Oggi è stato il giorno in cui i noti giornalisti tecnologici americani (Mossberg sul WSJ e Pogue sul NYT) hanno diffuso le loro attese recensioni sull’iPad che sarà in vendita in USA da sabato prossimo. Ci sono poi in giro un paio di video interessanti di PcMagazine e di Andy Ihnatko. Tre cose mi hanno colpito per riassumere. Che a quanto pare la batteria dura “davvero” oltre 10 ore. Che sarà possibile interfacciare l’iPad con una normale tastiera BT per mac e che, da spento, iPad sarà una superficie scura con enormi impronte digitali sopra.

12 commenti a “Il segno dei tempi”

  1. suibhne dice:

    beh, come l’iPhone, alla fine… se trovano un iPhone sul luogo di un delitto non serve neppure la polverina bianca per rilevare le impronte!

  2. alessandro dice:

    ok aspetto un mese e ne parlerai da tifoso

  3. Camillo Miller dice:

    Si si aspetto anche io il post “eh, ma, effettivamente, ora che l’ho provato… mio dio ma è Bellizzimoooo!” ;)

  4. HGW27 dice:

    d’altronde c’è chi lo prova e lo giudica oggettivamente e chi invece ne continuerà a parlare male senza averlo mai provato :)
    in ogni caso una fetta di pizza che entro fine anno mm se lo piglia.

  5. Daniele Minotti dice:

    Ecco, giusto la pizza… Che pizza tutto ‘sto parlare di Apple… Sarà che non amo le religioni…
    Absit iniuria verbis, ovviamente :-)
    Auguri a tutti.

  6. alessandro dice:

    aspettavo anche minotti a parlar male di apple… tutto come da copione o meglio cvd

  7. Daniele Minotti dice:

    @alessandro
    Hai letto una sola mia parola di critica verso i prodotti Apple? :-)

  8. alessandro dice:

    @daniele

    no ho solo capito che sei contro apple a priori, perche’ e’ fighetto e religioso…. /poi penso che tu non ne abbia mai avuto uno, quindi critica verso i prodotti mi sembra un po forzato…

  9. Daniele Minotti dice:

    @alessandro
    Francamente, non volevo far polemica. MI diverto soltanto a prendere affettuosamente in giro i fan di Apple.
    Mi fa specie che mi prenda cosi’ seriamente ;-)

  10. alessandro dice:

    ma no seriamente no dai, ci cacci il latinorum so che e’ per ridere :)

  11. Daniele Minotti dice:

    @alessandro
    No, e’ mia deformazione professionale ;-)
    Sapessi che strafalcioni, a volte, nelle arringhe…

  12. raxi dice:

    Uno non puo’ entrare un secondo al ManteBar
    che subito si ritrova sommerso di iperstimolazioni libidiche
    su questo o quell’accrocchio.

    Per forza poi uno alla fine cede.

    Cosi’ potrei parlarvi ora del nuovo bollitore elettrico da scrivania (a temperatura regolabile) o dell’ergonomia di una scrivania moderna a base di legno di bamboo e hojicha.

    O dell’idea felice di un rice cooker da quattro soldi
    che in pochi secondi rivoluziona il rapporto con i chicchi.

    Che il Natale quando arriva, arriva.