Il debutto online del molto atteso sito web de Il Fatto Quotidiano è per ora una esperienza da dimenticare.

36 commenti a “Categoria amatori”

  1. Simone Brunozzi dice:

    Succede spesso, in Italia. Più spesso che in altri paesi Europei. E non perchè mancano le competenze “tecniche”: piuttosto perchè i decision makers, quelli che decidono quasi tutto, mettono le mani anche sulle decisioni tecniche e pretendono di aver ragione.
    Altro che amatori: io li chiamerei arroganti.
    (non sto parlando in specifico di “il fatto quotidiano” ma delle mie recenti esperienze in Europa).
    Peccato.

  2. mORA dice:

    No è peggio.

    Era prevedibile, visti i presupposti che la cosa finisse così

    http://edue.wordpress.com/2010/06/18/faccia-il-biglietto-e-prenda-una-vanga/

    ma a volte la realtà supera la fantasia: adesso non c’è modo, per gli abbonati, di accedere al PDF del giornale

    http://edue.wordpress.com/2010/06/22/magari-ce/

    Tutto molto duepuntozzèro.

  3. Pedro dice:

    @mORA ma che stai fanfarando ?
    http://digital.olivesoftware.com/Olive/ODE/IlFatto/

  4. Pedro dice:

    …che poi stiano facendo una figura barbina e pessima sono d’accordissimo…

  5. Davide dice:

    Il problema dovrebbe essere uno solo: wordpress e il suo codice.

  6. mORA dice:

    @Pedro.

    Com’è che a quel link che indichi nessuno mi chiede se sono abbonato o no?

  7. monossido dice:

    che figata invece, quella richiesta di login fa molto nerd :P

  8. Massimo dice:

    ma poi, tutto sto casino per mettere su un blog. con tanto – forse troppo per wp, dice qualcuno – traffico, ok, ma pur sempre un blog. mah.

  9. Stefano Gorgoni dice:

    a proposito, quanto traffico potrebbe sopportare wp *secondo quel qualcuno*?

  10. ArgiaSbolenfi dice:

    Il caching, questo sconosciuto?

  11. Nicola Mattina dice:

    Ah, ma stanno ancora così… Andiamo bene!

  12. Massimo dice:

    @Stefano: non sono io quel qualcuno, e non ne ho idea. Però ricordo che Ludo per Blogo aveva fatto una versione di wp chiamata “lightpress”, quindi forse qualche problema, almeno ai tempi, wp lo dava sì…

  13. Avanti il prossimo « Blog del circolo online del PD "Barack Obama" dice:

    […] 23 giugno 2010 · Lascia un commento Dopo Luttazzi e Travaglio, è la volta di Di Pietro. E anche a Il Fatto non son messi bene. […]

  14. XarFace dice:

    io ho il sospetto che il problema stia in un punto diverso da quello indicato dalla maggior parte dei commenti.
    ho il sospetto che il problema si chiami Aruba: non si può pensare sensatamente di reggere 450.000 visite al giorno con un hosting da 29.9 €/anno (oddio, magari hanno preso uno profilo diverso, ma era per capirci)

  15. camu dice:

    Sono d’accordo con XarFace: la gente in Italia compra le Punto e poi crede di poterle usare come Ferrari :-)

  16. Massimo dice:

    oh, ma non ci sono i soldi, per Internet!

    e vi prego, mettete i nostri banner sui vostri siti, così ci aiutate a fare una “campagna di comunicazione”. Tutto vero. Purtroppo.

  17. Daniele Minotti dice:

    Va anche detto che, pur per scelta loro, non prendono finanziamenti pubblici. Se il budget e’ limitato, questi problemi (di gioventu’) si possono manifestare.
    Fossero questi i problemi della stampa di casa nostra…

  18. tanoka dice:

    Ho cliccato su due link ed entrambi erano rotti. Deprimente.

  19. Massimo dice:

    – Perche’ scegliere Aruba come provider?
    – Esistono i test di carico, da utilizzare prima di andare online…

    Insomma, stanno facendo una pessima figura.

    M.

