02
Set

E’ possibile che io sia l’unico a pensarlo e che si tratti in fondo di una semplice barbosissima paranoia da “pensatore differente” ma a me sembra che la scelta da parte di una azienda come Google di presentare al mondo il suo innovativo primo superveloce web browser o quel che è, SOLO per Windows sia una scelta profondamente sbagliata almeno dal punto di vista della immagine aziendale. Google e’ forse la societa’ che maggiormente ha legato la propria immagine agli “standard” di Internet e cosi’ facendo (come del resto ha fatto altre volte in passato con Picasa e con altri pacchetti) e’ come se scegliesse di tradire un po’ se stessa. Era cosi’ assurdo aspettare il tempo necessario per avere pronta anche un versione di Chrome per mac e per linux?

update: Wired ha un articolone di Steven Levy sulla nascita di Chrome.

31 commenti a “CROMATURE XP”

  1. Fabrizio dice:

    Di solito leggo in silenzio, però questo un commento proprio me lo ispira.

    Sai cosa mi ricorda questa scelta di Google ? Mi fa tanto pensare alle Olimpiadi. Tutti sono prontissimi a parlare di diritti umani e a sbraitare che vanno difesi, salvo poi fare comunque i giochi olimpici in Cina per non danneggiare gli interessi economici di nessuno, anche se fuori dagli stadi i tibetani continuano ad essere presi a mazzate.

    In modo molto più lieve tutti sono pronti a parlar male di Windows, però quando c’è da pensare ad un prodotto è la prima (e spesso unica) piattaforma supportata, perché la più ricca di utenti.

    Sinceramente da un’azienda come Google ci sarebbe proprio stato da aspettarsi qualcosa di diverso… Forse dovrebbero cambiare il motto in: Don’t be (too) Evil…

  2. Mushin dice:

    Si era già  visto ai tempi di Picasa un ritardo nell’implementazione del client mac, diventato menefreghismo nei confronti del client mac di GTalk e adesso sancito da questo.

    Meglio per Firefox, ha psazio di contrattaccare. Secondo me è tutto da dimostrare che Chrome supererà  FF in preferenze dell’internet che conta. Secondo me è più facile che comprim a le quote di IE.

    Del resto aspettiamo ancora la famosa “esplosione” di GTalk…

  3. Biccio dice:

    Le caratteristiche di questo browser lo rendono fortemente legato al sistema operativo (sul tema della gestione della memoria in primis, ma anche su altre questioni). Su Chrome Google lavora da anni, e in questo lasso di tempo Apple ha lanciato Leopard. La riccostruzione più plausibile secondo me è che ad un certo punto, non riuscendo a chiudere la versione Mac per ritardi tecnici, per ragioni magari più connesse all’andamento di mercato di Google, hanno optato per il male minore: lanciarlo solo in versione Win.
    Fantafinanza?

  4. Anonymous dice:

    Linux:
    http://dev.chromium.org/developers/how-tos/build-instructions-linux

    Mac Osx:
    http://dev.chromium.org/developers/how-tos/build-instructions-os-x

  5. Marco Bellucci dice:

    Beh, però ha già  rilasciato il codice sorgente, e come disse un puffo… che è meglio!

  6. xarface dice:

    c’è già  per entrambi (vedi il commento dell’anonimo), forse devono solo pacchettizzarlo.
    se vai con linux su google.it/chrome, trovi un messaggio che dice che a breve sarà  disponibile, con mac non so.

    c’è poi da tenere conto del fatto che è basato su webkit, cioè il vecchio KHTML, pezzo pregiato di KDE: la cosa dovrebbe ragionevolmente rendere più semplice la portabilità .

    per quel che dice Biccio, ho i miei dubbi: a parte l’interfaccia, il resto *non è* affatto legato all’OS, da quel che ne so

  7. Prometeo dice:

    Webkit non è soltanto un branch (molto migliorato) del vecchio KHTML: è il branch “creato” da Apple alla base di Safari. In un certo senso, Chrome è una variante di Safari, con una diversa interfaccia, un differente interprete javascript e altri cambiamenti più o meno importanti (a seconda del lato da cui li si guarda ;-)

    E’ molto interessante che Google abbia scelto webkit e non gecko (il motore di Mozilla/Firefox) per creare il proprio browser, e credo vada rimarcata questa scelta a testimonianza della bontà  del lavoro fatto da Apple finora (e ricordiamo ai distratti che webkit è open source).

