14
Mar

Galen Gruman su PcWorld dice che bisogna essere un poco fessi per prenotare l’iPad adesso.


Remember, the same thing happened with the iPod Touch, Apple’s iPhone-based PDA. The first-generation iPod Touch could play only a few sounds and even then only at a whisper, so its calendar alarms and new-email alerts were useless unless you wearing its earphones. You couldn’t change the volume without using the touchscreen — a real issue when driving, jogging, or carrying groceries. There was no microphone, so you couldn’t take voice memos or use services like Skype. (Apple even blocked external microphones from working on it!) Despite Apple making sure each iPhone OS revision has continued to support the first-generation iPod Touch, those hardware limits remain in the actual devices. You can bet that similar types of issue will be discovered in the first iPad.


27 commenti a “Ma sei scemo?”

  1. Matteo Balocco dice:

    Se vuoi sviluppare apps per ipad sei un fesso ad aspettare la seconda generazione, piuttosto…

  2. piovedisabato dice:

    Secondo me sono discorsi inutili.
    Gruman scrive cose che sono già state scritte e riscritte miliardi di volte. Quindi mi porrei piuttosto una domanda: che differenza c’è, oggi, tra certi articoli e certi commenti ai post/articoli che leggiamo ogni giorno nei blog? I primi molte volte mi sembrano semplicemente commenti scritti “un po’ più sopra”.
    Quel pezzo non mi sembra un articolo ma uno dei miliardi di commenti letti sull’argomento: che non riguarda solo iPad o Apple ma la tecnologia in generale.
    E quindi: se applichi all’estremo questo modo di ragionare, non comprerai mai nulla di tecnologico. Perchè tutto evolve.
    Voglio dire: lo sappiamo tutti, già ora, che tra un anno o meno ci sarà un iPad migliore, una Polo rinnovata e un rasoio elettrico della Braun più potente (e il Wilkinson arriverà alla prestigiosa cifra di 5 lame). Quindi non vedo quale sia il punto o la novità.

  3. cancan dice:

    Il punto è che non bisogna mai prendere le prime generazioni di prodotti elettronici, io almeno ho sempre fatto così e mi sono trovato benissimo, basta avere 12 mesi di pazienza :-)

  4. Alessandro dice:

    Penso che il discorso implicito nell’articolo citato sia che Apple decide deliberatamente di creare le prime release dei propri device in qualche modo “castrati”, con una programmazione di aggiunta di feature ed accessori nelle serie successive. Le features e gli accessori potrebbero essere gia’ aggiunti nella prima versione, ma poi queste renderebbe piu’ difficile vendere le serie successive. Vedi ad esempio l’iphone che a un certo punto ha cominciato a supportare umts, e poi e’ stato dotato della video camera, e poi forse presto diventera’ multitasking etc etc.

  5. piovedisabato dice:

    Certo, ma non è una prerogativa di Apple.
    Tanto per dirne una: i dtt integrati nelle tv. Potevano metterli subito in HD, invece hanno messo prima quelli senza. Quando ho acquistato la tele ero consapevole che avrebbero successivamente integrato un dttHD ma mica posso aspettare sempre, se no non compro mai nulla.
    Tutto ha un suo costo ed è evidente che qualsiasi azienda tenda a mettere meno cose possibili nella prima release per ammortizzare i costi e al contempo aumentare i margini. Ma appunto non credo ce lo venga a dire Gruman questo ti pare? :) buon proseguimento.

  6. Cafonauta dice:

    @piovedisabato

    Se hai soldi da buttare, prego acomodati.
    E’ troppo complicato il discorso fatto da cancan?
    Ci sono i cosiddetti early adopters (forse tu) che sentono l’irresistibile bisogno di acquistare ogni nuova froceria. Io e altri preferiamo acquistarla dopo un po’.
    Questo mi ha evitato un sacco di mal di pancia. Nel campo dell’elettronica di consumo, come nel software, le prime release si correggono sulle spalle dei primi acquirenti/beta-tester….

