06
Mar

Che tre fra i piu’ importanti editori italiani (RCS, Espresso e La Stampa) si consorzino in un unico network pubblicitario a me non sembra davvero un bel segnale per il mercato della pubblicita’ sul web italiano.

5 commenti a “Cartellonisti”

  1. soloparolesparse dice:

    Preoccupa anche me… per quanto la situazione non è che fosse rosea già prima…

  2. Pier Luigi Tolardo dice:

    Si, è così: forse erano già consorziati prima si erano dimenticati di dircelo….

  3. Massimo Moruzzi dice:

    ma qualcuno sa come funziona questa cosa? stanno usando la soluzione di Fast ?

  4. Roberto Marsicano dice:

    E’ una mossa da disperati.
    Ma neppure consorziandosi riusciranno a raccogliere abbastanza da sopravvivere fino alla fine dei prossimi 4 anni di crisi.

    La pubblicità in tempi di deflazione, segnale che nessuno compra, non è più un investimento, ma un costo e perciò va ridotta, e la più inutile è quella sui giornali che ormai te li portano sullo zerbino di casa.

  5. Massimo Moruzzi dice:

    Ciao Roberto, penso, anche se non ne sono sicuro al 100%, che l’accordo sia solo per la parte web.