchia quella della BP, il punto è che si sperano non siano stati favoriti o scorretti ed aggressivi nel search ad.

  4. massimo mantellini dice:

    @elvetico, non ho capito da dove traspare (mi sembrava un post del tutto neutro)