Ansa, 1 aprile 2010. Pier Luigi Bersani, segretario del Partito democratico, ha diffuso il seguente comunicato: “Anch’io, come Veltroni, getto la spugna. Non ce l’ho fatta. Mi dimetto. Però ho chiesto le dimissioni anche di tutto il gruppo dirigente del partito. È ora di lasciare spazio a una nuova generazione. A noi mancano le idee, non le persone: abbiamo centinaia di amministratori locali giovani, onesti e preparati che aspettano solo di mettere il loro entusiasmo al servizio del paese. Dobbiamo riaprire le sezioni, far tornare i cittadini, ricominciare a parlare con la gente. Abbiamo sbagliato a lasciare che la destra e il suo leader prendessero progressivamente il sopravvento: quando potevamo ancora fermarli, li abbiamo sottovalutati. È stata una sciocchezza. Abbiamo sbagliato a trascurare le vere emergenze nazionali: la lotta alla mafia e all’evasione fiscale, lo sviluppo del mezzogiorno, la scuola e l’università, la difesa dell’ambiente, una politica economica a favore delle donne e dei giovani. Per tutto questo vi chiedo scusa. Arrivederci”.
Pesce d’aprile.

Giovanni De Mauro

10 commenti a “Aprile dolce dormire”

  1. Loris Costa dice:

    Però sei in ritardo…col pesce. Puzza

  2. corrado dice:

    possibile che non ci sia una via di mezzo, neanche fra gli utenti, fra la conservazione di un’ oligarchia decotta e il massacro semestrale del segretario?

  3. L1 dice:

    se il segretario evitasse di andare al massacro, magari…

  4. trentasei dice:

    mi avevi illuso…

  5. kiuz dice:

    cazz … ci stavo credendo!

  6. Kaos dice:

    Troppo bello sarebbe…

  7. pasquino dice:

    Nooo… Crudelissimo pesce d’aprile, ci avevo creduto!!

  8. ilbardo dice:

    il massacro semestrale del segretario, farei notare, non lo opera la base per farsi spazio, ma l’oligarchia stessa, tipo rito per propiziarsi ancora lunga vita
    A me pare evidente che il fatto stesso che il PD ancora esista è l’unica cosa che tiene in vita san silvio e tuttii suoi loschi e scemi accoliti.
    C’è uno che ha votato pd che ha il coraggio dirmi che l’ha fatto per convinzone e non turandosi il naso, perchè se no…
    Non ce la faccio più a turarmi il naso. Se potessi respiare liberamente, avrei le mani libere per fare un sacco di cose.

  9. Gian dice:

    domenica 4 aprile 2010
    Ultimo Aggiornamento: 04/04/2010 14.28.42
    Log In – Registrati – Feed Rss – Newsletter
    Visite Ultima Ora: 654 | Visite Oggi: 6345 Home Page
    Forlì Cesena Ravenna Rimini Bologna

    | Romagna Oggi > Forlì > Rocca San Casciano, il sindaco ai …
    Rocca San Casciano, il sindaco ai cittadini: “Donate il 5 per mille al Comune”
    “Caro concittadino, con la presente voglio segnalarti la possibilità di aiutare il tuo Comune, destinando in sede di dichiarazione dei redditi il 5 per mille in favore del seguente codice fiscale 80013400405.” Insieme agli auguri di Pasqua, il sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari, ha inviato una lettera a tutti gli abitanti, chiedendo anche un aiuto economico, apponendo semplicemente una barretta nell’apposita casella, in occasione della denuncia dei redditi.
    Spiega il primo cittadino: “Tutte le risorse che si rendessero così disponibili saranno destinate a beneficio della comunità cui appartieni. Ti ringrazio per quanto potrai fare e colgo l’occasione per porgerti vive cordialità e auguri di buona Pasqua.”

    E’ UN PESCE D’APRILE ? ……..NON CREDO
    Ciao GC

  10. Pier Luigi Tolardo dice:

    Piuttosto Bersani mangia UN ASINO VIVO insieme a La Russa.