Mi segnalano che Il Foglio di ieri ha alcuni articoli di quelli soliti su blog e rete Internet. Il mio parere è che non ci siano grandi ragioni per leggerli. Solita poltiglia di mezze notizie utilizzate a sostegno delle solite tesi del mondo editoriale meno attrezzato verso il nuovo. Quanto alla chiosa finale qui sopra riportata di uno dei due articoli, mi parrebbe molto più probabile che “l’utenza mondiale della rete” consideri il dotto parere di Alfonso Berardinelli per quello che è, senza darsi la pena dedicargli alcuna sgradevolezza.

(via nonleggerlo)

7 commenti a “I troll del Foglio”

  1. Camillo Miller dice:

    Il foglio fa link baiting da tempo immemore senza saperlo!

  2. Giacomo Mason dice:

    Peccato perché Alfonso Berardinelli resta un grande, per me

  3. Domiziano Galia dice:

    Diciamo che Berardinelli ha espresso un pensiero che può avere qualche fondamento in maniera piuttosto grossolana: dire che l’informatica fa male è come dire che l’ingegneria fa male. Una cazzata, insomma, poco degna della sua cultura.

  4. Daniele Minotti dice:

    E, invece, gli hai fatto far notizia…
    P.S.: Che Internet portasse sfiga (Domiziano, mi sa che hai equivocato) non l’avevo mai sentita… Ma penso che un parere definitivo possa essere domandato soltanto a Lupo Alberto che, com’è noto, di sfiga se ne intende parecchio.
    Bah…

  5. Diarioelettorale dice:

    L’unica cosa che fa veramente, ma veramente, male sono i contributi pubblici all’editoria, in tutte le forme, che consentono ai tanti “alfonsi berardinelli” di continuare a sparare cazzate a spese nostre.

  6. Blogger: "Puzzoni Curiosoni Allupati Internettiani dalle Disgraziate Pulsioni Diffamatorie". | MYTLOG | INSIDE INTERNET dice:

    [...] Update 4. Ne scrive anche Mantellini. [...]

  7. iced dice:

    Essere ignorato fa paura più dell’essere diffamato come oscurantista. Purché non succeda il primo caso, qualcuno fa finta (?) di essere la il secondo.