13 commenti a “Uno-due-tre, prova”

  1. Camillo dice:

    Sa – Sa…

  2. ArgiaSbolenfi dice:

    In sottofondo c’era “La gazza ladra” di Rossini? :-)

  3. Mackley dice:

    Si sente ?

  4. mitch dice:

    beh, e cosa vogliamo dire del tipo che confonde cyberpunk con steampunk?
    http://www.repubblica.it/motori/gallerie/2010/04/15/foto/russia_tutti_pazzi_per_le_motoslitte-3360223/1/
    capisco che non sono generi molto famosi, ma gettarla li’ cosi’ fa ridere…
    ma non le rileggono le cose prima di pubblicarle??

  5. Figaro dice:

    E senza monoscopio.

  6. L1 dice:

    ciao italia!

  7. Figaro dice:

    @ mitch: vero, l’avevo notato anch’io ieri.

  8. momin dice:

    @mitch @figaro
    non capisco quale sia l’errore, nell’articolo si parla di “cyberpunk”, che può essere un’opinione. Se avesse usato il termine “steampunk” sarebbe stato uno svarione.

  9. saverio fulci dice:

    Che tenerezza!!! il monoscopio (o cinescopio?) ai tempi di internet!

  10. mitch dice:

    @momin
    ora io non so le fonti dalle quale il giornalista ha preso le foto, ma mi gioco una palla che le ha copiate da qualche sito dove venivano accostate all’estetica steampunk (i particolari in legno, l’esasperazione/ostentazione di tubature e aggeggi vari…),
    mentre col cyberpunk quelle slitte non hanno nulla a che fare.
    Ovvio che la classificazione cyberpunk/steampunk e’ arbitraria, ma in questo caso suppongo che il giornalista abbia forzato la scelta su cyberpunk per “semplificare”, usando un termine + conosciuto.

  11. Cafonauta dice:

    Tie’:

    http://www.slimmit.com/go.asp?8A9

  12. T9 dice:

    Anche questo non è male:
    http://i44.tinypic.com/2ldg0gl.png

    “bloggo” per “blocco”.

  13. LivePaola dice:

    Suvvia, può capitare.