L’assunzione di Simone Brunozzi in Amazon e’ una bella storia da leggere.

(via wouq)

9 commenti a “LE COMPETENZE CANTANO”

  1. Antonio dice:

    Mantellini, diciamo che le aziende americane hanno un processo di screening anche tecnico serio, quando fai un colloquio in Italia ti fanno una decina di domande, e se ce n'e' qualcuna tecnica e' un miracolo, molto spesso lo fai con una persona incompetente e il loro obiettivo e' assumere la persona che costa di meno.

    Detto cio' complimenti a Simone, e benvenuto nella grande famigghia di Amazon :D

    Tra parentesi, ci lavoro da quasi due anni e avevo 25 anni quando mi hanno assunto, anch'io ho fatto interview tecniche per una giornata, piu' due colloqui telefonici uno prima del face-to-face e uno dopo.

    Diciamo che il processo di recruting minimizza la possibilita' che le persone sbagliate vengano assunte, che il team sia piu' o meno amalgamato nelle proprie competenze, e che le competenze tecniche in effetti esistano sul serio. Certo fare un discorso del genere in Italia in molti casi e' fantascienza, conta poco il capitale sociale e piu' quanto produci, poi se aggiungiamo il fatto che ti detassano gli straoardinari e' ovvio che la produttivita' schizzi alle stelle ()

  2. Simone Brunozzi dice:

    Uela', caro Massimo! Vedi, ero quel tipo che ti ha salutato all'evento di Current_TV a Roma appena prima dell'inizio (e certo, come fai a ricordartelo, ti avranno salutato in 48!). Ti leggo sempre e, anche se di rito, ci tengo a dirti che sei un punto di riferimento per molti.

    Grazie della citazione, spero di riuscire ad essere un bell'esempio di Italia, qui all'estero :-)

    Cheers,

    Simone

  3. Lunar dice:

    una bella storia, mante?

    questa è l'ennesima storia che fotografa il fallimento di un intero paese e tu la chiami una bella storia?

    fa piacere per Simone, ovvio, molto meno per l'Italia incapace di individuare competenze e saperle sfruttare.

    Questo è il paese dove contano solo le veline e i calciatori. Tutti glia ltri facciano le valige e scappino via, il più lontano possibile.

    e si, è proprio una bella storia.

  4. esaù dice:

    Ottima segnalazione mante. Il tuo eè veramente un bel blog e quando segnali cose del genere diventa pure molto utile.

  5. Massimo Moruzzi dice:

    "valigie" :-)

  6. Simone Brunozzi dice:

    Lunar: io non la vedo così dura… spero, davvero, che l'Italia riuscirà  a risollevarsi. In fondo, ognuno di noi "emigrati" lascia in Italia un pezzo di cuore :-)

  7. Lunar dice:

    @Moruzzi,

    ti è sfuggita questa: "glia ltri". Visto che ti diverte tanto. :P

    @Simone,

    questo è un paese stupendo per le vacanze. ecco, il pezzo di cuore lascialo per le vacanze.

  8. Massimo Moruzzi dice:

    beh, "glia ltri" è meno grave. e sì, mi è sfuggito :)

    cmq, concordo: buono per le vacanze, specie se un po' fuori stagione, anche se costoso.

  9. Lunar dice:

    Moruzzi,

    non è meno grave, è il segno che me ne fotto di quelli che stanno con la matita bicolore tra le dita. :)

    e visto che si parla di competenze sappi che l'accademia della crusca a me non ha mai dato da mangiare.

    Io, da sempre, mi guadagno la pagnotta facendo funzionare macchine dal costo di svariati milioni di euro e ti assicuro che non si sono mai adombrate se a volte sbaglio un congiuntivo.