L’altro giorno rispondevo a una mail, e avevo lasciato una riga di citazione, il cui testo conteneva tra l’altro la frase “see attachment”. Io l’allegato l’avevo visto, in effetti; ma quando ho schiacciato il tasto “send” mi è apparsa una finestrella di pop-up di GMail che diceva più o meno (in inglese, io uso sempre la versione inglese dei programmi se appena ne ho possibilità) «sei sicuro di voler spedire questo messaggio senza allegati? Ho notato che hai scritto “vedi allegato”…» Certo, la cosa è assolutamente automatica, non c’è l’omino Google che legge il mio messaggio.



(via .mau.)

9 commenti a “Sai leggere anche il labiale?”

  1. Alessandro Ronchi dice:

    Scatta automaticamente con la parola allegato o attachment.

  2. Marco dice:

    E naturalmente e’ cosa comune anche nei client di posta non su web..

  3. roberto dadda dice:

    Ci sono programmi che lo fanno da anni, giustamente Google sta copiando alcune delle funzionalità, ma spesso secondo me esagera.

    La funzione per esempio che memorizza i gruppi di utenti ai quali più spesso mandi mail e ti propone se metti tutto il gruppo tranne qualcuno di aggingere chi manca è molto pericolosa…

    bob

  4. abragad dice:

    Era in “Labs” da mesi (e quindi opzionale) devono averlo promosso tra le feature standard.

  5. giancarlo dice:

    “Certo, la cosa è assolutamente automatica, non c’è l’omino Google che legge il mio messaggio.” Non mi sembra rassicurante: non hanno bisogno dell’omino per sapere i fatti tuoi.

  6. Anonimo Codardo dice:

    mutt lo fa da quando esiste, ~1997

  7. maurizio dice:

    dimmi che è pesche d’aprile in ritardo perché sinceramente ti facevo un po’ più furbo ;)

  8. Bricke dice:

    Si lo fa anche Thundirbird

  9. ilbardo dice:

    ah davvero no c’è un omino?!?

    :D