63 commenti a “Io questa stronzata non la leggo”

  1. Andrea Contino dice:

    Inaccettabile. TV pubblica. Se devo pagare il canone per sentirmi dire certe cose…

  2. luca dice:

    vi consiglio di andare al cinema a vedere LIVE
    sono uscito con il voltastomaco e non è molto diverso da questa porcata

    bravo massimo

    bisogna insegnare ai nostri figli il silenzio

    un abbraccio
    buona Pasqua a tutti
    ciao
    Luca

  3. Fabio dice:

    …e la stessa concludeva con collegatevi con wwwwww (non so quanti ne ha detto) .tg1.rai.it e dire che ce l’aveva scritto sotto

  4. Massimo Moruzzi dice:

    ma cos’è sta roba? e cosa importa alla gente, poi, sapere in quanti hanno visto il loro tiggì?

    Siamo in Europa, non posso pagare il canone alla BBC?

  5. frap1964 dice:

    E un bel “chissenefrega” non ce lo mettiamo vicino?

    Comunque anche:

    “Poi, certo … quando vedono il premier sono contenti perchè sentono che lo Stato è vicino”
    e
    “…voi intanto prendetevi un periodo, è quasi Pasqua ed è la bella stagione…”
    e
    “…Fate i bravi, voi, dite alle mamme di portarvi al mare…”
    e
    “Mi raccomando, mettete la crema solare…”

    è davvero un bel campionario, imho.

    http://www.corriere.it/politica/09_aprile_07/berlusconi_sfollati_mare_bd679a6c-2385-11de-aefc-00144f02aabc.shtml

  6. enrico dice:

    Ma è già arrivato Belpietro o sono i postumi di Riotta? Ma in fondo, che differenza fa… Chissà se lo share è migliore delle puntate dell’insetto da Cogne, Perugia o Garlasco? Tante domande, una risposta: spegnere l’elettrodomestico.

  7. Mark dice:

    Tutti dicono che lo rimpiangeremo, Riotta.
    Ma anche no, vai a sapere.

  8. paolo dice:

    no ma complimenti…ci mancava solo un: “Siamo i numeri 1″ alla fine

  9. Atos dice:

    Grazie Massimo,
    proprio un paio d’ore fa , durante la cena, ho sbroccato con moglie e figlio dicendo di spegnere la tv perchè non ne potevo più di Carfagne addolorate e rassicuranti , di inviati che chiedono sempre ” e ora cosa farete?” a chi ha perso la casa o “come vi sentite” a chi ha perso un familiare.

    Gli sciacalli sono perfetti come immagine metaforica; nella realtà sono molto più dignitosi dei nostri giornalisti, la loro almeno è una funzione utile all’ecosistema.

  10. Giulia dice:

    Ecchissenefrega?

  11. Settoblo » Blog Archive » Le notizie importanti in tempi di tragedie dice:

    [...] Il TG1 dedica oltre 1 minuto a compiacersi dei dati di ascolto ottenuti con gli speciali sul terremoto (via Mantellini): [...]

  12. L1 dice:

    vermi.

  13. Semplicemente fastidio… - IMlog dice:

    [...] sul tema, via Manteblog: il TG1 sfodera quanti ascolti ha capitalizzato grazie ad un evento che, ad ora, conta 200 e passa morti e un migliaio di feriti; [...]

  14. Sciacallaggio pubblico « La Casa Dei Giochi dice:

    [...] (Manteblog) [...]

  15. dangp dice:

    Senza ritegno, che schifo!

  16. Annarella dice:

    E’ una di quelle occasioni in cui si ringrazia di non essere in Italia. Così certe vaccate te le becchi sono di rimando e non in diretta

  17. Enrico Bardella dice:

    Sono odiosi, ignobili e recidivi, perchè non è la prima volta
    che si lodano e si sbrodolano sui dati di ascolto e lo share e “… quanto siamo bravi” nel mostrarvi le tragedie, le catastrofi e gli stupri e grazie per averci scelto e via con www e – riottosa merderia – di questo tipo.
    Oggi stavo pranzando mentre attaccava di nuovo questa vomitevole manfrina e mi si è bloccata la digestione.

  18. Tg1, che tristezza: un minuto per elogiare gli ascolti sul terremoto. Come boicottare simili informazioni? - CineTivù dice:

    [...] TELODICOIO TVBLOG COSTOZERO SCAVICCHIA LA NOTIZIA Manteblog [...]

  19. Daniele Minotti dice:

    @Atos 21:19
    Ah, sbrocco anch’io con moglie e figli…
    Ma non vale proprio la pena, pensaci…
    No sbroccamento, Si far capire.

  20. Nickoos dice:

    merde (non vuole essere un insulto ma una constatazione dell’essenza)

  21. Ivan Molella dice:

    morte e disperazione sono sempre il miglior business di chi ama speculare sulla buona fede delle persone.

  22. Paolo dice:

    Forse si aspettavano l’applauso?

  23. daniand dice:

    Come tragediamo noi, non tragedia nessuno.

