08
Nov




La lettera “personale” che Marco Pannella mi ha inviato ieri è un prezioso bignamino di come NON scrivere un messaggio ad una mailing list.

P.S. Vige la solita regola: leggerò personalmente ogni commento o risposta che riceverò a questo messaggio che vi mando e non posso assolutamente impegnarmi a rispondervi.
Vi assicuro dopo molti anni (e vi sono molti testimoni) per parte mia di aver rispettato questa regola, quindi sarò ben lieto di leggerti se vorrai scrivermi.


8 commenti a “Vecchi amici”

  1. Alessandro Ronchi dice:

    Anche io l’ho ricevuta. Ho scoperto che per Pannella esiste l’equazione “iscritto a fai notizia” == “radicale”

  2. Carlo M dice:

    sarei davvero curioso di sapere che ne pensa il grande capo estiquaatsi, della lettera di pannella ai radicali più o meno ignoti.

  3. sinistralirica dice:

    E chi se ne frega di cosa pensa, dice, scrive Pannella. E persino di come lo fa.

  4. Pier Luigi Tolardo dice:

    Io ho avuto il torto di sottoscrivere un appello per il Tibet, da allora perfino io sono diventato suo amico.

  5. plb dice:

    Conoscevo i radicali liberi, quelli ignoti mi mancavano…
    /plb

  6. Ridicolo dice:

    Poteva almeno scrivere in italiano… chissa’ cosa s’era fumato…

  7. carlo dice:

    ricevuta, e archiviata fra lo spam! :) somiglia a quelle di “enlarge your penis”…

  8. Enrico dice:

    Pannella? Pannela chi?