    Poi, certo, se pensi quanti “dementi” (nel senso piu’ affettuoso possibile) si sono comprati pure un Kindle via internet, allora si, questi discorsi sono inutili.

    Senza scomodare Cipolla, come faremmo se fossimo tutti Smart e non Stupid??? ;-)

  7. DrW dice:

    L’importante è che non si smetta di parlare di Apple. Sennò non è servito a nulla comprare il giornalista.

  8. piovedisabato dice:

    Cafonauta.
    Se mi hai letto attentamente, non ho detto che comprerò iPad. Ho solamente sottolineato una banalità.
    Portando agli estremi il discorso degli early adopters, uno non comprerebbe mai nulla perchè ogni nuova release di prodotto ha elementi hardware mai prima provati da nessun altro utente. Quindi, a ragionare così, non si dovrebbe comprare nemmeno la seconda o terza release. Oppure io e mante non avremmo dovuto comprare l’iMac nuovo solo perchè era alla sua prima release per quanto riguarda molti aspetti.

    Resto dell’idea che le cose si comprano quando servono e che se stai lì ad aspettare, aspettare non compri mai. Se no dovrei ancora comprarmi il televisore che invece ho preso un anno fa perfettamente consapevole che dopo 6 mesi ce ne sarebbe stato uno più fine, con più funzioni, schermo LED e via pedalando.
    Se poi uno si compra l’iPad senza farsi castelli mentali di quello che ci potrebbe essere un domani e se lo gode per quello che gli serve, non ci vedo nulla di male. Ognuno fa quel che crede con i suoi soldi ma continuo a sostenere che ciò che c’è scritto in quell’articolo sia di una banalità mostruosa. Ora mi taccio (promesso mante) che se no poi sento aria di moderazione :)

  9. michele dice:

    Quoto cafonauta al 100%.
    Un doveroso ringraziamento va agli early-adopters di tutto il pianeta che evitano a noi, acquirenti meno incoscienti, più di un mal di pancia segnalando grossolani malfunzionamenti hardware ed imbarazzanti difetti firmware.
    Il mio fegato vi sarà sempre riconoscente.

  10. bappo dice:

    Secondo me l’iPad non andrebbe proprio comprato, troppi lucchetti, è una roba da idioti.

  11. bonilli dice:

    Io sono uno dei dementi che ha acquistato il Kindle DX, è un divertente e utile apprendistato prima dell’iPad.
    C’è chi parla di Kindle senza averlo avuto neppure tra le mani e così dell’iPad, già bollato come deludente.
    E c’era chi aveva sentenziato che l’iPhone sarebbe stato un flop.
    Gli early-adopters credo siano tanti, gli acquirenti meno incoscienti penso che vadano al cinema solo dopo avere letto dieci recensioni, acquistino un libro dopo lungo travaglio e vadano al ristorante solo dopo studi approfonditi.
    Mi sembra poco divertente :-))

  12. Net Flier dice:

    piove ha tirato la summa sul punto giusto: se devo comprarlo, lo compro e basta..chiaramente sceglierò quello che più mi aggrada e sarò consapevole dei suoi limiti. d’altronde tutto funziona come funziona..se sai già a priori che ti verrà mal di pancia, tieniti la roba vecchia o aspetta.

  13. massimo mantellini dice:

    Sono piuttosto d’accordo con Bonilli. Resta il fatto che si deve essere in una condizione economica che lo consenta

  14. Michele dice:

    A me piace travagliare, e’ una importante e goduriosa parte del mio modus operandi prima dell’acquisto.Che problema c’e’ nell’informarsi prima di buttarsi a capofitto nell’acquisto di un nuovo gizmo?
    Io vivo di letture di recensioni; adoro vedere i firmware crescere nei mesi di utilizzo degli early adopters e sono soddisfatto quando, al momento dell’acquisto, conosco vita morte e miracoli di un nuovo prodotto.
    Detto questo, non comprerei mai un gizmo appena lanciato sul mercato e ringrazio pubblicamente chi lo fa per noi :).

  15. Michele dice:

    Bonilli, quando hai acquistato il kindle scusa?
    Non mi pare un esempio per nulla calzante.
    Il Kindle in Italia e’ arrivato maturo ed in forze ormai da ottobre 2007.