  24. Michele Ficara Manganelli dice:

    ed io non la reggo !

    i miei 5 cents

    http://micheleficara.com/blog/2009/04/06/terremoto-in-abruzzo-contenuti-digitali-come-fare-business-morti-terremoto/

  25. durde dice:

    hey! l’ultima volta che sono stato qui non era così Mac-chiano! Hai assoldato un macchista? va beh, proseguo con la lettura, bye!

  26. Valerio Fiandra dice:

    cos’era, Riotta che ri-presenta le credenziali ?

  27. Giavasan » E ora un breve messaggio per gli amici inserzionisti dice:

    [...] (via Mante) [...]

  28. Xio dice:

    una bella tirata di scacquone alla fine dell’auto incensamento ci stava prorpio bene.

    Gli sciacalli mi sa che sono in tv!

    Ciao

  29. Carolina dice:

    A proposito di sciacquoni, Giubilo il nuovo direttore ad interim del Tg1, viene dal TG3, fu il successore di Curzi aTelekabul, poi è stato vice di Riotta, che si più volte scontrato con lui accusandolo di essere troppo filo PD, ora pare sia in carico al PDL, ma non è detto. Alla RAI come in politica tutto è possibile, l’importante è salvare la carriera.
    Quanto allo sciacallaggio m pare che nessuno si sia fatto mancare nulla, Rep.it e Corriere.it sono zeppi di gallerie fotografiche molto intime, del tutto ininfluenti dal lato cronaca, ma molto significative dal lato morbosità. C’è la galleria intitolata “Parenti disperati” ad esempio di cui forse non sentivamo il bisogno (loro di sicuro non lo sentivano), poi abbiamo “La valle dei bimbi morti”, i bambini funzionano sempre, nonché intervistatori molto professionali e capaci che opprimono persone anziane, malate e quasi incapaci di parlare con domande del tipo: “Come si sente ora? che farà adesso? e la sua casa? ha perso qualcuno? Che bello se solo per attimo una di queste persone potesse riacquistare le forze perdute (come in Coocoon) per fare ingoaire all’intervistatore idiota il microfono, il filo e tutto il baracchino elettronico.

  30. lumoz dice:

    L’avevo letto anche io, e avevo la stessa idea di pubblicare lo spezzone. Che avvoltoi…

  31. andrea dice:

    Agghiacciante.

  32. Diego dice:

    capirai… questo è niente in confronto a quella merda che propone ogni giorno studio aperto…!

  33. enzo dice:

    Tutto ciò fa senso.
    Ciao, Enzo

  34. off topic dice:

    tg 1… numeri 1… evvai!…

    Interrompo il silenzio solo per un istante, poi me ne torno nel limbo: Adesso speriamo in un bell’attentato terroristico in centro a roma, o a milano. O una di quelle belle stragi su treni o in piazza che, ai bei tempi, ci venivano tanto bene o…

  35. Giorgio Zarrelli dice:

    E’ auditel nella sua purezza.

    Al di là di cosa si trasmette, contano le percentuali.

    Giusto per chi ancora afferma che la tv pubblica dovrebbe avere una funzione educatrice.

  36. Stefano dice:

    Nell’ultimo “Spiderman” il direttore del quotidiano in cui lavora P.Parker dice che i giornali si vendono solo con sesso, tragedie e supereroi.
    Evidentemente lo stesso pensano in molti nostri media: a quando un supereroe mascherato???

  37. enrico dice:

    l’ho pubblicata pure io. Spero qualcuno abbia la compiacenza di allontanare il responsabile e magari metterlo a lavorare in uno di quei paesi colpiti dal terremoto.
    Ps: si spieghi poi alla conduttrice che i siti hanno tutti 3 w e non 4

  38. gmb3 dice:

    Che dire… schifo… schifo…
    Considerando che in Italia vi sono ancora molte famiglie che hanno come unica fonte di informazioni il Tg1, mi viene solo la nausea..

  39. MrGorefest dice:

    cioè 1 minuto e 20 secondi di puro onanismo necrofilo televisivo. che schifo.

  40. nicolabel dice:

    Della serie “il servizio pubblico è sempre servizio pubblico”.

    Peccato però che non sia stato in grado (tecnicamente? politicamente?) di organizzare in autonomia l’approfondimento del prime time, affidando le redini della diretta in prima serata ad un – oneroso, a quanto pare – collaboratore esterno, Bruno Vespa.

  41. Luca dice:

    Ma è tanto scandaloso?
    Azz vi scaldate con poco eh?
    Boh.

  42. Mabbrava, vantamosene | Il blog di Giuseppe Citarda dice:

    [...] Ottimo M. Mantellini. Share and Enjoy: [...]

  43. Spinoza » Blog Archive » Picchi dice:

    [...] Soddisfazione al Tg1: nella giornata del terremoto gli ascolti volano. In cerchio. [...]

  44. Grande è la confusione sotto il cielo e dunque tutto è stupendo dice:

    [...] E’ guerra a Google News. Un altro fendente a casaccio è la “riproduzione riservata” imposta dal Sole 24 ore. Ciliegina sulla torta il macabro auto peana del TG1. [...]

