L’editoriale di Giovanni de Mauro su Internazionale in edicola:


Se uno dovesse riassumere in poche righe gli ultimi quindici anni di storia politica italiana potrebbe dire questo: il più caro amico di uno dei leader che simboleggiò la corruzione della classe politica del paese diventò l’uomo più ricco, l’imprenditore più famoso, il premier più amato, il leader del partito più votato; il segretario dell’ex partito neofascista diventò presidente della camera, terza carica dello stato; uno dei dirigenti dello stesso partito fu eletto sindaco della capitale; l’opposizione fu sciolta in modo democratico e le venne affidato il compito di autodistruggersi; gli ultimi dirigenti di quello che fu il più grande partito comunista dell’Europa occidentale lasciarono spontaneamente la guida a un uomo della Democrazia cristiana, il loro avversario storico; il resto della sinistra si divise così tante volte che alla fine raggiunse proporzioni omeopatiche; a raccoglierne l’eredità fu soprattutto un magistrato; intanto in tutto il paese si diffuse il fenomeno delle ronde. Ma è quello che venne dopo che fa paura.
Giovanni De Mauro


14 commenti a “Riassunto italiano”

  1. Alberto dice:

    Se sei interessato ai riassunti (del tipo di quello che hai segnalato) leggiti quello di Catepol http://www.catepol.net/2009/02/25/banalizzando-e-semplificando-ieri-come-oggi/ sui totalitarismi del ’900

  2. mario dice:

    sai quale è il problema? come insegna orwell, se andiamo avanti così questo riassunto non lo leggerà nessuno.
    l’ignoranza è forza.

  3. soloparolesparse dice:

    Panorama chiaro e disarmante… sembra l’inizio di uno di quei film su un futuro post-atomico

  4. Stefano dice:

    Ma tutto questo non è solo una conseguenza di cosa è oggi l’italiano medio?

  5. Massimo Moruzzi dice:

    e noi ci stiamo ad accapigliare su ryanair :)

  6. gabriele iannelli dice:

    non fa una piega.

  7. Kerub dice:

    però il democristiano ci ha fatto entrare nell’Euro.
    l’unica cosa decente fatta in trent’anni.

  8. f dice:

    il problema è che queste cose sacrosante sono comunque categorizzabili come “ce la cantiamo e ce la suoniamo”

    lette da quella maggior parte di italiani che vota b., verrebero catalogate come idiozie

    la domanda che bisogna farsi allora, forse, è: come far capire le cose alla gente, considerata anche la sproporzione dei mezzi disponibili?

  9. Massimo Moruzzi dice:

    oh, i democristiani, almeno quelli decentemente laici, sono mille volte meglio degli ex-pci…

  10. Daniele Minotti dice:

    Fermi tutti. In questo bigino della storia d’Italia degli ultimi quindici anni manca una cosa: un ex (?) comunista al Quirinale. De Mauro dovrebbe saperlo.

  11. Stefano dice:

    In questi anni, qui come altrove, ha vinto chi ha saputo raccontare la storia migliore.
    La sinistra o una destra autenticamente liberale dovrebbero imparare questo da Obama: come raccontare alla gente che infiniti altri mondi sono possibili.

  12. davide dice:

    c’è solo un’imprecisione: dc e pci non sono mai stati veramente nemici, anzi…

  13. nicklol dice:

    kerub
    guarda che mica si riferisce a prodi…

  14. Storia d’Italia 1990-2009 - morbìn! dice:

    [...] il blogger Massimo Mantellini, leggo l’’editoriale di Giovanni de Mauro su Internazionale che era in edicola cinque giorni fa: Se uno dovesse riassumere in poche righe [...]