Il prezzo su iTunes Store non e’ forse dei piu’ abbordabili (99 cent a traccia) ma quello che so e’ che se 25 anni fa, quando adoravo suonare, mi avessero proposto di acquistare le varie tracce musicali delle mie canzoni preferite (e se a quei tempi fossero esistiti software come Garageband e non solo scricchiolanti registratori a 4 piste) io sarei impazzito dalla gioia. Anche senza l’opzione di presentare il mio remix alla mia band preferita.

8 commenti a “RADIOHEAD REMIX”

  1. garethjax dice:

    eppure mi sembra che l'avesse gia' percorsa Trent Reznor questa strada, l'anno scorso, facendo scaricare (gratis per giunta) le tracce da remixare. Non che contesti la cosa, perche' dopotutto e' un gesto di apertura, mi sembra un po' "vanesio" far pagare per delle tracce. Insomma e' come se andassi da ikea e mi proponesse di comprare del legname e dei chiodi con sopra un cartello "Tavolo Stukke open source: assemblalo come vuoi tu!"

  2. fabio dice:

    confermo l'iniziativa di trent reznor… non a pagamento

    l'operazione dei radiohead è penosa

  3. ArgiaSbolenfi dice:

    L'idea di pubblicare musica in forma remixabile risale almeno ad un album di Todd Rundgren del lontano 1993, uscito nell'innovativo formato CD-i :-)

  4. luca dice:

    Se ripenso ai tempi delle cassettine audio.. ricordo che quando uscirono gli walkman non credevo ai miei occhi. Poter correre con la musica che col sussulto dei passi si trasformava in note tremolanti…

    Con la tecnologia di oggi penso: chissà  cosa proverebbe chi resuscitasse dopo essere morto soltanto 20 anni fa…

    Ah siete al corrente del v-day? Ho letto una cosa sconcertante su questo blog http://www.danielemartinelli.it chissà ..

  5. luca dice:

    Se ripenso ai tempi delle cassettine audio.. ricordo che quando uscirono gli walkman non credevo ai miei occhi. Poter correre con la musica che col sussulto dei passi si trasformava in note tremolanti…

    Con la tecnologia di oggi penso: chissà  cosa proverebbe chi resuscitasse dopo essere morto soltanto 20 anni fa…

    Ah siete al corrente del v-day? Ho letto una cosa sconcertante su questo blog http://www.danielemartinelli.it chissà ..

  6. Achille dice:

    Dovrei mettermi a cercare, ma a memoria mi sembra l'avessero fatto i Beastie Boys, sempre gratis, legandolo ad una specie di concorso.

  7. Pietro dice:

    l'ha già  fatto anche Peter Gabriel , da alcuni anni esiste questo sito da cui si può tra l'altro scaricare il Pack con tutte le traccie originarie di Shock the Monkey.

    http://www.realworldremixed.com/index.php

  8. Pasquale dice:

    Beh, la cosa non è nuova neppure per l'italia. Anni fa Marco Parente, un artista poliedrico e geniale a mio avviso, aveva pubblicato su internet le tracce di "Anima Gemella", un pezzo tratta dal suo disco nuovo di allora. Molti, tra cui il sottoscritto, remixarono il brano tirandone fuori cosi tuttaffatto differenti dall'originale.

    Il progetto è ancora in corso ed anzi mi pare si sia arrichito di materiale nuovo.

    Lo trovate qui:

    http://www.marcoparente.it/opensource/

    Ah, beninteso, la roba è gratis. Con buona pace dei Radiohead.

    P.