(ANSA) – MILANO, 26 MAG – La GdF ha denunciato tre persone che avrebbero diffuso illegalmente su internet la canzone di beneficenza per la ricostruzione in Abruzzo. La diffusione abusivadel file della canzone – ‘Domani 21/4.2009’, scritta da Mauro Pagani del gruppo Pfm e interpretata da 56 cantanti italiani – secondo la Sugarmusic di Caterina Caselli che l’ha prodotto, ha comportato un danno stimato di almeno un milione di euro. In proiezione la cifra potrebbe superare i due milioni.



(grazie a Fabio)

15 commenti a “Ogni desiderio è un ordine”

  1. .mau. dice:

    io che non so nemmeno che melodia abbia questa canzone potrei essere incriminato per mancata collaborazione?

  2. putiferio dice:

    Io sono veramente esausto dai continui “suggerimenti della regia” su come donare, essere solidale, aiutare..

    – e dona un euro con l’ sms
    – e compra la canzon
    – e il 5 per mille alla onlus
    – e l’ 8 per mille a questo e a quello…

    ma devo decidere io chi, in questo paese ha veramente bisogno??

    Non ci dovrebbe essere un cavolo di stato che, con i soldi delle mie tasse (che pago), gestisca emergenze, contingenze, e necessità varie delle persone che abitano questo paese?

  3. pasquino dice:

    Faccio solo notare che persino Zucchero Sugar Fornaciari ha avanzato un piccolo dubbio sulla reale sincerità dell’iniziativa. “Siamo tutti insieme o uno va lì perché ha un disco da promuovere e quell’altro no? C’è la vera solidarietà?”

    http://www.rockol.it/news-101124/Zucchero,–Domani-,-Jovanotti,-Pagani–polemica-pretestuosa,-e-disinnescata

  4. enrico dice:

    e sì, caro .mau.,
    sei un catastrofista, estremista, metastasi ?, non riconosci il dovuto rispetto alle istituzioni, tutte, impegnate nell’eroico sforzo di spezzare le reni…. ach, scusa, mi sono confuso, … sforzo di riparare ai danni di un terremoto evidentemente frutto di aaanni e aaanni di malgoverno della sinistra e strumentalizzato della stampa schierata. Quindi compra la canzone (di qualunque cosa si tratti, in questo sono con te, non conosco l’argomento) e zitto. Che poi a quelli in tenda ci pensiamo noi, magari mettiamo la filodiffusione e gli facciamo uno sconto sulla siae e il canone rai.

  5. frap1964 dice:

    Ma che senso ha?
    Il video si trova su Youtube nei canali di Jovanotti, Ferro e chissà quanti altri. Praticamente se lo può scaricare chiunque…

  6. L1 dice:

    colpirne tre per educarne tre milioni.

  7. Sir Edward Coke dice:

    dal momento che si tratta di opere multimediali, se l’upload non veniva effettuato per ricevere un guadagno i ragazzi possono sperare di cavarsela, ai sensi della legge 633/1941 sul diritto d’autore. (fosse stato distribuito abusivamente del software il discorso sarebbe stato diverso.)

    poi: se il file era venduto per beneficenza, atto di liberalità peraltro caratterizzato da piena libertà di scelta, cosa hanno perso i detentori del diritto patrimoniale d’autore?
    non esiste un guadagno potenziale da proteggere, dunque nemmeno un bene giuridico da tutelare, dunque nemmeno un illecito penale, a mio modo di vedere.

    oltre ovviamente alla questione che il file è reperibile in rete in varie modalità, dunque non scatterebbe nemmeno illecito civile.

    pura propaganda quindi, per mettere un po di paura in giro, speriamo che la questione cada subito

  8. Roberto B. dice:

    Considerando che i brani vengono venduti a un prezzo di € 0.99 – 1.29 (non sono riuscito a verificare il prezzo di “Domani”, spiacente) e anche supponendo che gli intermediari (Apple e co.) agiscano pro bono e non intaschino parte dei ricavi, evidentemente la Caselli immaginava che questa canzone diventasse il brano più venduto di tutti i tempi: due milioni di copie in pochi giorni!
    In proiezione, certo…
    Al cinema.

  9. carlito dice:

    senza parol………

  10. Daniele Minotti dice:

    @Roberto B.
    Giustamente, fai dei calcoli tanto semplici che sono veramente alla portata di tutti. Ma non e’ banale perche’ certe cifre da fantastiliardi rischiano di arrivare in tribunale, con probabili ripercussioni sui tre sfigati beccati in un semplice upload, verosimilmente senza fini di lucro.
    Quanto ai legami tra discografici e forze dell’ordine, mi sembra tutto sia perfettamente riassunto nel titolo del post.

  11. Lunar dice:

    @frap
    il senso è proprio quello, voler creare il caso.
    Tutta l’operazione sembra sia stata messa in piedi per raggiungere questo risultato: “vedete come sono cattivi questi… scaricano anche sulle spalle dei terremotati.” Il giochino è troppo evidente oltre che squallido.

  12. Box Office | Napolux.com dice:

    […] Parafrasando l’ANSA segnalata qui. […]

  13. Ikaro dice:

    La casa di produzione della Caselli fa tutto questo gratis?

    Quando inviamo un SMS per beneficenza quanto si prende l’operatore?

    Quanto guadagnano le TV producento le maratone Telethon? E rispetto ai soldi incassati, qual’è la percentuale che arriva a destinazione?

  14. mazzjoe dice:

    @ Ikaro per l’sms di beneficenza l’euro viene devoluto interamente, te lo posso garantire. Per Telethon non so risponderti, mi spiace.

    Ma poi, chi ve l’ha detto che chi ha scaricato la canzone poi ha comprato l’album perché gli piaceva? Tra l’altro loro sono gli ultimi che devono fare proiezioni di guadagno, anzi dovevano dire che “un milione di euro non è stato devoluto in beneficenza da parte vostra”

  15. settolo dice:

    Il video, oltre ad essere liberamente visibile su internet sul sito ufficiale (o almeno così pare) dell’iniziativa (http://www.domani21aprile2009.it/) è anche su youtube, liberamente embeddabile, dal canale ufficiale (o almeno così pare) ad esempio di Tiziano Ferro (http://www.youtube.com/watch?v=rA3cf97HeYo).
    A me pare che la mano destra non sappia cosa fa la mano sinistra… e spero che molti artisti coinvolti si stiano rivoltando pensando a cosa ha fatto e detto la Caselli.