(grazie a emmebi)

9 commenti a “Giapponesi a Rio”

  1. raxi dice:

    “Una sera siamo stati invitati dalla seconda moglie di Jobim a cantare nella sua casa. Con me e mio marito c’erano anche il figlio di Jobim e suo nipote. Al termine del primo pezzo avvertimmo uno strano verso molto simile ad una risata. Nessuno però pareva aver riso. Guardando fuori dalla finestra ci accorgemmo che un uccello ci stava osservando: sembrava quasi voler partecipare alla nostra interpretazione. Di comune accordo abbiamo considerato l’accaduto come una partecipazione spirituale del rimpianto maestro.”

    E’ qui il legame giappo-brasileiro. Nel comune sentire animistico.

    E nel lavoro per sottrazione. La voce di lei ha un timbro speciale.

    Viva le sedute spiritiche.

    R

    Minotti domani sera a Camuggi c’è Richard Galliano.
    Magari merita.

  2. pasquino dice:

    Bellissimo…

    Non ricordo più quanti suoi album ho comprato, cercando quella perla impareggiabile che è Tango. Sakamoto è sempre un passo avanti!

  3. Cafonauta dice:

    Com’è questa saudage a tanto tempo dall’uscita di questo progetto?

  4. EmmeBi dice:

    Comprai “Casa” quando uscì nel 2006. Lo ascoltai distrattamente e non lo trovai particolarmente intrigante, pur riconoscendo l’alta qualità degli artisti coinvolto e del lavoro complessivo. Poi non lo riversai sull’ipod e me ne dimenticai. L’ho ripreso di recente , l’ho ascoltato e l’ho trovato meraviglioso, l’ho postato e il disco ha trovato nuovi fan.
    A volte succede così.

  5. Alessandro dice:

    Al di la’ di Sakamoto, la musica brasiliana in Brasile e’ estremamente popolare. Anche in campo extramusicale, i due paesi sono molto piu’ vicini di quanto il nostro eurocentrismo ci indurrebbe a pensare. Tanto per fare un esempio, San Paolo e’ la citta’ con la piu’ grande comunita’ giapponese fuori dal Giappone …

  6. raxi dice:

    A me paiono antipodici su molti assi.

    Alessandro sono ondate migratorie contestuali alle nostre in Argentina o in Cile.

    Un articolo sui legami storici giappo brasileiri lo trovate qui
    http://www.youkosoitalia.net/2008/10/21/giappone-e-brasile-cosi-lontano-e-cosi-vicinouniti/

  7. raxi dice:

    A livello musicale invece oltre a Sakamoto e Hisaishi
    mi piace molto Shigeru Umebayashi

    Date un ascolto se non lo conoscete
    http://www.youtube.com/watch?v=U66BEZIln8Q

  8. pasquino dice:

    @raxi

    Ah, la colonna sonora di “In the Mood For Love”! È vero, è davvero bella :-) Anche il film. Un po’ pesante, ma molto bello! :-D

  9. raxi dice:

    Ciao Pasquino.

    Un po’ di leggerezza allora. Estate di Kikujiro/Kitano/Hisaishi
    http://www.youtube.com/watch?v=fFpdZc_Yv_U