  16. Michele dice:

    L’ho detta male; intendevo dire che in Italia e’ arrivato ad ottobre dello scorso anno; il lancio americano e’ datato invece ottobre 2007.
    Due anni di maturazione e’ più che sufficiente per risolvere la maggior parte dei problemi hw\fw.
    Concordo con Mantellini sul fatto che ci debba essere una condizione economica che ti consenta di dire..” ho preso una incul… chissenefrega!Lo usero’ come sottobicchiere high-tech”.

  17. Mics dice:

    Secondo me è più scemo uno che insulta 100 mila scemi..Quindi nessuno avrebbe dovuto comprare xp appena uscito.. o 7 appena uscito o snowleopard.. non si compra la macchina nuova, aspetta le release.. ma è pure un giornalista questo?

  18. raxi dice:

    @Michele

    Quel che scrivi è corretto.

    Ma le ore/giorni di attesa e analisi che passi nel tuo “travaglio”
    le contabilizziamo nei costi?

    Un’analisi costo/beneficio con questo innesto
    potrebbe cambiare profondamente le carte in tavola.

  19. Michele dice:

    @raxi
    per quel che mi riguarda non vedo costi; parlerei invece di benefici visto che più il tempo passa, più facilmente paghero’ il bene ad un prezzo inferiore. (non dico sia una regola, basti vedere i prezzi Apple bloccati vita natural durante)

    Capisco comunque che ci sono delle categorie di persone che non possono permettersi il lusso di stare senza pc\telefono per 6 mesi solo per leggere recensioni o risparmiare 50 euro.
    Anche per queste categorie comunque, il rischio di comprarsi un device acerbo puo’ essere controproducente.

  20. blue dice:

    Io non vedo l’ora di averne uno. Quello che invece non mi interessa è l’ennesimo parere non richiesto. Ma li pagano questi futurologi della mutua?

  21. bonilli dice:

    Io ho acquistato Kindle DX appena è stato reso disponibile su Amazon e l’ho ricevuto in tre giorni ma possedevo già il Kindle piccolo da un anno.
    L’iPad lo acquisterò appena esce per motivi di lavoro – come per altro è stato per Kindle – perché credo che solo usando una apparecchiatura, solo vedendo un film, solo leggendo un libro si può avere un’opinione personale.
    Certo, leggo anche commenti e giudizi ma molto spesso mi accorgo che non sono commenti tecnici ma giudizi di parte e mi dà fastidio.

  22. Cafonauta dice:

    @bonilli

    Massimao ha riassunto bene: il cinema costa 8 euro, un Kindle o Ipad due ordini di grandezza in piu’.
    Per qualcuno sarà la stessa cosa, per altri no.

    Il mio “demente” era inteso in termini affettuosi: ricordate la campagna don’t be smart be stupid :-)

  23. bonilli dice:

    Io con Kindle e iPad ci lavoro, editoria.
    Come a dire che ho una Mercedes e faccio autonoleggio.
    Al cinema vado come tutti e pago ma non vedo il parallelismo :-))

  24. Roberto B. dice:

    Volevo solo sottolineare che — probabilmente e IMHO — l’iPad soffrirà di meno problemi di gioventù rispetto all’iPhone, che per Apple era un device completamente nuovo, mentre l’iPad è poco più di un “enlarged-phoneless” iPhone.

    Non lo comprerò, a meno che non mi venga qualche bella idea originale da sviluppare con Xcode e farci i MILIONI ;-)

  25. Remember, the same thing happened with t… « Mac Blog (Breaking News) dice:

    […] bet that similar types of issue will be discovered in the first iPad.Galen Gruman su PcWorld (via mantellini) […]

  26. ArMyZ dice:

    Diciamo che è una campana, peraltro apparentemente di parte. Se ne possono portare a decine di motivazioni per non aspettare, specialmente per chi ci lavora o sviluppa.

  27. Luip dice:

    Massimo, PcWord è un magazine dedicato agli elaboratori di testi? ;)