  45. Tv e tragedie, l’emblematico caso del terremoto dell’Aquila dice:

    [...] una notizia che sta facendo il giro della Rete da ieri pomeriggio e che ci riguarda tutti come italiani, come spettatori e come [...]

  46. sam dice:

    Magari l’avesse detto. Invece la stronzata l’ha letta quasi senza respirare…

  47. erodoto dice:

    Come a dire “peccato non ce ne siano più spesso, di sciagure così”!

  48. Lorenzo dice:

    Chissà se poi hanno fatto anche delle pubblicità di assicurazioni sulla vita e sulla casa! Scandaloso!

  49. Danilo dice:

  50. CHRISTIAN dice:

    una vergogna , uno schiaffo a tutta quella gente che sta soffrendo , per loro sono solo il business del momento.

    si meritano solo che tutti nn guardino piu la TV
    Un appello
    SPEGNETE IL TELEVISORE!!

  51. Guido Arata dice:

    Poi questi volti televisivi parlano dello “sciacallaggio” con indignazione e faccia schifata. Ed il loro non è stato sciacallaggio?! Bestie

    G.

  52. pibo dice:

    anche io quando l’ho sentito ho iniziato a bestemmiare,avevo intenzione di mandare una mail alla redazione,ma ho preferito evitare…

    questi si vantano che le sciagure sollevano l’interesse delle persone…

    io fossi stato la presentatrice mi sarei rifiutato di leggerlo..

    schifosi

  53. Massimiliano dice:

    Certo che la RAI sa sempre come farsi notare, tra programmi orrendi e notizie poco attinenti ad un disastro ci si chiede il perchè si debba pagare il canone…..maaaaaaaaa!!!!!!!!

  54. Pino Bruno dice:

    …ho definito questa cosa un “macabro auto peana” ma non facciamo di tutt’erba un fascio. La Rai e il TG1 hanno anche professionisti seri, giornalisti bravi. Come Pino Scaccia, ad esempio. Le sue cronache e i suoi racconti sul blog http://latorredibabele.blog.rai.it/ sono esempi di giornalismo sobrio, umano, etico.

  55. mauro dice:

    è un po’ sullo stesso piano di quello che si è vantato della cifra messa a disposizione delle popolazioni affermando che fosse la più alta mai offerta…..

  56. che schifo » Politeia dice:

    [...] via ManteBlog [...]

  57. Quotidianità di un libertario dice:

    Canone RAI…

    Chi lo paga, è complice….

  58. auDIEnce : michblog dice:

    [...] cosa più bella in proposito la scrive Spinoza: Soddisfazione al Tg1: nella giornata del terremoto gli ascolti volano. In [...]

  59. The human loss. | breakfast at murrayfield dice:

    [...] (that’s the news programme on Italy’s major national public TV channel) who basically showed off during an evening edition because their ratings were oh so high thanks to the earthquake. There are 2700+ people killed by an earthquake, and they publicly gloat over ratings. Sod [...]

  60. Messaggi ricevuti « Dario Bonacina dice:

    [...] di e-mail di protesta perché accusato dagli spettatori di sciacallaggio mediatico per aver vantato ascolti da record nelle edizioni che davano ampio spazio agli eventi legati al terremoto in Abruzzo, il TG1 assicura [...]

  61. Ne hanno ricevuti abbastanza « Dario Bonacina dice:

    [...] di e-mail di protesta perché accusato dagli spettatori di sciacallaggio mediatico per aver vantato ascolti da record nelle edizioni che davano ampio spazio agli eventi legati al terremoto in Abruzzo, il TG1 assicura [...]

  62. MacRaiser dice:

    Era un po’ che non passavo di qui, ma vedo che anche tu sei stato travolto dal solito fascino “indignamoci in offerta a 3×2″, del virale del TG1. Hai dedicato l’onore di un intero post alla maleducata gaffe lodosbrodolatoria della redazione di viale Mazzini (condito da oltre 60 commenti, svariati dei quali all’alloro del termine “schifo”, come prevedibile e magari auspicato), ma non hai scritto -una parola- sul fatto che, ad oltre 4 ore dalla scossa, quando gia’ si parlava di una dozzina di morti e decine di dispersi, le tre reti Mediaset mandavano televendite mediashopping, cartoni animati giapponesi e telefilm d’annata. Silenzio assoluto. Rai1 e sopratutto Rai3, invece, coprivano la notizia in diretta, facendo il loro dovere. Che dovrebbe essere quello d’informare, non quello di dare dimostrazioni di bon ton e tatto, se non ricordo male, giusto?

    Ma in effetti, la tua svista e’ parzialmente scusabile: dopo la “confessione spontanea” sulla dipendenza acquisita, malgre’ moi-malgre’ tous, del tuo post sull’iPhone, il tuo punto di vista sul rapporto forma/sostanza, dev’essere con ogni probabilita, mutato radicalmente.

  63. Riso amaro « Cordataitaliana dice:

    [...] Soddisfazione al Tg1: nella giornata del terremoto gli ascolti volano. In cerchio. [...]