10
Dic

A proposito di alcune espressioni del Presidente del Consiglio
N o t a

In relazione alle espressioni pronunciate dal Presidente del Consiglio in una importante sede politica internazionale, di violento attacco contro fondamentali istituzioni di garanzia volute dalla Costituzione italiana, il Presidente della Repubblica esprime profondo rammarico e preoccupazione.
Il Capo dello Stato continua a ritenere che, specie per poter affrontare delicati problemi di carattere istituzionale, l’Italia abbia bisogno di quello “spirito di leale collaborazione” e di quell’impegno di condivisione che pochi giorni fa il Senato ha concordemente auspicato.

Roma, 10 dicembre 2009

14 commenti a “Vergognarsi”

  1. Picchiorosso dice:

    Corona si vergogna di essere italiano… io mi vergogno che Berlusconi sia italiano e Presidente del Consiglio.
    Ahi, serva Italia…

  2. PICCHU dice:

    Io mi vergogno che l’Italia sia in mano a questo qui

  3. Carlo Pecchia dice:

    Io, invece, sono orgoglioso di essere italiano.
    E ricordo quanto “insegnato” dal grande Carlo Cipolla:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Maria_Cipolla#Teoria_della_stupidit.C3.A0

  4. alessandro dice:

    nemmeno io mi vergogno di essere italiano, ma mi stanno pero’ sul cavolo una vagonata di italiani, corona e berlusconi inclusi!

  5. /V dice:

    Eh ma quando c’era da non votarlo la gente stava a casa perché guarda sono proprio deluso da questa sinistra.

    Ci terrei a ricordarlo sempre a tutti i radical chic del menga che quel giorno han voluto fare gli schizzinosi.

    é colpa vostra tanto quanto di chi l’ha votato.

    stronzi

  6. P.G. dice:

    Sottoscrivo ogni parola pronunciata da V subito sopra di me. E non solo nei riguardi degli schizzinosi astenuti, ma anche di quelli che “giocano a fare i comunisti”, andando a votare i partiti estremisti per distinguersi, per tenere alta la bandiera, perchè hanno sempre votato così, perchè hanno nostalgia di Stalin, di Marx, di Bertinotti o di non so cosa.
    Quel 4% di voti dispersi a sinistra è un regalo a Berlusconi che questo paese non si può più permettere.

  7. os3ga dice:

    Caro P.G. i voti “dispersi” verso qualsiasi partito sono la premessa della democrazia.
    Il voto bisogna guadagnarselo.
    Questa legge elettorale è un regalo a B perché gli permette più di qualsiasi altra legge di controllare i parlamentari, come dei dipendenti.

  8. davide dice:

    a tutti quelli che si vergognano di essere italiani: se non vi sta bene, ci sono decine e decine di aerei, treni e navi che partono per ogni località del pianeta.
    ecco, prendete uno di quei mezzi e levatevi dai…

  9. Sbilicuda dice:

    @davide
    ma vai a trollare da un’altra parte, va’, genio

  10. P.G. dice:

    Os3ga: e tieniti Berlusconi…e goditelo…da vero democratico quale sei, sarai soddisfatto di questo governo democraticamente eletto anche(indirettamente) col tuo voto.

  11. jetblack dice:

    Tutta questa gente che si vergogna dovrebbe vergognarsi.

  12. davide dice:

    @Sbilicuda
    detto da un minus habens…

  13. davide dice:

    @Sbilicuda
    scusa te lo traduco:
    “che ha meno”, usato come sostantivo per indicare chi ha scarse doti intellettuali.

  14. markus dice:

    @davide:
    “mi vergogno di essere italiano” vuol semplicemente significare agli occhi di chi italiano non è “non voglio essere confuso nei modi, nei valori, nel credo, alla maggioranza degli italiani, anche detti itagliani”.
    Esprime certamente un desiderio e al contempo una speranza: che gli itagliani possano evolvere in meglio….
    Ma nulla è detto circa l’Italia che ANZI amo (i paesaggi, le colline, il mare, il profumo dei prati e dei boschi, la cucina, le italiane ;-))
    Perché mai dovrei essere io ad abbandonare l’Italia?
    Che se ne vadano gli itagliani, indecorosi, oltraggiosi e indegni di questo magnifico paese (tutto fuorché la maggioranza delle persone, un 60% stando ai sondaggi del loro presidente).