A quanto pare c’e’ un intelligentone su Facebook che si spaccia per il direttore di Wired Italia.

8 commenti a “LA LUNA STORTA”

  1. Anonymous dice:

    Pizzetti ha suggerito al popolo di usare uno pseudonimo! Riccardo e’ un nome comune. Luna e’ una cosa romantica. L’intelligentone sara’ un trans innamorato di tal Riccardo! Alcuni poveri pirla sono anni che suggeriscono di fare l’enforcement dell’anonimato. Sarebbe ora che anche Pizzetti capisse il perche’ invece di dare consigli a vanvera una volta capita, in ritardo come al solito per le figure istituzionali, la natura diabolica di Facebook.

  2. gp dice:

    quante storie per uno stupido account di facebook.

  3. Fabio Metitieri dice:

    E’ interessante notare che nessuno, a parte il diretto interessato, si e’ accorto che non era lui. Neppure sua moglie, che si e’ solo stupita per avere ricevuto una seconda frendship request.

    Significhera’ qualcosa?

    Ciao, Fabio.
    http://xoomer.alice.it/fabio.metitieri

  4. raxi dice:

    Meno male che c’è Fabio che ne sa una piu’ del diavolo.

    E chi gliela fa a lui?

    Facebook merita l’inquinamento. E’ nella natura delle cose. O volete un ambiente immacolato? Facebook è il reality show de noartri portato sul web. Il minimo che ci vuole è qualche camionata di rumenta.

    Davvero ci stupiamo di qualche innocente e goffo sopruso d’identità?

  5. lunar dice:

    che facciamo, torniamo a parlare della VOSTRA vita online? Ci mettete le foto vostre, della moglie, dei figli e vi lamentate che qualcuno vi rubi l’identità digitale? Basta un ragazzino con cinque minuti liberi e una tastiera impertinente per prendere per culo anche la moglie del diretto interessato? Internet è anche questo. Inutile fare gli struzzi. Si consoli Luna. Non è il primo e non sarà l’ultimo. Purtroppo.

  6. abragad dice:

    Fosse stato Vespa, Serra, Mentana o altri giornalisti di “mainstream media” il Mante avrebbe scritto un saggio post sui vecchi tromboni che “non capiscono il nuovo mondo della Rete”.

  7. Anonymous dice:

    Io la trovo una storia inquietante.
    Non vedo perchè si debba accettarla con benevolenza, anche se la fiducia con cui si mette un po’ tutto in “piazza” comporta dei rischi. Che fare?

    Elena

  8. spider dice:

    Che poi non c’è bisogno di mettere in piazza nulla, basta fare un profilo falso e aspettare.