Roberta Milano mi segnala questa pagina del sito dell’Ente Nazionale per il Turismo. il lungo testo, redatto da un giurista leopardiano, contiene tra l’altro un capitoletto sul diritto di Link che merita di essere citato:


Links

E’ fatto divieto di operare collegamenti stabili a questo sito (cioè effettuare un link) senza previa, formale autorizzazione dell’ENIT.L’ENIT si riserva di perseguire ogni abuso al riguardo.
La connessione ipertestuale da questo sito a siti ad esso esterni non comporta in alcun modo approvazione o riconoscimento di validità dei contenuti degli stessi e rimane esclusa, in ogni caso, ogni responsabilità a carico dell’ENIT anche per quanto riguarda ogni possibile utilizzazione degli stessi. In particolare, nessuna responsabilità potrà essere fatta valere nei confronti dell’ENIT per i dati che, tramite links, vengano forniti da soggetti terzi.


27 commenti a “Il burocrate che è in me”

  1. EmmeBi dice:

    Nel 2009, quasi 2010. Incredibile.

  2. P.G. dice:

    Ma giuridicamente è possibile vietare collegamenti (“noli me linking”) verso il proprio sito da parte di terzi? E in che modo un eventuale link sarebbe perseguibile?

  3. Daniele Minotti dice:

    Si tratta di disclaimer abbastanza *classici*, triti e ritriti da anni. Valore giuridico praticamente zero. Ecco: piu’ burocrazia che diritto.
    Non ci darei peso.

  4. Mackley dice:

    Nell’Era della Condivisione… mi sembra veramente giurassico…

  5. L1 dice:

    quindi, in sostanza, ora che l’hai linkato senza autorizzazione (immagino che tu non l’abbia chiesta) sei perseguibile?

  6. La linea dell'inutile (Mauro) dice:

    che qualcuno a lui vicino avvisi immediatamente Murdoch !!! potrebbe utilizzare lo stesso disclaimer contro Google senza starsela a menare piu’ di tanto :-D

  7. mORA dice:

    Si noti il termine straniero al plurale, tanto per parlare di lettarati leopardiani. Forse nonazzeccagarbugli manzoniani…

  8. frap1964 dice:

    Uno scova queste “primizie” e la blogopalla se ne accorge solo dieci giorni dopo. Ormai se non ti fiondi su friendfeed, twitter, facebook e tutto il resto del ciarpame social-conversazionale glamour, il passa-parola di rete non funziona più.

    Eh, la blogopalla di una volta era proprio tutt’altra cosa… :-D

  9. Quello che è tuo è mio, quello che è mio è mio - Simone Brunozzi dice:

    […] [via Mantellini] […]

  10. paolo dice:

    io se fossi nell’ENIT farei causa a google. Chissà quanti link verso di loro ci sono nelle pagine di BigG

  11. Massimo dice:

    ma basta una autorizzazione su carta semplice, o serve su carta bollata? in quale altro paese al mondo esiste la carta bollata, btw?

  12. Roberta Milano dice:

    @Daniele, mi rassicuri. Io i miei link non li ho tolti, nel caso credo tu sia nemmeno troppo distante:)
    @frap1964, perchè invece di essere contento che la notizia giri e, grazie a te che l’hai scovata, abbia avuto più risonanza trovi il modo di mugugnare? Io il link sul mio post l’ho messo. L’ho messo su ff e pure su FB. Che poi l’abbia letta in ritardo mi capita spesso e con tutti, anzi molte notizie le perdo pure. Cosa avrei dovuto fare secondo te? Sarei contenta di capirlo.

  13. Daniele Minotti dice:

    @Roberta e @tutti
    Comprendo i timori, ma quelli sono disclaimer probabilmente copiati da un solerte informatico che ha partecipato alla realizzazione del sito. Nulla di giuridicamente serio.
    Al limite, un tempo, si discuteva di deep-linking, ma la cosa è naufragata presto.