  20. gregorio dice:

    Io per qualche minuto sono riuscito a vedere la home, di navigare manco a parlarne.
    Scoccia, si, ma si può aspettare qualche giorno, se poi ne vale la pena. Certo era meglio partire con i fari spenti invece dei banner accesi.
    greg

  21. XarFace dice:

    Volevo aggiungere
    Al di là di qualche ridacchiatina, capisco perfettamente la situazione (almeno dal punto di vista tecnico): lavoro nel settore e *mai*, per nessuno dei progetti di cui mi sono occupato, ho avuto preventivamente valutazioni sensate sui volumi di traffico previsti.
    Nella maggior parte dei casi, se i budget lo consentono si allestisce un cannone per ammazzare una zanzara, altrimenti si fanno le nozze coi fichi secchi, incrociando le dita e sperando che il sistema regga.
    Ho anche lavorato in qualche redazione e so che i margini di improvvisazione e approssimazione sono piuttosto elevati: la maggior parte delle volte fila liscio, ma qualche topica la si prende.
    Insomma, direi che non è il caso di metterla giù tanto dura… anche se, cazzo, proprio Aruba? è da ragazzini

  22. Massimo dice:

    XarFace: un minimo di test preventivo per testare la capacita’ e’ oramai alla portata di tutti… Spero non abbiano dato la gestione del sito a ragazzetti linuxari…

  23. XarFace dice:

    @Massimo: non su aruba, temo

  24. ArgiaSbolenfi dice:

    invece se la davano a dei ragazzetti microsoftari tutto sarebbe filato liscio, eh..?

  25. Massimo dice:

    eh, sicuro… microsoft server…. una garanzia ;)

  26. Massimo dice:

    Il problema non e’ linux o microsoft, ma i ragazzetti cantinari. Spesso pero’, con l’illusione di risparmiare, si lascia tutto nelle mani dei linuxari da centrosociale, e cosi’ via libera agli accrocchi.

  27. Massimo dice:

    A proposito, cos’ha windows server (2003/2008) che non va? Illuminateci.

  28. XarFace dice:

    @massimo: sempre parlando di cose che ho visto coi miei occhietti: tolti i project manager, i team leader, i community manager, i fuffa inventors e i marchesi mazzanti viendalmare, a fare il lavoro vero sono quasi sempre cantinari (a volte appena un po’ riverniciati), pagati a progetto attraverso 17 passaggi di body rental.
    Da cantinaro, ho sviluppato – da solo o quasi e per pochi milioni (di lire) – progetti rivenduti per *centinaia* di milioni (sempre di lire) dopo averli opportunamente infiocchettati con corpose presentazioni in power point.
    Oggi, che non sono più un cantinaro, vedo che fanno le stesse identiche cose: fuffa per gli occhi del cliente e cantinari a cavarsi gli occhi di notte.
    E ribadisco quello che ho già detto: il problema del Fatto non è stato di piattaforma o di implementazione, ma solo di inadeguata valutazione del progetto (e ho il sospetto che il più sgualcito dei cantinari sapeva già che non potesse funzionare e che la decisione che ha creato i problemi provenga, più che dal cantinaro di turno, da chi stava sopra).
    Fatta la mia filippica pro-cantinari, spengo la mia Debian, tiro giù la clear del garage e vado ad accucciarmi sul divano, dopo aver spostato la bicicletta e cacciato il cane

  29. XarFace dice:

    ah: gestisco anche una ventina di server windows 2003/8: non hanno niente che non vada, ma qui dentro hanno attacchi di epilessia solo a guardarli (anche da spenti)

  30. guru63 dice:

    Diamogli il tempo di rimettersi in pista, capisco i problemi di hosting purtroppo capitano, ma non mettiamoli in croce prima del tempo :-)magari per invidia, il sito è bello e ben strutturato trovo!

    bye guru63 (Danilo)

  31. Massimo dice:

    XarFace: meglio un cantinaro che 100 fichetti di accenture, su questo concordo. Il cantinaro-linaro pero’ va controllato a vista altrimenti ti costruisce accrocchi spaventosi e senza documentazione.

    Tiratela’ un po’ meno, eh’… :)

  32. Massimo dice:

    my 2 cents: non mi sembra che (lui) se la tiri.

  33. Massimo dice:

    E intanto il sito del fatto non funziona ancora. RIDICOLI, cantinari o no che siano.

  34. Massimo dice:

    E vai:

    ———————————–
    Error 503 Service Unavailable
    Service Unavailable

    Guru Meditation:
    XID: 732495926

    Varnish
    ———————————–

    Me li vedo i linuxari tutti sudati a sperare di trovare la risposta dei problemi su google.

  35. Massimo dice:

    news:
    “Error establishing a database connection”

  36. Massimo dice:

    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘GMarsili’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘GVattimo’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘FAbbate’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘SDonghia’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘AMascali’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘GCalapa’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘MChierici’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘LSisti’
    WordPress database error: [MySQL server has gone away]
    SELECT * FROM wp_users WHERE user_login = ‘DPerluigi’