  8. Jack dice:

    Questo potrebbe far capire “l’odio” di Google verso M$ facendo uscire Chrome su Windows prima degli altri OS, scontrandosi con IE direttamente sul suo stesso territorio. Purtroppo ci andrà  di mezzo Firefox più di Explorer. Vedremo come si evolverà  la situazione

  9. Stefano Mainardi dice:

    Mi sembra azzardato legare il fattore “immagine” e “standard di Internet” con una release di un software su piattaforma Microsoft. Nonostante tutto Microsoft oggi detiene ancora enormi percentuali di distanza dal resto del mondo, IE compreso.

  10. dotcoma dice:

    Chrome non vuole attaccare IE, ma Office. Quindi, è normale farlo uscire prima su Windows, imho.

  11. dotcoma dice:

    senza contare che, essendo 100% Open Source, il porting su OS X e Linux probabilmente non dovranno neppure farlo da soli…

  12. dotcoma dice:

    last but not least, mandano un chiaro messaggio: il nemico non è nè Apple-Webkit, nè Mozilla-Firefox, bensì Microsoft: Internet Explorer, Office e perfino Windows, che se passa l’idea di un “browser – sistema operativo”, Windows viene svuotato di valore e fin di significato, rimane solo “quella roba che ti hanno venduto sul computer e che usi solo per accenderlo e spegnerlo”…

  13. federicobalestra dice:

    Bah, io lo vedo legato al fatto che Bill vuole fare uscire una versione di IE senza i messaggini di Google adsense.

  14. koevet dice:

    Ciao, io ho appena passato una buona parte della nottata a cercare di compilare Chromium sul mio MacBook Pro ma senza successo, apparentemente mancano dei “pezzi” al codice sorgente disponibile.

  15. PiDave dice:

    Provato. Mi ero dimenticato di quanto puo’ essere fastidioso il web senza AdBlock. :(

  16. Biccio dice:

    @xarface: “Chromium’s overall design has been multi-platform from the start, but we are also committed to getting the details right for users on each platform. For an application that most of us “live in” most of the day, rough edges in the user experience or operating system integration are like having a stone in your shoe no matter how well the rest of the product works.”
    Amanda Walker (http://is.gd/29kF)

    Io traduco: per fare il browser che avevamo in mente, dovevamo lavorare seriamente con l’OS ospite, e con il Mac abbiamo ancora un po’ da fare.

  17. marco[n] dice:

    @pidave

    Gia’, anch’io appena ho provato a navigare sul sito di un noto giornale e sono stato travolto dalla pubblicita’, ho realizzato che non abbandonero’ FF tanto presto :-)

  18. Anonymous dice:

    per me si sono litati a windows per un problema di tempistica sbagliata, anche perché L’80% o più degli utenti windows non sanno nemmeno cosa sia un browser e pensa che internet sia l’icona con la e. Sono quelli che alimentano spam, malware e phishing.
    A loro di chrome non fregherà  nulla

  19. panda dice:

    uhm,ho installato chrome per provarlo,ho importato i dati da FF e ora con FF non mi segnala piu’ i messaggi gmail. che casualità 

  20. Bistecca dice:

    La vera domanda è: ma l’avranno lanciato almeno una volta?

    Bah…

  21. dotcoma dice:

    Adblock arriverà  presto anche per Chrome, no? :)

  22. Vincenzo Caico dice:

    ciao massimo, per una volta non siamo d’accordo. non perché io usi Win, ma perché non vedo alcun motivo di non rilasciare una versione già  pronta, solo per aspettare che siano pronte anche le altre per chi usa un OS differente… se una cosa è beta, è beta :)

  23. vuminch1 dice:

    più lo testo e più mi convinco che è una alpha, non una beta, farò solo un commento-prima impressione tecnica.
    Non so voi, ma miriadi di blocchi e problemi su https , GMAIL dietro a un normalissimo transparent proxy NON funziona, dietro a un’ISA ancora peggio,non apre proprio la pagina (sic) mentre IE/FF/SAF si.

