La storia del senatore a vita Emilio Colombo che a 83 anni si faceva di cocaina per “scopi terapeutici” legati allo “stress lavorativo” e che oggi a 90 anni sente di dover chiedere scusa al Paese, trovo che sia una perfetta metafora dei nostri tempi. Una ennesima dimostrazione che il berlusconismo e’ tutto intorno a noi e non potrà essere sconfitto.

(via corriere.it)

26 commenti a “Vai tranqui Emilio”

  1. marco pierani dice:

    dai su … è che probabilmente si porta avanti perchè l’anno prossimo vuole andare a San Remo ;)

  2. soloparolesparse dice:

    Drammaticamente daccordo con mante…

  3. Stefano dice:

    Io temo di non aver capito, invece. Berlusconi mai e poi mai chiederà scusa, nonostante abbia fatto molto di peggio che non sniffare cocaina e inventarsi motivi assurdi per giustificarne l’utilizzo. E anche a livello di statura politica (non solo quella, in realtà :-) mi sembra che non si possano paragonare i due personaggi.

  4. Luca dice:

    E Morgan? Non era più o meno per scopi terapeutici anche nel suo caso?

  5. Sfattucci dice:

    Questi ignobili ominidi con chili di cocaina governano mentre uno sfigato che si fuma spinelli, viene arrestato, pestato e magari ti muore pure in carcere. Il berlusconismo? Io direi l’italiota. Che è frutto della malavita, malapolitica, malainformazione, malaffare dal dopoguerra ai giorni nostri. L’italia non ha mai avuto un identità. Solo piccole realtà che si assomigliano: piduisti, cattolici leghisti (due parole che ad accostarle vengono i brividi ), mafiosi, camorristi, brigate rosse, anarchici, evasori, puttanieri, sfasciafamiglie, corruttori, massonerie deviate, imprenditori sciacalli ( quasi tutti ) ecc ecc….

    Diciamoci la verità, da quand’è che non si fa politica in Italia?
    E come mai solo in Italia non esiste opposizione ma solo servi del nano?
    Come mai questo Colombo ora a 90 anni si pente di aver usato terapeuticamente cocaina?
    L’Italia è fallita. E siamo solo all’inizio, il bello deve ancora arrivare, che lo vogliate accettare o meno questa è la cruda realtà.
    Berlusconi passerà a miglior vita, ma lo sostituirà chi dovrà fare le sue veci, perchè la macchina mangia soldi che ha messo su il governo del piduista non può cadere con la sua morte perchè andrà via dalla politica solo quando passerà a peggior vita, oramai accettatela come cosa, o ancora sperate che cada il suo governo? Anche perchè inizio a pensare che anche tutti questi attacchi siano frutto di pura pubblicità, perchè ai fatti, con tutte le merdate che ha fatto è ancora al governo e non ha mai messo piede in tribunale. Questo non vi fa capire nulla? E cosa vi fa pensare che accada propio ora?

    Illusi, con tutta la gente che è immischiata il piduista non può cadere, e lo sanno tutti. E se non promulga leggi del genere gli tagliano le gambine, e non lo votano più, passeranno il testimone a chi farà gli interessi degli elettori ( qualcuno ha pensato ai mafiosi? ). L’Italia nella seconda guerra mondiale è stata liberata dalla CIA e dalla Mafia. E da allora non è cambiato niente. Mio nonno ( polizia statale ) mi diceva sempre quando era vivo, che noi Italiani abbiamo un debito con l’America che non arriveremo mai a sanare e con ciò saremo sempre schiavi. Cosa mi voleva dire con ciò?

  6. Lele dice:

    Al contrario, io trovo che sia una perfetta metafora dei tempi della “prima repubblica”, che purtroppo sono costretto a rimpiangere. In questa “seconda” non ne ricordo uno che sia uno che (dopo averne combinate più di Carlo in Spagna, altroché cocaina per scopi terapeutici) si sia sentito in dovere di chiedere scusa al Paese.
    Ci trovo una grande dignità.

  7. iced dice:

    Lo scandalo è che si dia spazio a notizie del genere, che andrebbero relegate a trafiletto a pagina 54, tra gli annunci di smarrimento dei cani.

    L’indifferenza sarebbe la giusta punizione per personaggi di cotal spessore.

    Per quanto mi riguarda, per quel niente che può valere, è l’ultima volta che commento una c*****a del genere.