  14. paolo dice:

    domani provo a mandare una raccomandata vediamo cosa rispondono :)

  15. frap1964 dice:

    @Roberta
    Veramente il commento voleva essere del tutto ironico nei confronti del tenutario (l’ho fatto qui, perché da te sei sempre un po’ troppo seriosa :-) ) , oltre che un piccolo tributo al mitico (e da me molto rimpianto) Fabio Metitieri, cui credo vada riconosciuto (quantomeno ad honorem) il copyright del termine di “blogopalla”. Oggi avrebbe compiuto 51 anni.
    Naturalmente tu non fai assssolutamente parte della blogopalla, eh, non mi permetterei mai con una signora.
    Ma come mai, piuttosto, ti sei sentita chiamata in causa?

    @Daniele
    Dalle tue parti si batte un po’ la fiacca, neh?
    Meno male che invece c’è chi “lavora” al posto tuo… :-)

  16. Daniele Minotti dice:

    Paolo, dai… Hai tempo e soldi da perdere… Ma non scadiamo nel vano scandalismo.
    Vi invito tutti ad essere un po’ seri in quanto realitisti.

  17. Daniele Minotti dice:

    @frap
    Io batto la fiacca perche’ ho altro da fare. E anche Ernesto (che, se ti interessa, e’ un mio amico) non penso sia piu’ tranquillo di me.
    Io non faccio scandalismo, Ernesto, evidentemente, vede la cosa in maniera in modo differente e fa bene a dirlo.
    Io faccio soltanto l’avvocato, non riesco a vedere oltre, non riesco a vedermi *fiacco* se non mi occupo di altre cose (cose che, peraltro, non condivido).
    Sei parecchio ingenuotto.

  18. frap1964 dice:

    @Daniele
    Grazie per l’ingenuotto.
    Che grazie anche al tuo amico (e alla mia curiosità), anche per oggi ho dato il mio piccolo contributo alla causa CC.

  19. luciano ardoino dice:

    @frap
    a volte neanche dopo 10gg, anzi mai…
    Scusate l’ignoranza, ma cosa vuol dire fare scandalismo?
    ;-)

  20. Daniele Minotti dice:

    Mi devo scusare io. Ben due volte ho parlato di sensazionalismo. In realtà, intendevo dire allarmismo. Nel senso che, secondo me (e a parte le buone discussioni giuridiche che si possono fare), questo disclaimer sembra più una pecetta copiata e incollata a sproposito che qualcosa di cui preocuparsi veramente.

  21. thomas morton dice:

    E se invece di linkarlo uno scrive solo l’indirizzo, vale lo stesso? E se uno lo nomina a voce?

  22. Ernesto Belisario dice:

    @Daniele hai ragione, non credo che l’ENIT chiederà mai un risarcimento danni per “link non autorizzato” :D … ma, onestamente, non ho visto allarmismo … sicuramente c’è il bisogno di una riflessione seria sulla libertà di link (alla fine lo stesso caso The Pirate Bay ha ad oggetto i limiti di questa libertà) e poi un approccio al web di questo tipo, per una PA, è decisamente intollerabile… tutto qua :)

  23. Daniele Minotti dice:

    Si’, su quello si’. Soltanto, ho percepito un po’ di preoccupazione (es.: Roberta Milano).

  24. ilbardo.it dice:

    anche una riflessione seria su quanta cusa si mette nella realizzazione di prodotti pagati con fior fior di soldi pubblici e ai servizi pubblici risolti, mica guasterebbe.

  25. ilbardo.it dice:

    cura

  26. Daniele Minotti dice:

    Si’, ecco, mi sembra un aspetto che si puo’ sviscerare meglio. Io, pur ad altri fini, direi che ho gia’ detto la mia. Belisario anche (e di piu’).

  27. Missione compiuta: non sono più vietati i link al sito dell’ENIT « r&m dice:

    […] preventivamente autorizzati. La segnalazione fece ben presto il giro della Rete e venne ripresa da molti blog, questo compreso. Il divieto di link, infatti, non solo era irragionevole ed illogico, ma […]