Le chat sono pericolose. Il sesso con gli sconosciuti no.

ROMA – Un uomo di 57 anni è stato accoltellato in un giardino pubblico di Via Lemonia, al quartiere Tuscolano, nella periferia di Roma. L’uomo è stato ricoverato in gravi condizioni al Policlinico Casilino con ferite all’addome, al torace, alle cosce. Prima di perdere i sensi ed essere soccorso e trasportato in ospedale, il 57enne avrebbe detto di essere stato ferito da una donna appena conosciuta su una chat su Internet. Sembra inoltre che l’uomo sia stato accoltellato dall’amica di chat dopo aver avuto con lei un rapporto sessuale.

(via corriere.it)

6 commenti a “Meno male che non era Facebook”

  1. Daniele Minotti dice:

    Aspe’, ma il rapporto e’ avvenuto in Internet o ai giardini? Perche’ – voglio dire – puo’ fare la differenza, eh…

  2. .mau. dice:

    @Daniele: non credo che FUFME sia stato ripresentato in una nuova versione.

  3. Daniele Minotti dice:

    Eh, ci scherzi, Maurizio. Anche per la Cassazione il sesso virtuale esiste eccome. Ti ricordi quella sentenza che, un po’ di anni fa, condannava il titolare di un sito perché aveva delle webcam con le signorine che si accarezzavameno a richiesta? Sfruttamento della prostituzione su atti di contenuto sessuale.

  4. .mau. dice:

    @Daniele: e la Cassazione non ha mai legiferato sulle chatline erotiche?

  5. mario dice:

    comunque è davvero il caso dell’uomo morde cane.
    pensate se era il contrario e la lacrimevole storia della ragazza adescata in chat, drogata, violentata per 48 ore consecutive e poi prostituita per 20 euro ai camionisti turchi, con salvataggio finale e progetto di legge che preveda il taglio delle mani a chi su internet va oltre il sito di mediaset.

  6. Andrea Mereu dice:

    Per farla breve, la notizia è: “uomo accoltellato da Internet”