  8. essere disgustoso* dice:

    non me la sento di condannarlo per effimeri errori di gioventù.

  9. La linea dell'inutile (Mauro) dice:

    Perche’ parlare di berlusconismo quando il ragazzo ha espresso (sempre se non ho letto troppo di fretta) posizioni piu’ a sinistra ?
    Mister B ha talmente tante ‘azzate all’attivo che non gli servono anche quelle su cui non ha avuto apparente responsabilita’.
    E quoto Lele: chiedere scusa non e’ mai facile.

  10. Gianluca dice:

    Proprio non ce la faccio a capire cosa c’entri Berlusconi e il berlusconismo col 90enne eroe della prima repubblica Emilio Colombo, sono io che non ci arrivo proprio.
    Comunque va bene così, continuate pure così che continuerete a contare niente per i prossimi secoli.

  11. Pier Luigi Tolardo dice:

    Colombo è un gran signore della politica italiana, essendo single per anni il pettegolezzo lo ha colpito senza pietà sui muri e anche sui certi fogli di sinistra che magari ci giravano attorno ma facevano capire lo stesso….nonostante questo, senza nemmeno affligerci con outing non richiesti nè graditi nè necessari, non ha mai reagito con controcampagne stampa diffamatorie, cause civili e penali e cose del genere, ha avuto indagini giudiziarie da cui è uscito pulito(non prescritto) senza gridare ai giudici comunisti, ha avuto scioperi generali contro su cui non si è accanito gridando che volevano distruggere il Paese ed oggi dice di essere un non pentito della repubblica parlamentare, di essere contrario al presidenzialismo, alle derive plebiscitarie, all’eccesso di personalismo(che secondo me sono le cose più interessanti che ha detto nell’intervista). E’ stato uno dei padroni d’Italia, avrà raccomandato non so quante centinaia di migliaia di persone, eppure se muore non gli troveranno molti soldi nè molte ville. Rimpiangiamo Colombo perchè non riusciamo a sbarazzarci di Berlusconi e abbiamo paura che con la Lega sarà peggio, compiangeteci ma non dateci torto….

  12. Figaro dice:

    Sia berlusconismo quanto (e se non di più) antiberlusconismo, sono termini usati a sproposito, forgiati dai giornalisti per categorizzare con faciloneria due insiemi di non si sa bene cosa.
    Il concetto che passa però è sempre quello, o si sta di qua o di là.

    Per cui boh, Mante, non so se questo episodio di Colombo rientri nel primo, nel secondo o (meglio) in nessuno dei due.

    Io la smetterei di parlare di berlusconismo ed il suo coniugato anti-.
    Smetterei di pensare a Berlusconi. Ignorarlo e basta. (facile a dirsi…)
    Nel frattempo, inizierei a valorizzare le idee ed il confronto con le persone, per cercare di cambiare le cose a scala locale.

  13. Pirrone dice:

    Ma che c’entra il berlusconismo con questo cadavere democristiano che appartiene a tempi che nulla hanno a che vedere con quelli attuali? Non è che vi si sta sviluppando una sindrome ossessivo compulsiva post traumatica causata dalla tranvata elettorale?

  14. Sandro dice:

    scorrere il testo per leggere la parte evidenziata
    http://awurl.com/UZ7pCxyZz
    a quando l’articolo su berlusconi pedofilo perchè il papa ha chiesto scusa per la chiesa?

  15. Enrico (bis) dice:

    Mante, scusa ma non ho proprio capito la metafora.
    Penso invece, e sono d’accordo col post di Tolardo, che la storia di questi personaggi dell’era democristiana ci evidenzia lo squallore del tempo presente.

