Il Corriere della Sera ha il solito pezzo morboso sull’omicidio di una ragazza sedicenne di Mestre. L’articolo è in grandissima parte basato su informazioni copia-incollate dal suo profilo Facebook. Che è questo ed è privato. Ora a me piacerebbe sapere se tutto questa esposizione è legale (e subito dopo se è umanamente giusta).

17 commenti a “Conversazioni fra amici”

  1. soloparolesparse dice:

    direi no… e no!

  2. Daniele Minotti dice:

    Vorrei fare un piccolo sondaggio, senza Google: quanti giornalisti sanno cos’è e cosa dice la Carta di Treviso?

  3. ArgiaSbolenfi dice:

    Aspettiamoci un duro intervento dell’Ordine.. eh..

  4. L1 dice:

    direi che in questo caso se ne sono abbastanza infischiati, della carta di treviso. si vede che non ha nessun potere cogente (sanzioni previste dall’ordine? mah).

  5. Marcello dice:

    Quindi la libertà di stampa non è un valore assoluto? o lo spiare dal buco della serratura è libertà di stampa solo quando fa comodo?

  6. L1 dice:

    marcello, forse il termine “minorenni” t’e’ sfuggito…

  7. valentina dice:

    marcello non confondere la libertà di stampa con la libertà di fare quel cazzo che ti pare, le regole ci sono comunque, a partire da quelle deontologiche di verità continenza e pertinenza fino appunto alla carta di treviso. tutte cose, sia chiaro, che servono a proteggere i deboli, non i potenti. e la ragazza qui sopra oltre che minorenne è vittima di un delitto.

    per il resto, facebook aiuta i fancazzisti che non conoscono decenza. se è normale, in cronaca, ricostruire il profilo di una vittima, andrebbe fatto presentandosi di persona, e non forzando i cassetti col culo piantato davanti a un computer.

  8. Alessandro dice:

    Credo di avere già bisticciato in passato con Mante su questo tema…
    Da ragazzi in redazione ci insegnavano a prendere – diciamo in prestito – la cornice con la foto del morto ammazzato dal comodino della vedova, facendole le condoglianze. Oggi si entra su Fb. E’ lo stesso, assolutamente lo stesso.

  9. Daniele Minotti dice:

    Ecco, Giliol, una riflessione che volevo fare prima. Atteso che il profilo e’ privato e che e’ improbabile che sia stato craccato, verosimilmente il giornalista vi ha avuto accesso tramite un amico dell ragazza o, addirittura, aprendo il suo computer (che memorizza le credenziali).
    Ecco, al di la’ del comportamento del giornalista (ricordando la minore eta’ della ragazza), e’ probabile che qualcuno abbia tradito…

  10. massimo mantellini dice:

    Alessandro non abbiamo bisticciato, abbiamo solo posizioni diverse, solo che io ho ragione ;)

  11. esaù dice:

    Agli antibavaglisti (o presunti tali) vorrei chiedere: dunque a voi sta bene che si saccheggino verbali giudiziari secretati per diffondere particolari morbosi su vita privata e altro, e invece saccheggiare Facebook è sacrilegio?

  12. Daniele Minotti dice:

    Esau’, io penso che a tutti stiano a cuore due cose: l’art. 21 Cost. e la riservatezza delle persone.
    E’ questione di bilanciamenti di interessi.
    Non e’ vero che il diritto alla libera espressione del pensiero sia assoluto e senza limiti come si e’ sentito dire da piu’ parti in queti giorni. Esso, invero, si deve confrontare con altri valori quanto meno del medesimo rango costituzionale.
    Vero e’ che certa stampa con la pubblicazione selvaggia di atti giudiziari (che, non dimentichiamocelo, spesso vengono proprio dagli uffici giudiziari…) ha tenuto ben poco alto l’onore di categoria (facendo spesso gossip da quattro soldi travestito da giornalismo politico d’inchiesta), ma non possiamo ricadere dalla parte opposta, nell’oscurantismo.
    Prendo una posizione pubblica pur sapendo almeno il tenutario la mia idea politica (che ti sorprenderebbe o forse no).
    Io ho diritto di sapere se il mio Presidente dei Consiglio dei Ministri *utilizza* la prostituzione, anche perche’ e’ illegale, e’ uno sfruttamento umano (non ne faccio questione di stretta moralita’).
    Non penso, invece, di aver diritto a sapere i piccoli segreti di un’adolescente, specie dopo essere stata cosi’ spietatamente uccisa.
    Non c’entra FB.

  13. Daniele Minotti dice:

    @Esau’
    Scusa, dimenticavo… se i verbali sono secretati, le sanzioni per la rivelazione ci sono gia’, non c’e’ bisogno di un intervento legislativo.

  14. piovedisabato dice:

    Tu inizia a mettere l’espulsione dalla magistratura e la radiazione dall’albo per chi viene sorpreso a maneggiare anche solo una volta con atti sotto segreto istruttorio e vedi come passa la voglia.

    Il problema signori miei è che questo è un paese in cui:
    – chi ha interessi politico economici agisce solo per suo tornaconto
    – chi è in condizioni di prendere decisioni non lo fa perché non ha le palle per farlo

    Il problema sembra essere Berlusconi ma non è così. Berlusconi è sicuramente un problema sotto molti punti di vista ma il problema più grande è che viene utilizzato come maschera e come scusante da parte di mezze calzette che non saprebbero prendere una decisione drastica e netta nemmeno se Berlusconi non ci fosse.

    Fintanto che non arriva una classe politica disinteressata e con le palle, questa situazione permarrà per 10, 20, 50 anni.

    Scusate il parziale OT

  15. Pier Luigi Tolardo dice:

    Penso che il cronista si sia rivolto ad un amico/a della ragazza che aveva accesso quindi a queste informazioni su Facebook e che questo amico/a si sia prestato in buonafede pensando di fare una cosa buona per far capire meglio a tutti che ragazza solare era e quanta voglia di vivere come tutte le ragazze della sua età avesse. Ieri il cronista si limitava a chiedere agli amici dell’oratorio o alla compagnia del muretto:ditemi cosa le piaceva?
    Ora vuole sapere di Facebook, va di moda, è più figo, sembra che l’identità di un giovane stia lì.
    Diciamo che se le cose rimangono nei limiti del rispetto, della non morbosità, del buongusto ci potrebbe anche stare, ma si sa che sono limiti facilmente ed irreparabilmente valicabili.

  16. Daniele Minotti dice:

    Pier, probabilmente e’ successo cosi’, ma l’amico della ragazza e’ verosimilmente minorenne e ingenuo, il giornalista a un guardone di m…

  17. piovedisabato dice:

    ahah minotti :) mitico.