    Verificato che le risorse di sistema (RAM+mem virtuale) usate sono più o meno le stesse (questo era annunciato), verificato che chiudendo i TAB si libera più memoria rispetto a IE/FF.
    Veloce, molto veloce su alcune cose, non ho notato tutto il miglioramento di cui si parla su Java…
    Google ne ha ancora un bel pò da macinare, imho.

  24. argiasbolenfi dice:

    Signori, il più grande WTF è che Google Bookmarks non è integrato in Chrome.. ma la strategia di sviluppo dei vari prodotti Google non è mai stata molto lineare..

  25. Anonymous dice:

    Avete letto della clausola dell’EULA, che concede a google il diritto di poter utilizzare tutto cioò che viene caricato attraverso il suo browser?

    Chrome no grazie!

  26. Anonymous dice:

    Riporto la clausola

    11.1 L’utente è proprietario del copyright e di qualsiasi altro diritto già  posseduto sui Contenuti inviati, pubblicati o visualizzati su o tramite i Servizi. Inviando, pubblicando o visualizzando i Contenuti, l’utente concede a Google una licenza perenne, irrevocabile, internazionale, non soggetta a diritti d’autore e non esclusiva per riprodurre, adattare, modificare, tradurre, pubblicare, eseguire in pubblico, visualizzare pubblicamente e distribuire qualsiasi Contenuto inviato, pubblicato o visualizzato su o tramite i Servizi. Detta licenza ha il solo scopo di autorizzare Google a visualizzare, distribuire e promuovere i Servizi e può essere revocata per alcuni Servizi, come definito nei Termini aggiuntivi dei Servizi in oggetto.

    http://www.google.com/chrome/eula.html

  27. vuminch1 dice:

    è la traduzione paro paro dei “Google Terms of Service” originali, leggendo attentamente l’ultimo capoverso ([..]Detta licenza[..]) non mi sembra ci sia da preoccuparsi, attendo lumi da giuristi

  28. vuminch1 dice:

    è la traduzione paro paro dei “Google Terms of Service” originali, leggendo attentamente l’ultimo capoverso ([..]Detta licenza[..]) non mi sembra ci sia da preoccuparsi, attendo lumi da giuristi

  29. luca ballerini dice:

    meno male che non sono l’unico che non si è spiegato come mai non ci sono le versioni per Mac e Linux.

    Che abbiamo fatto di male??
    e poi non voglio pensare che sia solo un attacco a Microsoft, commercialmente parlando potrebbe essere logico ma non dimentichiamo i record di Firefox e lì non c’è sistema operativo che tenga, la guerra è a tutto campo.

  30. Anonymous dice:

    L’ importante è che sia un prodotto OPEN SOURCE. In fondo Google è una società  commerciale ed è giusto che guardi il lato commerciale.
    Chiaramente l’ attacco è rivolto alla microsoft che ha ancora la maggioranza percentuale di installazioni del suo exploder WC-Closed chiaramente inferiore sotto ogni aspetto ai browser Open Source e nonostante le picconate micidiali che Mozilla-Firefox (Iceweasel) gli stanno dando.
    Del resto Google ha promesso che la versione Gnu-Linux sarà  pronta al massimo entro 30 giorni e c’è da dargli credito visto che per preparare Chrome ha attinto ai codici e ai motori browser utilizzati per Konqueror della Comunità  Open Source e Open Source in primis significa Gnu-Linux.
    Alien.

  31. Daniele@LG dice:

    Onestamente non la vedo come una cosa scandalosa, è solo una beta, messa online per capire l’impatto sull’utenza. Il fatto che abbiano detto che ci sarà  anche per linux e mac mi basta e avanza.