  16. Maury dice:

    Mah, secondo me il berlusconismo conta fino ad un certo punto. Questa gente è stata al potere bene o male per 60 anni e non mi sembra che possa essere ricordata per la grandezza delle scelte politiche fatte. Si posso essere daccordo che ha risollevato questo paese dalla II guerra mondiale, ma come ce lo ha consegnato? Una vera classe dirigente a parte qualche rara eccezione proveniente dal Partito d’Azione e dalla DC non mi sembra che l’Italia l’abbia avuta. Facciamo solo l’esempio nel campo bancario: Enrico Cuccia (con tutti i suoi limiti e errori) era veramente di statura internazionale, basti pensare ai suoi contatti con Andrè Meyer e la banca Lazard, e per molti anni sotto la sua guida Mediobanca è stata davvero l’unico punto di riferimento internazionale dell’economia italiana. Ora chi abbiamo in Mediobanca? Cesare Geronzi di cui non aggiungo altro.
    @Tolardo
    Sarà anche un grande signore e sicuramente una persona onesta. Questo non lo assolve da tutta una serie di errori politici e di gestione della cosa pubblica che avrebbe potuto (o dovuto) evitare. Le sue scuse mi sembrano come quelle di Pierluigi Celli che consiglia al figlio di andare via dall’Italia perchè questo paese non ha futuro. Ma chi è o è stato al potere per fare in modo che l’Italia avesse un futuro? Celli o suo figlio?
    Un pò di pudore.

  17. Fabrizio dice:

    …ma scusate, depressi compagni, che cosa c’entra il novantenne ex democristiano che tira di coca con Berlusconi. Siete proprio ossessionati. Neanche le recenti batoste elettorali vi fanno ragionare un pochino. E poi vi domandate perchè avete perso il Piemonte, la Calabria, la Campania e il Lazio (senza la lista avversaria) e subito un umiliante cappotto nelle Provinciali. Continuate, continuate con la vostra sindrome antiBerlusconiana e verrà il giorno in cui sparirete del tutto. Contenti voi…

  18. pietro dice:

    Premetto che in Lazio l’assenza di una lista con scritto a caratteri cubitali BERLUSCONI non ha contato niente, chi votava la Polverini sapeva bene di votare per il centrodestra, chi ha bisogno di un simbolo con una scritta bella grossa per sapere cosa votare è un minorato mentale, e penso che tra gli alettori di centrodestra i minorati mentali siano una insignificante minoranza.
    Detto questo la percentuale di persone di sinistra in Italia sempre la stessa da almeno 30 anni, quelli come fabrizio confondono il numero di poltrone conquistate con la diffusione delle idee tra gli individui, ma sono due cose diverse, quando la sinistra è riuscita ad attirare persone di centro e la destra era divisa e litigiosa ( 1996 ) hanno vinto, ma non erano mica più numerosi di adesso, questo significa che quel 30-35% di italiani a cui fa schifo la destra esisteranno sempre, è meglio che in berluschini ritornino con i piedi per terra, la Lega non è una loro proprietà, ed è l’unica vincitrice di queste lezioni, il PDL che ha perso dal 5 al 10% in tutta italia non ha molto di cui rallegrarsi, non mi sembra certo un trionfo del berlusconismo, i leghisti stanno gia dicendo che se non li accontentano sono anche capaci di far cadere il governo…..

  19. alessandro dice:

    è già buono che voglia scusarsi col Paese e non con il Papa

  20. franco dice:

    Diciamo che questo post rimarrà anche come simbolo dell’ossessione per il berlusconismo. Poi forse non è colpa tua, ma Sua, però…

  21. Fabrizio dice:

    …pietro non mi risulta che in Calabria, Campania e Lazio ci fosse la Lega. Per la precisione.

  22. db dice:

    Qualcuno porrebbe chiedersi: “Ma è consumando coca che è arrivato a quell’età?”
    E concludere che, allora, la coca fa bene.

  23. ilbardo dice:

    leggo il blog sempre in ritardo, quindi leggo i post più vecchi dopo quelli più recenti.
    Questo episodio voleva dire che siamo governati da un a casta di vecchi rincoglioniti che , lungi dall’essere i saggi che la loro età e la vicinanza alla morte dovrebbe indurli ad essere, vivono come dei trentenni figli di papà con ancora decenni e decenni di danni da compire, invulnerabili ed indifferenti alle conseguenze delle loro azioni, insensibili al mondo che intorno a loro cambia, chiusi in un iperuranio artereosclerotico, che li tiene comodamente lontani dall avita reale.
    Questo episodio significava tutto questo, non la dichiarazione di napoleitano su internet di qulche post dopo.

  24. diego ricci dice:

    sono perfettamente d’accordo con te Mante!

  25. la femme dice:

    beh, ma da quanto tira di coca? …salute……

  26. marietto dice:

    dici bene “il berlusconismo è tutto intorno a noi”. Ma manca da dire che il berlusconismo c’era anche prima dell’avvento di berlusconi